Salute 10 Gennaio 2017 11:05

INCHIESTA | Vaccini e code: «Vergognoso, siamo in fila dalle 4… Serve più informazione»

La paura del meningococco continua ad ingolfare le Asl di tutta Italia: siamo andati a visitarle con le nostre telecamere. Festività natalizie, ferie del personale sanitario e grande rilievo mediatico per i casi di meningite: «Anche gli anni scorsi c’era folla, ma mai come in questi giorni»

«Uno scandalo. C’è gente in fila dalle 5 del mattino e non ha la certezza di prenotarsi in tempo per le vaccinazioni». Perché al tagliandino di prenotazione che chi si è alzato all’alba prende dopo una prima fila (già bella corposa) quando il sole ancora non è sorto, né va aggiunto un altro con il numero di prenotazione definitivo. Se il numero è troppo alto, ovvero se c’è troppa gente prima, la prenotazione non serve e si deve tornare il giorno dopo. E, il giorno dopo, la storia si ripete.

È quanto sta succedendo nelle ultime settimane in praticamente tutte le Asl d’Italia che effettuano vaccinazioni contro il meningococco, ovvero il batterio che causa la meningite. Le cause di questa corsa al vaccino? «Tra la fine di dicembre e l’inizio di gennaio – ci dicono le persone in fila –, si crea una situazione particolare: i bambini non vanno a scuola, i genitori sono più liberi e buona parte del personale sanitario, giustamente, è in ferie». In aggiunta a tutto questo, la sua parte l’ha fatta anche l’enorme (e spesso ingiustificata) eco mediatica che ha trasformato una patologia di certo pericolosa, ma tutto sommato non diffusissima, nel nemico pubblico numero 1 in Italia. Ciò è avvenuto nonostante sia il Ministero della Salute che l’Istituto Superiore di Sanità abbiano cercato di tranquillizzare tutti confermando che non esiste alcuna emergenza, in quanto i dati relativi a contagi e morti non sono sostanzialmente diversi da quelli degli anni passati.

«Anche gli altri anni – ci conferma una madre che, insieme al marito, ha portato i propri bambini in ospedale per le vaccinazioni – abbiamo trovato molta gente in fila per le prenotazioni. Certo, mai così tanta, ma è comunque scandaloso che non riescano a garantirci il servizio». «Siamo venuti la prima volta a dicembre – ci racconta invece un padre con il proprio piccolo in braccio –, ma non abbiamo potuto far niente. Siamo tornati oggi e dovremmo riuscire a farcela. In ogni caso – rivela – so che a partire dal 15 gennaio cambieranno le modalità di prenotazione e le code dovrebbero scomparire».

Resta il fatto che, dopo anni di declino e scetticismo, l’attenzione verso i vaccini sembra tornata ai livelli di un tempo. «Il medico ci ha consigliato di fare questo tipo di vaccino, ma non ce n’era bisogno: lo avremmo fatto comunque. Sappiamo che c’è gente che non la pensa come noi. Per questo serve più informazione, sia tra i medici che tra i pazienti».

In tema vaccini ecco altri approfondimenti:

Vaccini, Burioni: «Medici anti-vaccini da radiare subito come in Francia». Ricciardi (ISS): «Torneranno poliomielite e difterite»

Psicosi vaccini, la parola a Piero Angela: «Medici ecco quello che non sapete…»

Allarme meningite: Toscana, dal 2015 ad oggi 60 casi e 13 decessi. È corsa ai vaccini

Vaccini, obbligo o scelta? Lavra (OMCeO Roma): «Rischiamo ritorno della poliomielite»

Articoli correlati
Chi è vaccinato contro il Covid-19 può trasmettere l’infezione ad altre persone?
Ma le persone vaccinate contro il Covid-19 possono davvero trasmettere il virus ad altri? Uno dei principali appigli a cui si aggrappa chi nutre dubbi sulla vaccinazione anti-Covid è che essere immunizzati non significherebbe non trasmettere il virus ad altri. Ed in effetti le autorità sanitarie, italiane e internazionali non hanno smentito l’eventualità. AIFA: «Anche […]
Vaccini, Simedet-Unid: «Ripercorrere la storia dell’Immunologia per capirne l’importanza»
L'argomento è stato al centro dell'incontro “La vaccinazione: strumento culturale di prevenzione e cura. Come l’Immunologia ha cambiato la Medicina” organizzato dalla Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Cento milioni di dosi scadranno a breve e i Paesi poveri aspettano impotenti
Passati da tempo i problemi di approvvigionamento, ora c’è una tale quantità di vaccini in circolazione che i Paesi ricchi non riescono più a smaltirli. E mentre la FDA americana approva la terza dose di Pfizer per gli over 65, sia Biden che Draghi promettono nuove donazioni ai Paesi in via di sviluppo
Covid, Gimbe: «Scendono ancora nuovi casi e ricoveri. Misure insufficienti nelle scuole»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe conferma un ulteriore calo di tutte le curve, ad eccezione dei decessi che si confermano stabili. L’esitazione vaccinale persiste negli over 50 e frena la fascia 12-19: 1,5 milioni di ragazzi non hanno ancora ricevuto nemmeno una dose di vaccino
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 settembre, sono 232.357.690 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.756.701 i decessi. Ad oggi, oltre 6,12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano