Salute 6 dicembre 2016

Vaccini, obbligo o scelta? Lavra (OMCeO Roma): «Rischiamo ritorno della poliomielite»

Obbligo copertura vaccini, è scontro fra Regioni. Parla Giuseppe Lavra, Presidente dell’Ordine di Roma: «D’accordo con l’obbligo. Vergogna per i medici che mettono in dubbio la validità e l’efficacia della scienza. I genitori hanno la responsabilità di proteggere i propri figli ma anche la comunità intera»

Allarme coperture vaccinali in calo, dopo la decisione dell’Emilia Romagna di rendere obbligatori i vaccini per l’iscrizione al nido, anche altre Regioni prendono posizione. Come già noto la Lombardia e la Liguria si sono opposte a questa decisione dichiarando che, nonostante le coperture vaccinali siano fondamentali per il bene della comunità, è altrettanto importante la libertà di scelta del cittadino che deve poter decidere autonomamente senza imposizioni dall’alto. Toscana e Sicilia sposano l’iniziativa dell’Emilia e non solo dichiarano di voler rendere obbligatorio il vaccino ai bambini del nido ma anche a quelli della materna. In Puglia si parla addirittura di profilassi obbligatoria anche per elementari, medie e superiori e nelle Marche si discute se sanzionare i genitori che non presentano le certificazioni delle vaccinazioni alle istituzioni scolastiche. Il Lazio con capofila il Presidente della Regione Zingaretti, propone di seguire l’esempio dell’Emilia Romagna e il Veneto, inizialmente contrario all’obbligo, sta ritornando sui propri passi con l’ipotetica approvazione di una delibera che avalli le coperture. Infine Piemonte, Umbria e Sardegna ancora non si sono pronunciati.

Sul tema vaccini interviene Giuseppe Lavra, Presidente Omceo Roma, che in occasione dell’evento ‘In scienza e coscienza’ promosso dall’Ordine dei Medici di Roma, ai microfoni di Sanità Informazione dichiara: «Si diffondono sempre più in maniera preoccupante campagne anti-vaccini che reputo assurde. Spesso sono anche personaggi famosi a sostenere queste assurdità e ancora peggio, talvolta ad esporsi contro le coperture sono anche gli stessi medici che mettono in dubbio l’efficacia e la validità scientifica dei vaccini, questo è un capitolo vergognoso per il nostro Paese». Molte malattie grazie ai vaccini sono sparite, prosegue Lavra «abbiamo debellato la polio, la mia generazione è l’ultima che ha visto qualche caso di questa terribile malattia, io non vorrei che ci ritrovassimo di nuovo a fare i conti con queste patologie». Per quanto riguarda la presa di posizione dell’Emilia Romagna sul rendere obbligatori i vaccini per l’iscrizione al nido «sono assolutamente favorevole – spiega il presidente – fanno bene gli amministratori e i responsabili dei governi regionali che sposano questa iniziativa, ritengo che un genitore che porta il figlio in un contesto dove sono presenti altri bambini oltre a tutelare il proprio bambino abbiano la responsabilità di proteggere anche i figli degli altri. Parliamo di proteggere l’intera comunità».

Altro fronte caldo in tema vaccini l’allarme meningite che si sta progressivamente diffondendo in tutto il Pese. Dopo la morte di due studentesse alla Statale di Milano per meningite c, saranno vaccinati entro Natale i 140 ragazzi entrati in contatto con le vittime. Lunedì è stato diagnosticato un caso di meningite in una studentessa della scuola elementare di via Varese nel comune di Ardea, nei pressi di Roma. Sono immediatamente scattate le misure di controllo e di profilassi nell’istituto e nella scuola di danza frequentati dalla bambina e per tutte le persone che potevano essere entrate in contatto con lei. Attualmente le sue condizioni sembrerebbero stabili.

Per approfondire leggi anche: Omceo Roma. Lavra: «Professione sotto attacco». Sirchia: «Vaccini, bene obbligo»

 

Articoli correlati
Contenziosi, Magi (OMCeO Roma): «Bisogna eliminare cause in tribunale e arrivare a mediazione tra medici e pazienti»
Il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute e parla dello sportello che ha istituito per dare supporto sia ai medici che ai cittadini: «Così aiutiamo i camici bianchi che vengono denunciati e spieghiamo ai pazienti che ritengono di aver subito un danno se ci sono le condizioni per chiedere un risarcimento»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
Foad Aodi (Amsi): «È nata la “Rete delle Università italiane per il Corno d’Africa” su impulso del Vice Ministro Emanuela Del Re
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) insieme al Movimento internazionale interprofessionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, plaudono all’iniziativa coraggiosa, concreta, prestigiosa della “Rete delle Università Italiane per il Corno D’Africa”, che agisce nel nome della solidarietà. L’iniziativa è indetta dal Vice Ministro […]
Ue e sanità, Castaldo (M5S): «Al lavoro per ottenere la certificazione europea dei chirurghi. Per ogni medico che va all’estero perdiamo fino a 500mila euro»
Il vicepresidente del Parlamento europeo sottolinea: «Occorre investire nelle scuole di specializzazione. Professione medica sempre meno attrattiva nel nostro paese per la responsabilità e per l’offerta economica». Sui vaccini: «Polemica surreale, abbiamo sempre sostenuto la volontà di passare dall’obbligatorietà alla raccomandazione proprio per evitare quella contrapposizione tra medico e paziente»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...