Salute 27 Giugno 2019

Psicologo di famiglia, MMG scettici. Onotri (SMI): «Fondi esigui, si rischia inutile duplicazione. Temiamo per ACN»

Il segretario del Sindacato Medici Italiani commenta la norma approvata con il Decreto Calabria: «Lo psicologo è necessario nelle reti integrate di assistenza socio-sanitaria, non negli studi medici dove sarebbe più utile avere degli infermieri o degli amministrativi che ci coadiuvino nel lavoro»

Immagine articolo

L’introduzione dello psicologo negli studi dei medici di famiglia continua a far discutere il mondo medico. Un emendamento del decreto Calabria ha stabilito che nell’equipe che opera insieme al medico di medicina generale nel sistema territoriale delle cure primarie sia previsto per norma primaria anche la presenza di uno psicologo. Novità che non convince appieno i medici di famiglia come spiega ai microfoni di Sanità Informazione Pina Onotri, segretario del Sindacato Medici Italiani.

«Non è proprio vero che non ci piace – chiarisce Pina Onotri -. Troviamo lodevole l’iniziativa di prevedere la figura dello psicologo nelle reti integrate di assistenza socio-sanitaria negli ambiti del distretto perché molto spesso noi abbiamo pazienti con dei problemi che non necessitano di cure psichiatriche oppure che possono giovarsi di una prevenzione psicologica e non abbiamo dove indirizzarli perché mancano risorse umane proprio nei distretti. Averlo proprio nello studio di famiglia in maniera indiscriminata assolutamente no, perché noi come medici abbiamo un approccio olistico alla persona, quindi diciamo che facciamo anche da supporto psicologico».

LEGGI ANCHE: LO PSICOLOGO DI FAMIGLIA E’ UN DIRITTO RICONOSCIUTO DALLA LEGGE. ALLE REGIONI IL COMPITO DI TROVARE ACCORDI CON GLI MMG

Quindi può essere considerata una ‘diminuzione’ del vostro ruolo…

«No, non la vedo come una diminuzione del nostro ruolo, la vedo come una duplicazione inutile. Noi siamo il front office, in genere ‘screeniamo’ i pazienti per valutazioni successive, può essere lo psicologo come lo psichiatra come il chirurgo come l’internista. Sicuramente il medico di medicina generale invia in consulenza in tutti quei casi in cui necessita un’integrazione di professionalità. Dunque ben venga, nel senso che se io oggi ritengo che il mio paziente debba fare un percorso psicologico, o se lo paga o non c’è possibilità di farlo. Questa è una cosa che sicuramente non va bene, perché non tutti possono permettersi colloqui psicologici a pagamento. Se poi invece lo psicologo affianca damblè il medico di famiglia nel suo studio lo ritengo una duplicazione. Forse sarebbe più utile avere degli infermieri o degli amministrativi che ci coadiuvino nel lavoro».

Siete preoccupati per questa norma? Immagino che come sindacato reclamate comunque il diritto a dire la vostra su questa scelta…

«Sicuramente sì, siamo anche preoccupati dal punto di vista dei fondi, perché la medicina generale come la dirigenza medica ha contratti bloccati da anni. Noi già non riusciamo a sostenere le spese per offrire un’assistenza migliorativa a 360 gradi, con personale di studio, amministrativo piuttosto che infermieristico. Insomma, ci affiancano una figura che rispetto ad altri forse in questo momento non è che sia proprio necessaria. Ripeto, è necessaria nella rete, è necessaria nel distretto, è necessaria come punto di riferimento a cui il medico decide di indirizzare la persona, ma averlo nello studio che ci affianchi nel lavoro sinceramente è un po’ una duplicazione di mansioni. Non era nessun tipo di altro preconcetto».

Chiederete un incontro adesso al Ministro e a chi dovrà attuare questa norma?

«Dobbiamo capire in che modo verrà attuata e con quali fondi. Sicuramente su questo vogliamo assolutamente chiarezza. Anche perché il fondo è così esiguo già per le prestazioni che dobbiamo offrire. Per il resto noi non vorremmo, come già si è tentato nel passato, si sostituisse l’infermiere di famiglia con altre competenze, perché quelle competenze, non perché siano meno qualificate, però essendo costate meno nel percorso formativo, meno costano allo Stato nell’erogazione. Però è chiaro, non è proprio la stessa cosa mettere un infermiere al posto di un medico, uno psicologo al posto di un medico, perché ognuno ha le sue competenze e il suo campo specifico. Senza nulla togliere alla bravura e alle competenze di altri professionisti».

Pensa che anche l’ACN in questo potrebbe avere dei cambiamenti o è fuori?

«Questo non lo sappiamo, lo temiamo. Non vorremmo ritrovarci a dover gestire un qualcosa che non siamo preparati a fronteggiare in questo momento. Non siamo preparati a dare una risposta».

Articoli correlati
Contratto medici e accordo MMG, il dissenso dello SMI: «Trattative con SISAC interrotte, forti dubbi anche su rinnovo dirigenza medica»
Il Sindacato dei Medici Italiano guidato da Pina Onotri conferma la sospensione delle trattative con SISAC. E contesta anche l’accordo sulla specialistica ambulatoriale: «Penalizza i medici over 43 anni impedendone, di fatto, la stabilizzazione del posto di lavoro»
ACN Medicina Generale, SMI interrompe trattativa. Il segretario Onotri: «No ad accordo a zero risorse»
Il Sindacato dei Medici Italiani (SMI) ha interrotto le trattative in SISAC sul rinnovo del contratto nazionale dei medici di medicina generale. Il sindacato, in una nota, annuncia che ritornerà al tavolo delle trattative «solo dopo la verifica dell’atto di indirizzo da parte del Governo». «Chiediamo chiarezza su quale sia l’entità dei fondi da destinare […]
Scandalo affidi illeciti, Baroni (M5S) si autosospende da Ordine psicologi: «Professionisti coinvolti siano sospesi, evitare tentennamenti»
Dopo lo scandalo che ha portato all’arresto, tra gli altri, del sindaco di Bibbiano Andrea Carletti e di politici, medici, assistenti sociali il deputato e psicologo Cinque Stelle chiede un intervento netto: «Bisogna evitare ulteriori danni all'immagine della nostra categoria professionale, da personaggi che, a mio modesto avviso, nulla hanno a che spartire con la comunità scientifica per la cura dei bambini più fragili in età evolutiva»
Psicologi negli studi dei medici di famiglia, Magi (Sumai): «No. La Fimmg ha ragione»
«Siamo perfettamente in sintonia con quanto dichiarato da Silvestro Scotti, Segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, il quale, in merito all’ipotesi prevista da Dl Calabria di introdurre gli Psicologi negli studi dei medici di base ha espresso tutta la sua contrarietà. Al contrario, la figura del medico di base dovrebbe essere affiancata da […]
Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG
La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di libera scelta»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...