Salute 20 Novembre 2021 16:45

Sanità territoriale, Donini (Emilia Romagna): «Avanti con équipe multidisciplinari e direzione assistenziale»

Per l’assessore alle politiche della salute eventuali restrizioni anti-Covid non dovrebbero valere per i vaccinati. L’intervista a Sanità Informazione

«Questa pandemia ci ha insegnato, intanto, a restare uniti. Per questo il dovere delle istituzioni è quello di tenere conto della valorizzazione di tutte le professioni sanitarie nella progettazione della sanità del futuro». Un po’ com’è stato fatto, come ci racconta Raffaele Donini, assessore alle politiche per la salute dell’Emilia Romagna (intervenuto al secondo congresso nazionale della Federazione Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione) proprio nella sua Regione, dove «il 23 di novembre approveremo la legge sulla direzione assistenziale», ovvero «una riforma molto importante perché consegna le professioni sanitarie anche la responsabilità di contribuire alle scelte della strategia delle aziende sanitarie locali».

Una situazione «che, per la verità, è già agita nella prassi ma non è mai stata codificata. Noi vogliamo quindi proseguire costruendo la sanità del futuro attraverso il lavoro comune dei professionisti. Io dico sempre: cosa c’è di meglio di un buon professionista? Un buon professionista che lavora insieme agli altri professionisti». Per questo, spiega Donini, «pensiamo anche ad équipe multidisciplinari che possano, all’interno del territorio, mettersi in carico il cittadino fino al suo domicilio» e rappresentare un «centro di riferimento nelle case della comunità».

E poi, ovviamente, bisogna continuare a «fronteggiare questa pandemia. Noi Regioni stiamo proponendo, in una interlocuzione con il Governo, ma poi vedremo il punto di caduta in cui si arriverà, di considerare il valore aggiunto e forte della vaccinazione come protezione per i cittadini», e quindi, qualora si dovesse arrivare ad un «andamento epidemiologico, magari non drammatico come in altri Paesi d’Europa ma comunque impegnativo», e qualora «si dovessero rendere necessarie delle misure di contenimento», a queste misure «non avrebbe senso far prendere parte anche coloro che sono vaccinati a ciclo completo. Ecco, la nostra proposta è questa – conclude l’assessore –, quella di valorizzare la vaccinazione come modo per uscire dall’emergenza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi