Salute 15 Maggio 2018

Settimana Mondiale Tiroide, Olivieri (ISS): «Il 50% dei nuovi nati in Europa nei prossimi anni avrà QI più basso per carenza iodica»

Dal 21 al 27 maggio, iniziative di screening e incontri informativi sulle patologie tiroidee in tutta Italia. Paolo Vitti (Presidente SIE e coordinatore della Settimana): «Dobbiamo sensibilizzare la popolazione». Sono sei milioni gli italiani con problemi alla tiroide

Immagine articolo

Anche il PIL di uno Stato può risentire della carenza di iodio in gravidanza. Se, infatti, il bambino è esposto a questa carenza, non raggiungerà il proprio potenziale neurocognitivo: si stima che, proprio a causa dell’insufficiente assunzione di iodio da parte delle mamme in gravidanza, il 50% dei nati in Europa non raggiungerà nei prossimi anni un adeguato quoziente intellettivo. E considerato che gli economisti hanno dimostrato l’esistenza di una correlazione diretta tra il PIL di una nazione e il QI medio della sua popolazione, sono dati che incidono non solo sulla salute ma anche sul potenziale economico di uno Stato.

Ad illustrare questi numeri e la situazione dello stato nutrizionale iodico in Italia, in occasione della presentazione della Settimana Mondiale della Tiroide presso il Ministero della Salute, è Antonella Olivieri, Responsabile scientifico dell’Osservatorio Nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia (OSNAMI) dell’Istituto Superiore di Sanità: «Dal 2005, anno in cui è stata approvata la legge che ha introdotto un programma di iodoprofilassi su scala nazionale, ad oggi, lo stato nutrizionale iodico in Italia è molto migliorato. In base ai risultati della misurazione dello iodio nelle urine in campioni rappresentativi di bambini in età scolare, alcune Regioni, come Liguria, Toscana, Lazio e diverse aree della Sicilia, si possono dichiarare iodosufficienti. Questi dati di ioduria, e quindi di adeguata quantità di iodio – prosegue la dottoressa Olivieri -, sono coerenti con i dati delle stesse Regioni, a cui si aggiunge anche l’Emilia Romagna, in cui il gozzo in età scolare è praticamente sconfitto».

Nonostante «tutte le Regioni si siano molto adoperate per promuovere l’utilizzo del sale iodato e per attivare tutti i monitoraggi», in alcune aree la situazione non è ancora ottimale: «Le Regioni in cui la iodocarenza era più importante prima del 2005, come le Marche, stanno riscontrando più difficoltà a raggiungere la iodosufficienza, ma stanno comunque migliorando notevolmente la situazione».

Proprio per sensibilizzare la popolazione in merito ai problemi connessi alle malattie della tiroide e alla loro prevenzione, dal 21 al 27 maggio si celebra la Settimana Mondiale della Tiroide, il cui tema quest’anno è “Tiroide è energia”. A spiegare il motivo di questa scelta è Paolo Vitti, Presidente della Società Italiana di Endocrinologia e coordinatore e responsabile scientifico della Settimana: «La tiroide è la “centralina” che regola l’energia di tutto il nostro organismo, svolgendo una serie di funzioni vitali come la regolazione del metabolismo, la produzione di calore, il controllo del ritmo cardiaco, lo sviluppo del sistema nervoso, l’accrescimento corporeo, la forza muscolare e molto altro».

«Se questa ghiandola non funziona correttamente, come accade in oltre 6 milioni di italiani – continua Vitti – si riflette sul funzionamento di tutto il corpo e, per tale motivo, occorre non trascurare alcuni campanelli d’allarme rivolgendosi al proprio medico in ogni caso di dubbio».

Proprio a tal fine, in occasione della Settimana Mondiale, in Italia saranno organizzate diverse iniziative di screening e incontri informativi sulle patologie tiroidee. Organizzata con il patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanità, la Settimana è promossa da Associazione Italiana della Tiroide (AIT), Società Italiana di Endocrinologia (SIE), Associazione Medici Endocrinologi (AME), Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (SIEDP), Associazione Italiana Medici nucleari (AIMN), Società Italiana Unitaria di Endocrino Chirurgia (SIUEC), Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG) insieme al Comitato delle Associazioni dei Pazienti Endocrini (CAPE) e il supporto della European Thyroid Association (ETA). Per informazioni è possibile consultare il sito www.settimanamondialedellatiroide.it e la pagina Facebook dedicata “Settimana Mondiale della Tiroide”.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Tiroide, il mare non basta. Triggiani: «Lo iodio lo dobbiamo introdurre con gli alimenti»
«Si dice poco sale ma iodato, - spiega il segretario Associazione Medici Endocrinologi (Ame), Vincenzo Triggiani - perché è importante integrare questo micro-nutriente che è fondamentale per la produzione adeguata degli ormoni tiroidei, altrimenti la tiroide non funziona bene»
Settimana Mondiale Tiroide, dal 20 al 26 maggio convegni e screening gratuiti in tutta Italia
Raggiunta la iodo-sufficienza in Italia, ma per Antonella Olivieri, responsabile scientifico dell'Osservatorio nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia «l’obiettivo oggi è verificare che anche le nostre donne in gravidanza abbiano un adeguato apporto nutrizionale di iodio»
Tiroide, 7 Regioni hanno raggiunto la iodosufficienza ma 6 milioni di italiani ancora ne soffrono
In occasione della Settimana Mondiale della Tiroide sono stati diffusi i dati raccolti dall'Osservatorio Nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia. Paolo Vitti, presidente Società Italiana di Endocrinologia (SIE): «Fino a qualche anno fa tutta l’Italia era iodo-carente»
Nuove linee guida per tumore tiroideo: 1 persona su 2 presenta noduli, ma solo il 5% è un tumore
Il tumore alla tiroide, seppur raro, è il tumore endocrino più frequente e riguarda circa il 5% dei noduli tiroidei, che invece sono molto comuni con una prevalenza di quasi il 50% della popolazione. Secondo l’ultimo rapporto Airtum, nel 2017 ci sono state più di 15.000 nuove diagnosi di tumore alla tiroide e si prevede […]
Endocrinologia, prima edizione del Premio Marco Attard: AME ne ricorda la figura
Ancora qualche giorno per partecipare alla prima edizione del Premio Marco Attard: scadranno infatti il prossimo 10 settembre i termini del Bando per il concorso per l’assegnazione di un premio a lui intitolato. “Il premio Marco Attard, spiega Vincenzo Toscano, Presidente AME, Associazione Medici Endocrinologi, promosso congiuntamente da AME Onlus e dall’Italian Thyroid Cancer Observatory […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...