Salute 15 Novembre 2016

Psicosi vaccini, la parola a Piero Angela: «Medici ecco quello che non sapete…»

Il popolare conduttore televisivo al convegno di FNOMCeO ed Eaci al Ministero della Salute: «Date retta alle autorità sanitarie, fate vaccinare i vostri figli. Non ascoltate voci non autorevoli prive di consistenza»

Vaccini, il tema delle coperture, soprattutto in età pediatrica, è un argomento tabù che crea tensioni non solo all’interno dell’opinione pubblica ma anche nella comunità scientifica. I dati pubblicati dal Ministero della Salute, relativi alle coperture del 2015, segnalano una diminuzione dei vaccini che vengono somministrati nei primi 24 mesi di vita del bambino, escluse le coperture per meningococco C e pneumococco, che mostrano invece un incremento.

Quanto i mass media e internet contano nel processo di disinformazione sui vaccini che genera una psicosi sempre più diffusa? Sanità Informazione lo ha chiesto a Piero Angela, divulgatore scientifico e famoso conduttore televisivo, appena insignito della Laurea Honoris Causa in Scienza e Tecnologia dei Materiali che gli è stata consegnata presso l’Università di Tor Vergata il 14 novembre scorso.

«Il problema rispetto alla paura dei vaccini si risolve facilmente, – spiega il giornalista televisivo in occasione del convegno “Perché vaccinarsi: il ruolo dei media per una cultura della prevenzione”, organizzato dalla FNOMCeO  insieme all’Eaci – l’importante è avere fiducia nella scienza. Dobbiamo ricordare tutti i vantaggi che nel corso del tempo l’umanità ha guadagnato grazie ai vaccini? Un tempo si moriva giovanissimi, si moriva a causa del tifo, del morbillo, malattie oggi debellate o rese inoffensive grazie alla scienza».

«Grazie alle vaccinazioni l’umanità è in salute come non lo è mai stata – prosegue Angela -. Dobbiamo diffidare delle bugie che ci vengono raccontate, informazioni false che girano e che purtroppo sono molto dannose. Date retta alle autorità sanitarie, fate vaccinare i vostri figli. Non ascoltate voci non autorevoli che corrono su internet e che sono completamente prive di alcun valore».

«In tutti i campi ci sono personaggi devianti che hanno opinioni diverse». Piero Angela ricorda il caso esemplare del medico inglese Andrew Wakefield che, insieme a colleghi del Royal Free hospital di Londra, pubblicò sul Lancet, una conosciuta rivista scientifica, una ricerca che evidenziava un probabile legame tra autismo e vaccino trivalente per morbillo, parotite e rosolia.

«La scienza non è fatta di opinioni, – ribadisce – bisogna sempre dimostrare quello che si dice. Ora i vaccini sono stati ampiamente dimostrati, chi ha certe obiezioni non è mai stato in grado di dimostrare il contrario». Infatti da ricordare che Wakefield venne ben presto smentito a causa della irrilevanza e della poca affidabilità delle sue ricerche, inoltre fu possibile dimostrare che il medico inglese aveva agito per interesse visto che aveva richiesto il brevetto per un nuovo vaccino che voleva proporre sul mercato in alternativa a quelli esistenti. «Dunque – conclude Angela – questo medico, ricordiamo tutti, venne radiato dall’Ordine a causa delle sue recriminazioni prive di fondamenta».

Articoli correlati
Vaccini, New York abolisce le esenzioni per motivi religiosi
Lo Stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivazioni religiose. La misura è stata adottata dal governatore Andrew Cuomo e approvata dal Congresso di New York nel tentativo di porre un freno all’epidemia di morbillo scoppiata nella Grande Mela dove, nel 2019, sono stati accertati 588 casi di morbillo, soprattutto nelle […]
Pazienti fragili, i vaccini fondamentali per un’adeguata prevenzione. A rischio anziani, bambini, malati cronici
Chi sono I pazienti fragili? Quali criteri sono alla base di una loro individuazione? Le vaccinazioni del paziente fragile rappresentano un argomento emergente nel panorama sanitario italiano. Le vaccinazioni, in genere, si rivolgono a due categorie di persone: soggetti sani (spesso in età infantile o adolescenziale), con scopo preventivo, e sono le vaccinazioni classiche; i pazienti […]
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
A Milano è il giorno del Patto per la Scienza di Burioni e Silvestri. Garattini: «Metodologia scientifica va insegnata a scuola»
Alla Statale l’evento di presentazione del Patto promosso dai virologi Burioni e Silvestri. Tra gli ospiti l’ex ministro della Salute Lorenzin e l’ex Magistrato Raffaele Guariniello. Presidente del Patto l’epidemiologo Pierluigi Lopalco
Morbillo, quest’anno 864 casi in Italia: un terzo ha sviluppato complicanze. Ecdc: «Aumento in tutta Europa»
I dati riportati sul bollettino dell’Istituto Superiore di Sanità. Due terzi dei casi si sono verificati in Lazio, Emilia-Romagna e Lombardia. L'87% dei casi non era vaccinato al momento del contagio. In tutta Europa 44074 casi dal 2016 al 2019
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano