Salute 18 Febbraio 2021 09:50

«Ridi con me o di me?». Quegli adolescenti Asperger che sono vittime di bullismo, ma non lo sanno

Oggi è la Giornata mondiale della sindrome di Asperger. Lo psicoterapeuta: «Il 46% dei ragazzi autistici è vittima di bullismo, una percentuale che cresce in modo esponenziale tra i giovani Asperger, “presi in giro” dai compagni per i loro comportamenti insoliti nel 94% dei casi. Sette su 10 subiscono violenze fisiche»

di Isabella Faggiano

«Io ho pensato che fosse una regola strana, ma mi sono adeguata… Quei bambini mi hanno detto di andare con loro nei bagni. Lì dentro ho ricevuto un pugno nello stomaco ogni giorno… Mi hanno picchiato tutti i giorni fino a quando improvvisamente qualcuno lo ha detto all’insegnante… A quel punto è diventato molto chiaro che ero stata ingannata in qualche modo, così mi sono sentita stupida. Non ero forse io stessa ad andare a cercarli, casomai qualche giorno si fossero dimenticati di picchiarmi? Io pensavo che era così che doveva andare». È con queste parole che Gunilla Gerland, scrittrice svedese, affetta da sindrome di Asperger, descrive nella sua autobiografia A Real Person: Life on the Outside, come ci si sente a finire inconsapevolmente nel mirino del bullismo.

Asperger e bullismo in cifre

E Gunilla non è stata la sola ai suoi tempi e non lo sarebbe neanche se fosse adolescente oggi. «Come dimostrato da alcuni studi molte delle persone con sindrome di Asperger hanno delle peculiarità, fisiche e caratteriali, che li rendono vittime privilegiate dei bulli – spiega, in occasione della Giornata mondiale della sindrome di Asperger, Davide Moscone, psicologo e psicoterapeuta cognitivo comportamentale, presidente dell’associazione Spazio Asperger, membro dell’ordine degli Psicologi del Lazio -. Circa la metà dei ragazzi con autismo – il 46% –  è vittima di bullismo, una percentuale che cresce in modo esponenziale tra i giovani Asperger, che nel 94% dei casi vengono semplicemente “presi in giro” dai compagni per i loro comportamenti insoliti, ma nel 70% subiscono violenze fisiche».

Un tributo ad Hans Asperger

La Giornata della sindrome di Asperger si celebra il 18 febbraio in tutto il mondo, giorno in cui nel 1906 nacque Hans Asperger, il pediatra austriaco diventato punto di riferimento per la descrizione dei sintomi dell’autismo. Lo stesso professore già negli anni ’40 del 900 aveva decritto gli atti di bullismo nei confronti dei bambini autistici spesso tormentati e respinti dai coetanei. «Nel cortile della scuola o per strada – scrisse nel suo saggio dedicato all’autismo – capita di frequente di vederne uno al centro di un’orda sbeffeggiante di piccoli monelli, mentre mena furiosamente colpi alla cieca o piange sconsolato, inerme in entrambi i casi».

Perché gli Asperger “attirano” i bulli

Gli adolescenti con sindrome di Asperger vittime di bullismo, esattamente come descritto nel secolo scorso, possono avere reazioni sia passive che attive. «Debolezza fisica, difficoltà comunicative, timidezza, isolamento dal gruppo dei pari – continua Moscone – sono quelle caratteristiche che rendono i giovani Asperger vittime appetibili agli occhi dei bulli. Spesso, mancando di coordinazione motoria, diventano oggetto di derisione durante la pratica di attività fisiche. Gli adolescenti con sindrome di Asperger non hanno empatia e non comprendono i comportamenti dell’altro. Non distinguono se qualcuno ride “con loro” o “di loro” e, così, finiscono per difendersi anche quando nessuno li sta attaccando. Malintesi che – sottolinea lo psicoterapeuta – a volte, possono degenerare anche in liti violente, tutt’altro che verbali».

Nel mondo virtuale come nel mondo reale

Tutte le caratteristiche che espongono gli adolescenti Asperger ad atti di bullismo non si attutiscono nel mondo virtuale. «Amano i social al pari dei coetanei, a volte hanno anche con una spiccata propensione all’utilizzo delle tecnologie. Ma – spiega Moscone – la loro condizione non gli permette di avere un’interazione adeguata con i propri pari. Si espongono con commenti non filtrati dall’empatia e dalla capacità di comprendere l’altro e l’inadeguatezza del loro linguaggio li espone ancora una volta alle grinfie dei bulli. In questo caso dei cyberbulli».

Dal bullismo al mobbing

Questi fenomeni, se non individuati e tenuti a bada da adeguati percorsi terapeutici, possono trasformarsi in traumi sociali che si ripercuoteranno anche nella vita dell’adulto: «Molti dei miei pazienti, non più adolescenti, restano vittime inconsapevoli anche a distanza di anni. Non riescono a capire perché certe esperienze negative siano toccate proprio a loro». E come se non bastassero i problemi affrontati in gioventù, non di rado, la storia si ripete. «Può accadere che diventino vittime di mobbing: hanno difficoltà a riconoscere l’autorità che normalmente, per consuetudine, viene attribuita ai propri superiori, a prescinde dalla stima che se ne ha. Poi, essendo lavoratori dalle straordinarie capacità produttive, vanno poco d’accordo con quei colleghi incapaci di tenere il loro stesso ritmo lavorativo», aggiunge lo specialista.

Una difficile realtà che, solo in Italia, riguarda tra le 300 e le 500 mila persone. Ma questa è soltanto una stima approssimativa a ribasso «perché – conclude Moscone -, il mondo è pieno di Asperger che non sanno di esserlo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Che cos’è il Fantamorto e perché attrae così tanti concorrenti. Le risposte dello psicoterapeuta
Il presidente dell’Osservatorio violenza e suicidio Callipo: «Tra i più giovani, questi giochi possono trasformarsi in mezzi di autogratificazione o autoaffermazione all’interno del gruppo dei pari»
di Isabella Faggiano
Deficit di attenzione, in America sbarca la videogioco-terapia
L’hi-tech in Italia, Civitillo (psicoterapeuta): «C’è un trend di grande apertura verso l’utilizzo di dispositivi multimediali pensati per lavorare con persone con deficit di attenzione e iperattività. Circolano software utilizzati per trattare i problemi legati all’apprendimento, altri che hanno lo scopo di favorire forme di socializzazione»
di Isabella Faggiano
Didattica a distanza, la psicoterapeuta: «Servono modalità di insegnamento innovative»
Intervista alla dottoressa Maria Cristina Gori, neurologa e psicoterapeuta, docente del corso ECM “Imparare dal Covid-19: le conseguenze psicologiche da isolamento e didattica a distanza”
Stagione che vai, umore che trovi: quando la meteoropatia è un disturbo psicologico
Si chiama disturbo affettivo stagionale e i suoi sintomi variano al cambiare delle stagioni. La psicoterapeuta: «In inverno prevalgono tristezza, stanchezza e letargia. D’estate perdita di peso, insonnia e ansia»
di Isabella Faggiano
L’OMS lancia un’indagine in 26 Paesi europei per valutare le conseguenze del Covid sulla psiche
De Girolamo (IRCCS Fatebenefratelli): «Questionario online per 10000 cittadini tra i 18 e i 70 anni per conoscere ripercussione che avrà il virus su sfera economica, percezione della malattia attraverso l’informazione e ruolo del vaccino»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...