Salute 11 Maggio 2022 11:20

Seggi in reparti Covid e Green pass per il personale, nuove norme per le elezioni

In una nuova circolare unificata, firmata da Giovanni Rezza del ministero della Salute, sono state indicate le nuove regole per far vitare i cittadini positivi al Covid in sicurezza

Seggi in reparti Covid e Green pass per il personale, nuove norme per le elezioni

Per le prossime consultazioni elettorali e per i referendum che si terranno nel 2022 sono state previste nuove «misure di prevenzione dal rischio di infezione da Sars-CoV-2». Sono più che altro indicazioni pratiche contenute nella circolare unificata, firmata dal direttore generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute, Giovanni Rezza, come previsto dal decreto-legge n. 41 del 4 maggio 2022. L’obiettivo è quello di «salvaguardare il pieno esercizio del diritto al voto da parte di tutti i cittadini», anche quelli ricoverati per Covid o di coloro che sono positivi e in isolamento a casa, in occasione delle elezioni.

Modalità operative per assicurare ai cittadini con Covid di votare in sicurezza

La circolare riporta le «modalità operative» che assicurano, individuando apposite misure precauzionali di ulteriore prevenzione dei rischi di contagio, «la piena garanzia dello svolgimento del procedimento elettorale e referendario e della raccolta del voto, prevedendo anche per gli elettori Covid-19 positivi, in isolamento ospedaliero o domiciliare, esplicite modalità operative e di sicurezza che consentano, di poter prender parte attiva alle consultazioni».

Seggi speciali nelle sezioni ospedaliere con reparti Covid

Il decreto prevede la costituzione di sezioni ospedaliere nelle strutture che ospitano reparti Covid «con posti letto da 100 a 199 posti, che si aggiungono a quelli già previsti dalla normativa vigente nelle strutture sanitarie da 200 posti in poi». È «stato disposto che tali sezioni ospedaliere, tramite seggi speciali, possano provvedere alla raccolta del voto domiciliare per gli elettori sottoposti a isolamento per Covid-19, nonché ricoverati presso le strutture sanitarie con Reparti Covid-19 con meno di 100 posti letto».

Green pass per i membri delle sezioni ospedaliere e dei seggi speciali

Per la raccolta del voto presso le strutture residenziali sociosanitarie e socioassistenziali (Rsa) «i componenti delle sezioni ospedaliere e dei seggi speciali deputati alla raccolta del voto presso queste strutture devono essere muniti di certificazioni verdi Covid-19. Le operazioni di voto dovranno essere il più rapide possibile e dovranno svolgersi all’interno di locali dedicati, sufficientemente ampi ai fini del mantenimento del distanziamento e dotati di adeguato ricambio d’aria».

Voto a domicilio per i cittadini con certificato di positività al Covid

Per quanto riguarda il voto a domicilio, le persone positive al Covid devono certificare, verificata dal medico competente. «I componenti del seggio speciale – indica la circolare – dovranno indossare camice/grembiule monouso, guanti, visiera con mascherina chirurgica oppure dispositivi di protezione facciale di tipo Ffp2 o Ffp3».  L’elettore dovrà indossare la mascherina e lavare accuratamente le mani prima di procedere al voto. «La scheda, dopo la votazione, sarà depositata in un’apposita busta; le matite – si legge nella circolare – dovranno essere sanificate al termine dell’operazione di voto. Con il rigoroso rispetto delle indicazioni sopra descritte, le schede possono essere introdotte all’interno delle urne delle sezioni ‘ordinarie’, in quanto ciò non implica rischi per il personale addetto al successivo spoglio delle stesse, da effettuarsi come di seguito descritto».

Massima attenzione e misure specifiche per le operazioni di scrutinio

«Circa le operazioni di scrutinio, sebbene il rischio di contaminazione sia molto basso laddove le misure preventive in fase di raccolta siano state accuratamente applicate, al fine di ridurlo ulteriormente, si devono mettere in atto le seguenti misure: mantenere il distanziamento di almeno un metro; igienizzare frequentemente le mani con soluzione idroalcolica; indossare la mascherina chirurgica, da sostituire dopo sei ore; indossare guanti monouso se si devono maneggiare le schede; evitare di toccarsi il volto (sia a mani nude sia indossando i guanti), con particolare riguardo alle mucose orali, nasali e agli occhi»,

Prevista formazione del personale dedicato alla raccolta del voto

Necessaria, infine, la formazione del personale dedicato alla raccolta del voto domiciliare, anche in «considerazione del fatto che a raccogliere il voto a domicilio potrà provvedere anche personale non sanitario, è necessario che tale personale, oltre ad essere dotato di adeguati dispositivi di protezione individuale, riceva idonea formazione sul loro corretto utilizzo (procedure di vestizione, svestizione, smaltimento etc..) e sulle corrette procedure da seguire durante tutto l’iter relativo allo svolgimento delle attività di raccolta del voto al domicilio del paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali