Salute 28 Ottobre 2021 12:10

Salute e rintracciabilità, Poligrafico e Zecca dello Stato creano il Passaporto digitale a tutela dell’agroalimentare italiano

L’obiettivo è combattere le contraffazioni più o meno mascherate e far sì che il gusto e la qualità italiane siano premiate dal mercato, anche garantendo a chi nel mondo cerca un prodotto italiano, che sia effettivamente tale

L’Italia è sempre stata tra i leader mondiali nell’eccellenza alimentare e nella tutela del proprio patrimonio, sia per varietà che per qualità dei prodotti.

A denotare l’eccellenza italiana è il controllo di qualità finalizzato a certificare e tracciare tutti i passaggi della Filiera agroalimentare, per aumentare la tutela del consumatore in Italia. Anche e soprattutto dal punto di vista della salute.

L’obiettivo è combattere le contraffazioni più o meno mascherate e far sì che il gusto e la qualità italiane siano premiate dal mercato, anche garantendo a chi nel mondo cerca un prodotto italiano, che sia effettivamente tale.

Per tutelare produttori e consumatori, è stato realizzato dal Poligrafico e Zecca dello Stato in collaborazione con CSQA e Fondazione Qualivita, uno strumento, il c.d. Passaporto digitale, ad adesione volontaria, che assicura il contrasto alla contraffazione dei prodotti agroalimentari, la corretta tracciabilità e riconoscibilità dell’origine del prodotto e al contempo ne valorizza la qualità certificata. Il sistema prevede come marcatore fisico un contrassegno personalizzato progettato con evoluti sistemi di stampa di sicurezza ed apposto sui beni da proteggere, ed un’App gratuita, Trust your Food®, per interagire con il contrassegno, attivando servizi di controllo/verifica e di comunicazione per i produttori, consorzi, autorità e consumatori.

Il contrassegno realizzato con sistemi di sicurezza assimilabili a quelli impiegati per la stampa di banconote, rende ogni singola unità di prodotto unica e immediatamente riconoscibile per i consumatori nazionali e internazionali. Inoltre, essendo dotato di un sofisticato sistema di codifica, consente l’identificazione e la tracciabilità del prodotto lungo tutti i passaggi della filiera.

La prima sperimentazione attivata riguarda la fattiva collaborazione con il Consorzio di tutela Cioccolato di Modica IGP. In quest’ambito sono stati forniti 10 milioni di contrassegni personalizzati, molti dei quali già apposti sulle confezioni e disponibili in commercio.

La seconda iniziativa è rappresentata dalla volontà del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP di prevedere il Passaporto Digitale per i propri prodotti, con la realizzazione di contrassegni personalizzati, in diversi formati integrando e arricchendo il collegamento all’App dedicata con numerosi dati di certificazione del prodotto.

Le soluzioni per l’anticontraffazione e la tracciabilità agroalimentare progettate e sviluppate dal Poligrafico e Zecca dello Stato si inseriscono nel più ampio processo di trasformazione digitale del nostro Paese, in cui la tecnologia si dimostra un fattore determinante per la tutela della sicurezza dei cittadini e per la crescita economica delle nostre imprese.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina estetica, con i fili di trazione lifting non chirurgico e risultati garantiti? Cosa dice l’esperto
Domenico Centofanti, vicepresidente SIME, analizza l’ultima moda in ambito estetico: costi, benefici ed effetti collaterali: «Terapia efficace e poco invasiva, con ridotti rischi di complicanze. Indicata per pazienti con un grado di lassità cutanea lieve e anche per chi ha già fatto botox e filler»
di Federica Bosco
Amenorrea e calo della libido, ecco i campanelli d’allarme dell’iperprolattinemia secondo AME
Renato Cozzi, presidente eletto AME: «La pandemia ha reso più difficile l’accesso agli ambulatori di endocrinologia e questo può avere ritardato anche le diagnosi»
Il 21 novembre è la giornata dell’assistente sanitario
Una data scelta in onore dell’anniversario della Carta di Ottawa, sottoscritta da tutti gli Stati appartenenti alla Organizzazione mondiale della Sanità nel 1986
Recuperare le liste di attesa: le risorse ci sono, ma sono utilizzate? E in che modo? L’indagine CIMO-LAB
Quici: «Non vorremmo, a questo punto, che a qualche decisore politico “illuminato” venga nuovamente l’idea di fronteggiare il problema delle liste d’attesa bloccando l’attività libero professionale del medico»
Orienta è la prima Agenzia per il Lavoro a diventare Dyslexia Friendly
Sono 2 milioni le persone con dislessia e altri disturbi specifici dell’apprendimento in Italia (4% della popolazione). Di questi 300mila vanno a scuola e 16mila all’Università. Sono 12mila coloro che, ogni anno, entrano nel mondo del lavoro. Per la prima volta quest’anno un’agenzia interinale è stata certificata Dyslexia Friendly
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano