Salute 21 Maggio 2018

Tiroide e gravidanza, Toscano (AME): «Carenza iodio può causare depressione post-partum»

Dal 21 al 27 maggio si celebra la Settimana Mondiale della Tiroide: «È necessario creare cultura e sensibilità su patologie tiroidee, formando tutti i medici perché riconoscano i sintomi più frequenti e si arrivi a diagnosi precoce». Così il Presidente AME Vincenzo Toscano

Immagine articolo

“Tiroide è Energia”. È questo il tema  della Settimana Mondiale della Tiroide di quest’anno, nata per sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi connessi alle malattie della tiroide ed alla loro prevenzione. Sono sei milioni gli italiani con un problema a questa ghiandola, “centralina” che gestisce l’energia del nostro organismo regolando il metabolismo, controllando il ritmo cardiaco, lo sviluppo del sistema nervoso e la forza muscolare. Una riduzione di questo ormone (ipotiroidismo) o un eccesso (ipertiroidismo) alterano tutti questi processi. Anziani, neonati e donne in gravidanza sono i soggetti più vulnerabili: un apporto di iodio non adeguato in gravidanza può provocare alterazioni dello sviluppo intellettivo e cognitivo del bambino e peggiorare lo stato depressivo delle donne dopo il parto. Il Professor Vincenzo Toscano, Presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) ha ribadito ai nostri microfoni l’importanza di una formazione adeguata e specifica sulla tiroide per i medici di famiglia e tutti gli operatori del sistema sanitario per arrivare a diagnosi corrette e tempestive.

Professor Toscano, quanto è importante creare cultura e sensibilizzare l’opinione pubblica e tutto il mondo scientifico sulla prevenzione delle malattie tiroidee?

«La sintomatologia che i pazienti manifestano quando hanno una patologia tiroidea è piuttosto diffusa ma subdola, per cui diventa rilevante creare cultura non solo tra gli endocrinologi, che hanno già questa expertise, ma anche nei medici di medicina generale e negli altri operatori del sistema sanitario. È importante valutare gli ormoni tiroidei e stabilire la funzione della ghiandola attraverso l’enunciazione dei sintomi dei pazienti. Mantenere un adeguato apporto di iodio è fondamentale per le donne sia in fase di programmazione della gravidanza che durante la gravidanza stessa. Lo screening è fondamentale per diagnosticare eventuali disfunzioni tiroidee e curarle con l’introduzione di tiroxina. In caso di gravidanza, controllare la tiroide permette di evitare danni al feto soprattutto nelle prime venti settimane quando non si è ancora sviluppata la ghiandola nel bambino, permettendo il regolare sviluppo del sistema nervoso centrale e quindi un adeguato quoziente intellettivo di questo soggetto nel futuro».

Esiste anche una forma post-partum che, condizionando l’umore e il benessere della neo-mamma, viene spesso scambiata per depressione…

«La tiroide durante la gravidanza subisce un aumento come tutte le ghiandole endocrine, perché deve sopperire alla funzione ancora mancante delle ghiandole endocrine del feto: è iperstimolata e ipervascolarizzata ed è necessario un po’ di tempo perché ritorni nelle fasi basali pre-gravidanza. Durante la gravidanza la tiroide sviluppa spesso processi infiammatori e si può instaurare una condizione di ipotiroidismo. Questa alterazione può causare o peggiorare lo stato d’animo depressivo post-partum o produrre serie problematiche per quanto riguarda lo sviluppo della simbiosi madre-bambino».

A proposito del “fare cultura” sui crescenti problemi legati alle malattie della tiroide di cui parlava prima, quanto è importante che tutti i medici siano adeguatamente formati per riconoscere i sintomi più frequenti delle malattie tiroidee?

«È compito delle società scientifiche del settore fornire cultura anche agli altri operatori del SSN e soprattutto ai medici di medicina generale, che rappresentano il primo filtro tra paziente e sistema. Attraverso la formazione a distanza le società scientifiche possono stimolare la curiosità sulle patologie tiroidee anche tra gli infermieri, i fisioterapisti e gli altri operatori sanitari, che applicheranno queste conoscenze nel proprio lavoro quotidiano. Prevenire è essenziale: sappiamo come l’utilizzo del sale iodato, da quando è stata promulgata la legge che ne ha introdotto la presenza obbligatoria in tutti i punti vendita, ha portato ad una riduzione molto rilevante del gozzo nei primi anni di vita dei bambini».

L’incidenza dei problemi tiroidei negli uomini è un problema di cui si parla poco, come mai?

«La patologia autoimmune è meno frequente negli uomini per una costituzione ormonale, ma quella nodulare è frequente in entrambi i sessi. La differenza tra uomini e donne è che le prime sono molto più attente alle loro problematiche di salute. Gli uomini, invece, sono meno predisposti a prendersi cura della propria persona e del proprio stato di salute».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Disforia di genere: entra nel SSN la triptorelina, farmaco «blocca pubertà». Consulta Bioetica e società scientifiche approvano, pro life dice no
L’AIFA ha stabilito che il farmaco, un antitumorale, sia un medicinale erogabile a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale. Al tema è dedicata una guida realizzata dall'Associazione Medici Endocrinologi (AME), in collaborazione con Consulcesi Club: «Non considerare la varianza e la disforia di genere come disturbi è indispensabile in età infantile». Scienza& Vita si appella al governo
Malattie endocrino-metaboliche: a Napoli il 12 e il 13 dicembre esperti a confronto
Le malattie endocrino-metaboliche includono patologie a grande impatto per il numero delle persone colpite: le malattie della tiroide, il diabete, l’osteoporosi, la disfunzione erettile, i disturbi della sfera alimentare; malattie meno frequenti quali le malattie dell’ipotalamo, del surrene, malattie da carenza dell’ormone della crescita, e un gruppo ancora più ampio di malattie rare. Di questo […]
AME, nominati nuovi vertici. Guastamacchia (neopresidente): «Continuare ottimo lavoro con attenzione a giovani e pazienti»
La carenza dei medici tocca da vicino anche l’endocrinologia. Il presidente uscente AME (Associazione medici endocrinologi) Vincenzo Toscano mette in guardia: «Il numero degli endocrinologi è basso: è necessario potenziarne la figura nei diversi setting assistenziali»
Nuove linee guida per tumore tiroideo: 1 persona su 2 presenta noduli, ma solo il 5% è un tumore
Il tumore alla tiroide, seppur raro, è il tumore endocrino più frequente e riguarda circa il 5% dei noduli tiroidei, che invece sono molto comuni con una prevalenza di quasi il 50% della popolazione. Secondo l’ultimo rapporto Airtum, nel 2017 ci sono state più di 15.000 nuove diagnosi di tumore alla tiroide e si prevede […]
Endocrinologia, prima edizione del Premio Marco Attard: AME ne ricorda la figura
Ancora qualche giorno per partecipare alla prima edizione del Premio Marco Attard: scadranno infatti il prossimo 10 settembre i termini del Bando per il concorso per l’assegnazione di un premio a lui intitolato. “Il premio Marco Attard, spiega Vincenzo Toscano, Presidente AME, Associazione Medici Endocrinologi, promosso congiuntamente da AME Onlus e dall’Italian Thyroid Cancer Observatory […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone