Salute 15 Novembre 2016 10:57

Psicosi vaccini, la parola a Piero Angela: «Medici ecco quello che non sapete…»

Il popolare conduttore televisivo al convegno di FNOMCeO ed Eaci al Ministero della Salute: «Date retta alle autorità sanitarie, fate vaccinare i vostri figli. Non ascoltate voci non autorevoli prive di consistenza»

Vaccini, il tema delle coperture, soprattutto in età pediatrica, è un argomento tabù che crea tensioni non solo all’interno dell’opinione pubblica ma anche nella comunità scientifica. I dati pubblicati dal Ministero della Salute, relativi alle coperture del 2015, segnalano una diminuzione dei vaccini che vengono somministrati nei primi 24 mesi di vita del bambino, escluse le coperture per meningococco C e pneumococco, che mostrano invece un incremento.

Quanto i mass media e internet contano nel processo di disinformazione sui vaccini che genera una psicosi sempre più diffusa? Sanità Informazione lo ha chiesto a Piero Angela, divulgatore scientifico e famoso conduttore televisivo, appena insignito della Laurea Honoris Causa in Scienza e Tecnologia dei Materiali che gli è stata consegnata presso l’Università di Tor Vergata il 14 novembre scorso.

«Il problema rispetto alla paura dei vaccini si risolve facilmente, – spiega il giornalista televisivo in occasione del convegno “Perché vaccinarsi: il ruolo dei media per una cultura della prevenzione”, organizzato dalla FNOMCeO  insieme all’Eaci – l’importante è avere fiducia nella scienza. Dobbiamo ricordare tutti i vantaggi che nel corso del tempo l’umanità ha guadagnato grazie ai vaccini? Un tempo si moriva giovanissimi, si moriva a causa del tifo, del morbillo, malattie oggi debellate o rese inoffensive grazie alla scienza».

«Grazie alle vaccinazioni l’umanità è in salute come non lo è mai stata – prosegue Angela -. Dobbiamo diffidare delle bugie che ci vengono raccontate, informazioni false che girano e che purtroppo sono molto dannose. Date retta alle autorità sanitarie, fate vaccinare i vostri figli. Non ascoltate voci non autorevoli che corrono su internet e che sono completamente prive di alcun valore».

«In tutti i campi ci sono personaggi devianti che hanno opinioni diverse». Piero Angela ricorda il caso esemplare del medico inglese Andrew Wakefield che, insieme a colleghi del Royal Free hospital di Londra, pubblicò sul Lancet, una conosciuta rivista scientifica, una ricerca che evidenziava un probabile legame tra autismo e vaccino trivalente per morbillo, parotite e rosolia.

«La scienza non è fatta di opinioni, – ribadisce – bisogna sempre dimostrare quello che si dice. Ora i vaccini sono stati ampiamente dimostrati, chi ha certe obiezioni non è mai stato in grado di dimostrare il contrario». Infatti da ricordare che Wakefield venne ben presto smentito a causa della irrilevanza e della poca affidabilità delle sue ricerche, inoltre fu possibile dimostrare che il medico inglese aveva agito per interesse visto che aveva richiesto il brevetto per un nuovo vaccino che voleva proporre sul mercato in alternativa a quelli esistenti. «Dunque – conclude Angela – questo medico, ricordiamo tutti, venne radiato dall’Ordine a causa delle sue recriminazioni prive di fondamenta».

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...