Salute 8 novembre 2016

Vaccini, Burioni: «Medici anti-vaccini da radiare subito come in Francia». Ricciardi (ISS): «Torneranno poliomielite e difterite»

Calo coperture vaccinali sempre più preoccupante. L’allarme dei medici, il virologo Burioni: «Chi dissuade dai vaccini è in malafede e va segnalato». Rezza (ISS): «Più cultura e formazione sui vaccini, soprattutto per i medici»

Coperture vaccinali in calo secondo il Ministero della Salute. È allarme per il Servizio Sanitario Nazionale che prende atto dell’abbassamento delle percentuali di vaccinazione emerse dai dati relativi al 2015. «Ci aspettiamo, anche in Italia, i primi casi di poliomielite e difterite, dovuti al calo delle vaccinazioni» afferma il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Walter Ricciardi, in occasione dell’incontro “Perché vaccinarsi: il ruolo dei media per una cultura della prevenzione”, organizzato dalla FNOMCeO presso il Ministero della Salute. «I batteri circolano – ha spiegato Ricciardi -. Ed essendoci migliaia di bambini non protetti contro poliomielite, difterite, tetano, morbillo, parotite, rosolia è ovvio che ci saranno, oltre ai casi che noi normalmente conosciamo, nuove infezioni».

Sul tema si è espresso anche Roberto Burioni, il noto virologo, ordinario di microbiologia.

Vaccini, c’è scetticismo negli ultimi tempi, perché?

«Uno degli elementi che genera scetticismo è la disinformazione dovuta a Internet che porta una diffusione orizzontale di notizie dove il professore di microbiologia ha la stessa autorevolezza di una persona che ha letto 5 minuti Wikipedia. I vaccini sono sicuri, sono utilissimi, sono stati fondamentali e sono fondamentali per prevenire gravissime malattie. Parliamo di fatti non di opinioni, i vaccini non sono una opinione e i medici che li sconsigliano devono essere radiati, come in Francia».

Mass media e Internet, quale sarebbe una soluzione e in che modo potrebbero informare senza danneggiare e senza creare questo scetticismo nell’opinione pubblica?

«Internet non lo possiamo controllare, quindi è fondamentale distinguere le fonti e non è giusto dare voce a tutte le opinioni soprattutto se non hanno alcuna base né fondatezza. Io non penso che sia giusto dare voce a un pompiere che sostiene che gli incendi si spengono con la benzina e non con gli estintori, allo stesso modo non credo sia giusto dare voce a una persona senza autorevolezza, che sostiene che i vaccini siano pericolosi e dannosi. La libertà di opinione è importante e deve essere mantenuta e difesa, però la libertà di opinione non significa fare allarmismo peraltro senza concretezza e attendibilità».

Per quanto riguarda la formazione dei medici sul tema vaccini pensa che debba essere incrementata, pensa ci possano essere miglioramenti?

«La formazione c’è perché nessun professore universitario si sogna di sostenere che i vaccini non sono utili o efficaci, è come trovare un geologo che dice che la terra è piatta. Dov’è che però nasce il problema? Dopo la laurea, i medici possono scegliere di cominciare a diffondere queste bugie non per amore della sapienza ma perché dietro la bugia c’è un guadagno, terapie costose e poco credibili che dovrebbero aiutare i genitori ma in realtà sono prive di scienza. Quando un medico sconsiglia il vaccino sulla base di una contrindicazione clinica fa il suo lavoro, quando invece dissuade i suoi pazienti dalla vaccinazione raccontando delle notizie che non hanno alcun fondamento scientifico, io ritengo che questi medici o sono ignoranti o sono in malafede. In un caso o nell’altro non devono continuare a fare i medici e ritengo che come in altri paesi dovrebbero essere radiati»

In argomento anche Giovanni Rezza direttore del dipartimento Malattie infettive Istituto Superiore di Sanità:

«Diminuiscono le percentuali delle coperture vaccinali, gran parte di questo problema è dovuto al fatto che i vaccini sono vittima del loro stesso successo, non si vedono più alcune malattie infettive, basta pensare alla difterite e alla poliomelite, quindi la gente ha una bassa percezione del rischio e una scarsa attitudine alla vaccinazione, in più su internet girano tante favole senza fine».

La formazione dei medici, soprattutto per i pediatri, sul tema vaccini può migliorare?

«Questo è un problema molto serio e importante perché effettivamente dal curriculum di studi dei medici manca la vaccinologia.  Elementi di vaccinologia sono inseriti all’interno di alcune specializzazioni di esami di igiene, di malattie infettive, di microbiologia, di pediatria, ma in maniera direi quasi subliminale, quindi è importante diffondere più cultura e formazione soprattutto fra i medici, perché siamo noi a dover consigliare e sostenere i vaccini».

Medici che sconsigliano i vaccini pensa sia giusto radiarli?

«Prendere provvedimenti spetta agli ordini, ma sicuramente i medici devono agire secondo scienza, coscienza e conoscenza sulla base soprattutto di evidenze scientifiche e le evidenze scientifiche sono tutte a favore dei vaccini».

Articoli correlati
Vaccini, a Perugia convegno SIMEDET e CISL Umbria contro la disinformazione: «Rispondere con evidenze scientifiche a chi parla senza conoscere»
Tra i relatori i professori Gaetano Maria Fara e Susanna Esposito. Il titolo dell’incontro è “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti”
Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”
«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele
Morbillo, nel 2017 110mila morti nel mondo. L’OMS: «Senza aumento coperture vaccinali perderemo decenni di progressi»
L’aumento dei casi preoccupa le agenzie sanitarie: «Non sono dati sorprendenti, ma il frutto della combinazione della diffusione di notizie false sui vaccini in Europa, del collasso della sanità in Venezuela e di sacche di povertà e bassa immunizzazione in Africa. Sono necessarie misure urgenti»
Screening Neonatale Esteso, primo Report sulla legge 167. Taverna (M5S): «Per una volta sia Europa ad imparare dall’Italia»
Test garantiti in 18 Regioni. Abruzzo, Basilicata e Calabria le ultime della fila. La vice presidente del Senato, prima firmataria della legge: «Porterò a Bruxelles il progetto italiano dello SNE e i risultati ottenuti»
di Isabella Faggiano
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla Sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...