Salute 20 Settembre 2022 15:24

Denti storti e bullismo: c’è una relazione?

L’Oral Health-related Quality of Life, Maccagnola (FACExp): «È una classificazione non solo della salute orale dell’individuo, ma anche del benessere funzionale, di quello emotivo, delle aspettative e della soddisfazione per la cura e della consapevolezza di sé»

Denti storti, mancanti o sporgenti sono la prima causa di bullismo in quasi un caso su 2. Al secondo posto ci sono peso e forma fisica. È emerso da uno studio pubblicato che ha preso in esame un gruppo di 920 studenti, 470 femmine e 450 maschi di Amman in Giordania, di età compresa tra gli 11e i 12 anni. Nel 47% dei casi i bambini venivano derisi per l’aspetto dei propri denti. Ma questo è solo un esempio. «Sono moltissimi gli studi che individuano una relazione fra le severe malocclusioni dentali e un’alterazione negativa della qualità della vita di bambini e adolescenti, soprattutto in relazione alla loro età e al loro ambiente culturale di appartenenza», spiega Valerio Maccagnola, presidente di FACExp.

L’ Oral Health-related Quality of Life

Il problema è talmente evidente e diffuso da aver spinto gli esperti del settore ad individuare una specifica metodologia di valutazione: si chiama OHRQoL ed è acronimo dell’espressione inglese Oral Health-related Quality of Life. «Questo concetto – aggiunge Maccagnola – include una classificazione non solo della salute orale dell’individuo, ma anche del benessere funzionale, di quello emotivo, delle aspettative e della soddisfazione per la cura e della consapevolezza di sé». Bambini e adolescenti sono i soggetti più a rischio e tra i difetti maggiormente diffusi ci sono gli incisivi superiori distanziati o overjet (ovvero i denti superiori sporgenti) e la presenza di alterazioni scheletriche importanti, come la mandibola piccola o il viso troppo allungato.

Denti storti; non per tutti sono un problema

«Tra gli 11 e i 14 anni si attraversa una fase parecchio delicata della vita, quella della transizione dall’infanzia all’adolescenza, durante la quale è possibile che si abbia una percezione più fragile del proprio aspetto fisico. È in questa fase – sottolinea il presidente di FACExp – che si comincia ad essere più esposti ad eventuali critiche da parte dei propri compagni, derisioni che, purtroppo, possono sfociare anche in episodi di vero e proprio bullismo». Tuttavia, è necessario chiarire che i “denti storti” non sono un problema per tutti, ovvero il disagio che ne può conseguire non è analogo per ogni individuo. «Ciascuno di noi ha le proprie caratteristiche, che non devono adeguarsi a uno standard estetico – sottolinea lo specialista -, ma consentire un corretto funzionamento del nostro organismo. Solo quando questo non accade si identifica un problema che deve essere risolto con un intervento ortodontico. È necessario prestare molta attenzione al benessere dei ragazzi nella fase delicata della loro crescita, senza sottovalutare l’importanza di insicurezze indotte dall’ambiente esterno, ma aiutandoli a leggere correttamente la situazione».

Intervenire sì, ma solo se necessario

«Le richieste di intervento per correggere manifestazioni dentali, devono sempre essere valutate dall’ortodontista nel complesso delle caratteristiche personali del bambino o dell’adolescente e indirizzate cercando un miglioramento nell’aspetto che può portare a una percezione più sicura di sé, a un miglior rapporto tra salute orale e qualità della vita ed una relazione più facile e più positiva col mondo esterno», dice il presidente FACExp. Anche per le malocclusioni dentali la prevenzione viene prima di tutto. «È consigliabile che tutti i genitori programmino una prima visita odontoiatrica di controllo verso i 6-7 anni di età, così da poter diagnosticare tempestivamente eventuali difetti. I “denti storti”, infatti, posso essere corretti nella maggior parte dei entro l’adolescenza. Ovviamente prima si interviene e meglio è. Sono rari i casi il difetto non sia correggibili in pochi e che sia quindi necessario aspettare l’età adulta per effettuate interventi certamente più invasivi, ma – conclude Maccagnola – ugualmente risolutivi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Schillaci: «Oltre 1 milione e 800mila bambini con carie non trattata. Puntiamo alla odontoiatra sociale»
In occasione della Giornata mondiale di promozione della salute orale, il ministro della Salute Orazio Schillaci ha dichiarato che c'è una quota di popolazione italiana che rinuncia alle cure dentistiche per motivi economici. «La salute orale è un tema dell'agenda di Governo e necessita di un programma di odontoiatria sociale»
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...