Salute 24 Giugno 2019

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di libera scelta»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Ora, lo psicologo di famiglia non sarà più una figura sperimentale, ma un professionista riconosciuto dalla legge, a disposizione dei cittadini negli ambulatori dei medici di famiglia.

«Mentre al Quirinale Sergio Mattarella riceveva una delegazione del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi per celebrare i trent’anni della Legge 56, che ha regolamentato la professione, il Parlamento italiano approvava un’altra legge, quella che istituisce ufficialmente la figura dello psicologo di famiglia». Ad annunciarlo, ai microfoni di Sanità Informazione, è David Lazzari, membro dell’esecutivo del Cnop, il Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi.

«Lo psicologo di famiglia, o per meglio dire lo psicologo nell’ambito delle cure primarie – sottolinea Lazzari – è una figura che dovrà collaborare con il medico di medicina generale e con il pediatra di libera scelta».

L’apertura alla presenza dello psicologo negli studi dei medici di famiglia è stata inserita nel decreto Calabria, approvato il 19 giugno scorso dall’Assemblea di Palazzo Madama, senza modificare il testo che aveva già ricevuto il via libera dalla Camera alla fine del mese di maggio. Oltre al pacchetto di misure per il commissariano della sanità calabrese, infatti, il decreto prevede molte altre norme che riguardano diverse tematiche della sanità nazionale, tra cui la formazione, personale e investimenti.

LEGGI ANCHE: L’ORDINE NAZIONALE DEGLI PSICOLOGI COMPIE 30 ANNI. GIARDINA: «IL 40% DEI GIOVANI NON TROVA UN IMPIEGO ADEGUATO, SERVE ACCESSO CONTROLLATO»

«La necessità di affiancare la professione dello psicologo a quella del medico di famiglia e del pediatra è emersa già da diverso tempo e non solo in Italia – continua Lazzari -. L’obiettivo è il potenziamento delle cure primarie, quelle che, essendo più vicine ai cittadini, permettono di raccogliere i bisogni dei pazienti ed effettuare interventi sia terapeutici che di prevenzione. Questa legge offre l’opportunità di garantire un supporto a chi soffre di disturbi psicologici o psicosomatici, ma anche la possibilità di trattare il correlato psicologico di malattie fisiche e patologie croniche, purtroppo sempre più diffuse».

Ruoli già sperimentati in diverse realtà nazionali ed internazionali: «In Umbria, ad esempio – spiega l’esperto – da un anno e mezzo stiamo testando questa figura con ottimi risultati, sia in termini di efficacia degli interventi, che per il gradimento espresso dagli utenti. Ora, grazie a questa nuova legge, usciremo fuori da qualsiasi forma di sperimentazione. Ed in questo le Regioni avranno un ruolo fondamentale: saranno loro, attraverso gli accordi con i medici di medicina generale, a concretizzare questa importante possibilità per i cittadini italiani».

Un’opportunità che in molt attendono già con impazienza: «Quando si propone la figura dello psicologo di famiglia la reazione è in genere molto positiva – commenta il membro dell’esecutivo del Cnop -. Uno studio internazionale dimostra che il 75% degli utenti, trovandosi in una situazione di disagio,  piuttosto che prendere una pillola preferisce un supporto psicologico. Da parte dei cittadini c’è una forte richiesta di psicologi, ma questa figura è tuttora poco presente nel servizio pubblico, cosicché chi ne ha bisogno deve pagarla di tasca propria e, ovviamente, non tutti ne hanno la possibilità. Per tale motivo – conclude Lazzari – si spera che gran parte di questo bisogno insoddisfatto possa trovare la giusta accoglienza proprio attraverso l’applicazione di questa nuova legge».

Articoli correlati
Il Friuli Venezia Giulia ricorre contro il decreto Calabria: «Istituisce un Paese a doppia velocità»
«Il decreto Calabria mette le Regioni su due piani: le ordinarie senza alcuna limitazione e le speciali costrette al taglio. Questo non è condivisibile. Il ricorso è un atto dovuto a salvaguardia dell'autonomia regionale e dell'equilibrio del nostro Servizio sanitario». Così il vicegovernatore Riccardo Riccardi
Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci
A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e riduce il ricorso ad analisi cliniche e strumentali»
di Isabella Faggiano
Psicologo di Famiglia, Conte (Ordine Psicologi Lazio): «Serve cabina di regia che stabilisca procedure e formazione»
Dopo l'approvazione della legge, le regioni iniziano ad attrezzarsi. Il tesoriere dell'Ordine degli psicologi Federico Conte: «L’affiancamento dello psicologo al MMG agirebbe su più fronti, dal supporto nel processo diagnostico fino al trattamento. I modelli di intervento più avanzati nei Paesi più sviluppati prevedono da diversi anni la presa in carico del paziente su più livelli (approccio bio-psico-sociale)»
di Isabella Faggiano
Contratto medici e accordo MMG, il dissenso dello SMI: «Trattative con SISAC interrotte, forti dubbi anche su rinnovo dirigenza medica»
Il Sindacato dei Medici Italiano guidato da Pina Onotri conferma la sospensione delle trattative con SISAC. E contesta anche l’accordo sulla specialistica ambulatoriale: «Penalizza i medici over 43 anni impedendone, di fatto, la stabilizzazione del posto di lavoro»
Medici di Famiglia, FIMMG proclama stato di agitazione. Il segretario Scotti: «Defiscalizzazioni e ‘microteam’, aspettiamo risposte su ACN»
Il Segretario della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale rilancia le proposte del sindacato per chiudere l’Accordo collettivo nazionale: «Incominciamo a ragionare su un team di fiducia, che copre l’arco orario, dando le dovute risposte e smistando le varie richieste» spiega Scotti, che poi chiede anche la decontribuzione per l’assunzione del personale. E non esclude lo sciopero: «Se nessuno ci risponde ci faremo le vacanze»
di Diana Romersi e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali