Salute 15 Maggio 2018 12:24

Settimana Mondiale Tiroide, Olivieri (ISS): «Il 50% dei nuovi nati in Europa nei prossimi anni avrà QI più basso per carenza iodica»

Dal 21 al 27 maggio, iniziative di screening e incontri informativi sulle patologie tiroidee in tutta Italia. Paolo Vitti (Presidente SIE e coordinatore della Settimana): «Dobbiamo sensibilizzare la popolazione». Sono sei milioni gli italiani con problemi alla tiroide

Settimana Mondiale Tiroide, Olivieri (ISS): «Il 50% dei nuovi nati in Europa nei prossimi anni avrà QI più basso per carenza iodica»

Anche il PIL di uno Stato può risentire della carenza di iodio in gravidanza. Se, infatti, il bambino è esposto a questa carenza, non raggiungerà il proprio potenziale neurocognitivo: si stima che, proprio a causa dell’insufficiente assunzione di iodio da parte delle mamme in gravidanza, il 50% dei nati in Europa non raggiungerà nei prossimi anni un adeguato quoziente intellettivo. E considerato che gli economisti hanno dimostrato l’esistenza di una correlazione diretta tra il PIL di una nazione e il QI medio della sua popolazione, sono dati che incidono non solo sulla salute ma anche sul potenziale economico di uno Stato.

Ad illustrare questi numeri e la situazione dello stato nutrizionale iodico in Italia, in occasione della presentazione della Settimana Mondiale della Tiroide presso il Ministero della Salute, è Antonella Olivieri, Responsabile scientifico dell’Osservatorio Nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia (OSNAMI) dell’Istituto Superiore di Sanità: «Dal 2005, anno in cui è stata approvata la legge che ha introdotto un programma di iodoprofilassi su scala nazionale, ad oggi, lo stato nutrizionale iodico in Italia è molto migliorato. In base ai risultati della misurazione dello iodio nelle urine in campioni rappresentativi di bambini in età scolare, alcune Regioni, come Liguria, Toscana, Lazio e diverse aree della Sicilia, si possono dichiarare iodosufficienti. Questi dati di ioduria, e quindi di adeguata quantità di iodio – prosegue la dottoressa Olivieri -, sono coerenti con i dati delle stesse Regioni, a cui si aggiunge anche l’Emilia Romagna, in cui il gozzo in età scolare è praticamente sconfitto».

Nonostante «tutte le Regioni si siano molto adoperate per promuovere l’utilizzo del sale iodato e per attivare tutti i monitoraggi», in alcune aree la situazione non è ancora ottimale: «Le Regioni in cui la iodocarenza era più importante prima del 2005, come le Marche, stanno riscontrando più difficoltà a raggiungere la iodosufficienza, ma stanno comunque migliorando notevolmente la situazione».

Proprio per sensibilizzare la popolazione in merito ai problemi connessi alle malattie della tiroide e alla loro prevenzione, dal 21 al 27 maggio si celebra la Settimana Mondiale della Tiroide, il cui tema quest’anno è “Tiroide è energia”. A spiegare il motivo di questa scelta è Paolo Vitti, Presidente della Società Italiana di Endocrinologia e coordinatore e responsabile scientifico della Settimana: «La tiroide è la “centralina” che regola l’energia di tutto il nostro organismo, svolgendo una serie di funzioni vitali come la regolazione del metabolismo, la produzione di calore, il controllo del ritmo cardiaco, lo sviluppo del sistema nervoso, l’accrescimento corporeo, la forza muscolare e molto altro».

«Se questa ghiandola non funziona correttamente, come accade in oltre 6 milioni di italiani – continua Vitti – si riflette sul funzionamento di tutto il corpo e, per tale motivo, occorre non trascurare alcuni campanelli d’allarme rivolgendosi al proprio medico in ogni caso di dubbio».

Proprio a tal fine, in occasione della Settimana Mondiale, in Italia saranno organizzate diverse iniziative di screening e incontri informativi sulle patologie tiroidee. Organizzata con il patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanità, la Settimana è promossa da Associazione Italiana della Tiroide (AIT), Società Italiana di Endocrinologia (SIE), Associazione Medici Endocrinologi (AME), Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (SIEDP), Associazione Italiana Medici nucleari (AIMN), Società Italiana Unitaria di Endocrino Chirurgia (SIUEC), Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG) insieme al Comitato delle Associazioni dei Pazienti Endocrini (CAPE) e il supporto della European Thyroid Association (ETA). Per informazioni è possibile consultare il sito www.settimanamondialedellatiroide.it e la pagina Facebook dedicata “Settimana Mondiale della Tiroide”.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
La dieta della tiroide, ecco gli alimenti consigliati e quelli da evitare
Nell’intervista a Sanità Informazione, l’endocrinologa Serena Missori spiega quali sono i cibi che aiutano la tiroide e come lo stress influisce negativamente sulla salute di questa ghiandola. La chef Marisa Maffeo: «Mangiare bene senza rinunciare al gusto»
La settimana mondiale della Tiroide 2021 promuove la telemedicina
Si svolgerà dal 24 al 30 maggio, con il patrocino di ISS e con la partecipazione delle principali società scientifiche endocrinologiche, mediche e chirurgiche
di Federica Bosco
Tiroide, esami e terapie inappropriate. Dall’AME cinque raccomandazioni per fare meglio
In vista della Settimana mondiale della Tiroide, l'Ame ha diffuso cinque raccomandazioni utili sia per i medici che per i pazienti
Covid-19, AME: «Mal di collo? Possibile legame con tiroidite subacuta»
Associazione Medici Endocrinologi: «Recenti pubblicazioni scientifiche hanno mostrato una correlazione tra Covid-19 e malattie della tiroide. Nessun allarme, ma è bene rivolgersi al proprio medico in caso di sintomi 'sospetti'».
Settimana della tiroide, Toscano (AME): «È legata allo stress e condiziona la fertilità»
Si celebra, quest’anno, dal 25 al 31 maggio. Vincenzo Toscano (Past President dell'Associazione Medici Endocrinologi) «La gestione dello stress è importante per la salute della tiroide. Dobbiamo tornare a sensibilizzare le persone sulle patologie tiroidee»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva