Salute 29 Maggio 2020 13:20

Settimana della tiroide, Toscano (AME): «È legata allo stress e condiziona la fertilità»

Si celebra, quest’anno, dal 25 al 31 maggio. Vincenzo Toscano (Past President dell’Associazione Medici Endocrinologi) «La gestione dello stress è importante per la salute della tiroide. Dobbiamo tornare a sensibilizzare le persone sulle patologie tiroidee»

Settimana della tiroide, Toscano (AME): «È legata allo stress e condiziona la fertilità»

Così piccola ma tanto preziosa, motivo per cui va salvaguardata. Sei milioni di italiani soffrono di problemi tiroidei, ma molti ne sono inconsapevoli e non ricevono un trattamento adeguato. Tra le più frequenti, ci sono le forme di iper e ipotiroidismo, il gozzo, i noduli tiroidei e le patologie autoimmuni.

«I sintomi di malattie legate alla tiroide – spiega a Sanità Informazione il professor Vincenzo Toscano, Past President dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) sono sovrapponibili a quelli di altre patologie: aumento o perdita di peso, stanchezza, affaticamento, debolezza, ma anche sbalzi d’umore, alterazioni del ciclo mestruale e difficoltà nel concepimento di un bambino. Questo confonde e rende più difficile la diagnosi di una specifica patologia tiroidea».

Qual è il primo esame per verificare la salute tiroidea? «Innanzitutto – risponde Toscano, professore ordinario di Endocrinologia a Roma – va quantificato nel sangue il livello dell’ormone ipofisario TSH che è più che sufficiente per darci un’informazione sulla funzionalità tiroidea». Utile anche valutare la concentrazione degli ormoni tiroidei (FT3 e FT4) che regolano il metabolismo: un’eccessiva o un’insufficiente produzione di questi due ormoni causa le disfunzioni note come ipertiroidismo e ipotiroidismo. «Poi – aggiunge Toscano – è fondamentale assumere il giusto fabbisogno di iodio nella dieta». Lo iodio, infatti, è un componente essenziale per la produzione di questi ormoni e deve essere presente in quantità adeguata nella nostra alimentazione; la carenza di iodio determina un malfunzionamento della tiroide.

LEGGI ANCHE: ENDOCRINOLOGIA: IN AUMENTO L’USO DELLA TELEMEDICINA. LE PAROLE PIÙ CERCATE SONO “MENOPAUSA” E “TIROIDE”

L’emergenza Covid-19 ha drasticamente cambiato le nostre vite e questo ha generato ansia e tensione. «La tiroide è legata allo stress perché i soggetti con ipertiroidismo possono essere in qualche modo “predisposti” a scatenare di fronte allo stress una problematica di ripresa dell’iperattività della tiroide. Inoltre – precisa il professore – la tiroide subisce lo stimolo di una situazione stressante perché condiziona moltissimo il sistema endocrino nelle sue due componenti che sono rappresentate dall’iperproduzione di cortisolo e di prolattina, gli ormoni dello stress – sottolinea -. In risposta ad un elevato stress psico-fisico, la prolattina può subire alterazioni momentanee e ci può essere una modificazione del TSH».

Le malattie della tiroide condizionano anche la fertilità: «Le persone che soffrono sia di ipotiroidismo che di ipertiroidismo presentano dei problemi mestruali di irregolarità e di ovulazione. A livello di ovulazione, la situazione della positività degli anticorpi ha portato all’osservazione di una maggiore abortività nelle donne soprattutto over-35. Questa può essere una delle cause di infertilità – continua il professore – e nel momento in cui si progetta una gravidanza un po’ più avanti con gli anni è necessaria una valutazione degli ormoni tiroidei perché la salute della tiroide è equivalente a una migliore ovulatorietà, concepimento e mantenimento della gravidanza. Inoltre – evidenzia Toscano – nei soggetti che hanno un ipotiroidismo oltre a iniziare la tiroxina va valutato il valore del TSH durante tutta la gravidanza per essere certi di mantenere un buon compenso tiroideo».

LEGGI ANCHE: NODULI DELLA TIROIDE, DONNE COLPITE 5 VOLTE IN PIÙ DEGLI UOMINI. MONITO DI AME: «BENIGNI NEL 95% DEI CASI, ECCESSO DI INTERVENTI»

La probabilità di contrarre l’infezione virale da nuovo coronavirus non è maggiore nei pazienti con malattie autoimmuni. «Tuttavia – continua il professor Toscano – i soggetti che soffrono di ipotiroidismo da tiroidite, se contagiati, potrebbero avere una risposta immunitaria leggermente meno vivace rispetto al resto della popolazione e sviluppare una malattia più seria».

La settimana della tiroide, che si celebra dal 25 al 31 maggio, è dedicata alla prevenzione delle malattie tiroidee. «Dobbiamo tornare a sensibilizzare le persone soprattutto dopo il lockdown, quando c’è stata una difficoltà oggettiva ad accedere alle strutture, condizionate dall’emergenza in atto, anche, purtroppo, per i soggetti ammalati di tumore della tiroide o di patologie tiroidee importanti. Gli ambulatori degli ospedali sono stati riaperti – conclude Toscano – ed è importante che le persone tornino negli ospedali, soprattutto chi ha patologie che richiedono un approccio assistenziale–terapeutico».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Guarire stress, depressione e dipendenze con la montagnaterapia
Nata nel secolo scorso negli Stati Uniti è oggi una pratica diffusa in tutto il mondo. In Italia la SIMont crea una rete di psichiatri che lavorano in sinergia con guide alpine. Brega (direttore psichiatria Feltre): «Camminare in montagna consente di ascoltare il proprio corpo e superare la paura di non farcela»
Venti minuti di mindfulness per prendersi cura di sé
Venti minuti di mindfulness al giorno possono aiutare a combattere stress, frustrazione e stanchezza
di Redazione
Sostanze chimiche e cancerogene nelle giovani donne della “Terra dei fuochi”, a rischio la fertilità
Al 38º Congresso annuale ESHRE 2022 presentate due nuove ricerche su Bisfenoli e Policlorobifenili contenuti in eccesso nei fluidi follicolari e nel sangue
Il futuro della nostra alimentazione passa dai cibi Superfood
Lo chef Carmine Mottola ci propone una sua ricetta semplice ma ricca di «super food»: il Risotto con  curcuma, sesamo nero, salsa falafel e Pepe nero
di Stefano Piazza
Giornata mondiale DCA, Valentina adesso sa volare. «Ho imparato ad amarmi. Il diario la mia salvezza»
A Sanità Informazione Valentina Capogna racconta come ha ripreso in mano la sua vita, segnata dai DCA, da anni di bulimia nervosa: «Ho imparato ad ascoltare i segnali del mio corpo, allenare il muscolo del cuore, sciogliere la corazza coperta da chili di cibo. Per donare amore a me stessa e agli altri. Cambiando io, è cambiato tutto il mondo intorno a me»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa