Salute 19 Ottobre 2021 13:31

Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola

Dodici istituti alberghieri si sono misurati nella ideazione di quattro ricette sane e gustose realizzate dallo chef stellato Danilo Di Vuoto nell’ambito di una iniziativa promossa da Ail, Cittadinanza Attiva e ANDeA per insegnare sin da piccoli a prevenire alcune malattie della pelle con una cucina equilibrata

di Federica Bosco
Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola

Mangiare sano senza sacrificare il gusto non solo è possibile, ma necessario come strumento di prevenzione per diverse patologie della pelle, dai tumori, alle dermatiti atopiche. Questo il messaggio che chiude, dopo cinque mesi, il progetto formativo Health on the table che ha coinvolto dodici istituti alberghieri campani ed emiliani. Gli studenti, guidati da Danilo Di Vuolo, chef stellato, hanno ideato quattro piatti che sono stati valutati da un team di medici e nutrizionisti, secondo sei parametri: preparazione, impiattamento, equilibrio dei sapori, benessere, varietà e aderenza ai principi nutrizionali indicati nel materiale didattico fornito nella prima fase del progetto.

Il sostegno delle Associazioni

Promosso dall’Associazione italiana malati di melanoma, Associazione Nazionale dermatite atopica, Cittadinanza Attiva Intergruppo melanoma italiano e Fondazione Melanoma Onlus, il progetto ha voluto trasmettere agli studenti impegnati in questo percorso formativo, a conoscere il cibo anche come mezzo di prevenzione di diverse malattie. Particolarmente toccanti le parole di Giovanna Niero, presidente di Ail: «Sensibilizzare gli studenti in questo campo è essenziale – ha commentato, raccontando la sua esperienza -. Io sono mamma di due ragazzi che hanno fatto un istituto alberghiero a Venezia nel settore cucina e mi hanno aiutato durante la terapia proprio per una sensibilizzazione acquisita nei banchi di scuola. Infatti, un paziente in cura per neoplasie ha bisogno di sostegno anche a tavola, non solo con cibi che abbiano valori nutrizionali equilibrati, ma anche attraverso una presentazione dei piatti che invoglino il malato a nutrirsi con una alimentazione, corretta, gustosa, piacevole e sana». «La prevenzione a tavola è sinonimo di benessere anche per chi è affetto da dermatite atopica – ha aggiunto Mario Picozza, Presidente ANDeA – la dermatite atopica è una malattia infiammatoria e l’alimentazione è fondamentale per tenerla sotto controllo. Infatti, ci sono cibi che scatenano più prurito e dunque chi ne è affetto tende a restringere il campo degli alimenti da consumare. Questo è un circolo vizioso da cui si può uscire solo con la formazione. Quindi è importante imparare a mangiare sano per mangiare meglio».

La prevenzione a tavola

Un viaggio iniziato per gli studenti dei dodici istituti alberghieri lo scorso mese di maggio con un primo webinar formativo seguito dalla Health Master chef School, un percorso specifico realizzato per insegnare ai ragazzi l’importanza dell’utilizzo di alcuni ingredienti per prevenire e arginare le patologie della pelle. Ciascuna scuola ha preparato e inviato quattro ricette realizzate nella fase conclusiva dallo chef stellato Danilo Di Vuoto e commentate da Paolo Ascierto, Direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative presso l’Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione “G. Pascale” di Napoli e Gabriella Fabbrocini, direttore UOC di dermatologia clinica presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli-, con la partecipazione straordinaria dei comici Gigi e Ross che hanno saputo mantenere alta l’attenzione dei ragazzi durante la fase di preparazione dei piatti. «Un pasto sano per molti ragazzi è possibile oggi solo attraverso la mensa scolastica.   – ha sottolineato Gabriella Fabbrocini –. Un momento che tra l’altro è mancato durante la pandemia da Covid. È fondamentale, dunque, che i ragazzi apprendano sin da piccoli le nozioni basilari per delle corrette abitudini alimentari e ne facciano tesoro».

Il ricettario della pelle firmato Comix

Conclusa la fase formativa, ne seguirà una divulgativa che vedrà la realizzazione del “ricettario per la pelle”, un volume che raccoglierà tutte le ricette proposte dagli istituti alberghieri coinvolti nel progetto e sarà illustrata dalla Scuola italiana di fumetto Comix. «L’obiettivo è rappresentare nel miglior modo possibile ai giovani ricette sane e gustose e promuovere l’importanza dell’alimentazione come strumento di prevenzione e di cura di alcune malattie della pelle» ha concluso Ascierto.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colonscopia, anche per vegani una dieta senza sacrifici
«In accordo con i nutrizionisti, abbiamo redatto una serie di consigli specifici per vegani e vegetariani, con diete a bassissimo contenuto di fibre, che ci hanno consentito, di avere ottime preparazioni intestinali i cui valori sono pari a quelle dei pazienti che hanno assunto le preparazioni riportate nelle linee guida internazionali» spiega Luca Pecchioli, responsabile del Servizio di Endoscopia Digestiva dell’INI di Grottaferrata
Liste d’attesa: SSN investe sugli ambulatori specialistici accreditati per snellirle
Marino (Unindustria Lazio): «L’accordo tra Ministero della Salute e Regioni è quasi concluso. Presto i cittadini avranno un accesso più rapido alle prestazioni. Ora, il Governo offra un ruolo attivo agli ambulatori specialistici privati-accreditati nella realizzazione del PNRR»
La lotta al Covid comincia a tavola. I benefici della dieta chetogenica
Caprio (endocrinologo): «Da alcuni studi è emerso che tra i pazienti ricoverati in terapia intensiva sottoposti a dieta chetogenica il rischio di mortalità si è notevolmente ridotto. Questa dieta associata ad esercizio fisico può accelerare anche la ripresa dopo una forma severa di Covid»
Aprile mese della prevenzione dell’ictus, SIN e ISA: «Come riconoscere precocemente i fattori di rischio»
Ci sono fattori di rischio modificabili - legati allo stile di vita - e non modificabili per condizioni patologiche
Arriva FriP, il formaggio senza fosfati per i malati di reni
Il brevetto realizzato dai ricercatori della Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano rappresenta una grande occasione per gli oltre 4 milioni di italiani con problemi ai reni costretti ad una dieta priva di latticini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...