Salute 27 Luglio 2020

«Prime dosi del vaccino per il Covid a inizio 2021. Italia in corsia preferenziale». Le rassicurazioni di Di Lorenzo (Irbm)

Il presidente di Irbm, che con AstraZeneca e Oxford sta realizzando il vaccino: «2 miliardi di dosi entro giugno 2021. In grado di immunizzare mezzo mondo in meno di dodici mesi»

«Prime dosi del vaccino per il Covid a inizio 2021. Italia in corsia preferenziale». Le rassicurazioni di Di Lorenzo (Irbm)

«Le prime dosi del vaccino anti Sars-Cov-2, ChAdOx1, saranno in commercio dall’inizio dell’anno prossimo». La dichiarazione arriva da Piero Di Lorenzo, presidente dell’azienda Irbm che con la Oxford University e AstraZeneca lo sta sviluppando, in un’intervista con il quotidiano “Libero“. «Penso che i governi prima organizzeranno la vaccinazione delle categorie più a rischio – ha proseguito -. Ci auguriamo che la sperimentazione possa finire entro settembre».

Secondo il presidente Irbm ci saranno dei tagli sui «tempi burocratici», trovandoci ancora in emergenza. «Daranno l’autorizzazione nel tempo strettamente necessario per analizzare con la giusta severità i risultati scientifici. Una volta che ChAdOx1 sarà stato validato, partirà la prima distribuzione delle dosi», ha affermato. AstraZeneca intanto, si sta già organizzando per produrre «due miliardi di dosi di vaccino entro giugno 2021», ovvero «è in grado di immunizzare mezzo mondo in meno di dodici mesi».

IL VACCINO IN ITALIA

Sulle disponibilità per l’Italia di ChAdOx1, Di Lorenzo ha rassicurato sulla leadership dimostrata dal ministro della Salute. «Speranza è riuscito a inserirsi nel gruppo di testa dei ministri della Salute che hanno gestito le prenotazioni – ha affermato -. Possiamo stare certi che il nostro Paese avrà una corsia preferenziale nella distribuzione dei vaccini».

Irbm si è messa inoltre a disposizione sia con AstraZeneca che con Speranza per la produzione del vaccino: «Siamo in grado di produrre fino a 30 milioni di dosi l’anno», ha assicurato il presidente. L’Europa, intanto, è la zona in cui il virus risulta maggiormente sotto controllo in questo momento. «In Inghilterra – ha specificato Di Lorenzo – ci sono così pochi contagiati che addirittura si rischia che la carica virale non sia sufficiente per concludere la sperimentazione di fase 3, ma non nel resto del mondo». Il vaccino è ancora urgente più che mai e la fase 3 della sua realizzazione prosegue il trend positivo.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Carcinoma mammario HER2-positivo e ADC: Daiichi Sankyo e Astrazeneca sperimentano anticorpo monoclonale
Daiichi Sankyo e AstraZeneca danno inizio al nuovo studio DESTINY-Breast05 che confronterà l’efficacia e la sicurezza dell’anticorpo monoclonale coniugato come terapia adiuvante rispetto al trattamento standard, in 1600 pazienti affette da carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale ma ad alto rischio di recidiva
Vaccino Covid-19, a chi saranno somministrate le prime dosi? Le indicazioni della Commissione europea
«Gli Stati lavorino per l'arrivo del vaccino: preparare i servizi vaccinali, i trasporti e i luoghi di conservazione. È questo il momento di agire»
Covid-19, Vespignani: «L’Italia è su una buona strada, ma i casi aumenteranno. Istituzioni e cittadini raddoppino gli sforzi»
Intervista al fisico–epidemiologo computazionale della Northeastern University di Boston: «All’inizio avremo meno dosi di vaccino di quelle che vorremmo. Discuteremo di quale scala di priorità implementare»
di Tommaso Caldarelli
Campania, consegnati ai medici di famiglia i vaccini antinfluenzali. Si parte il 1 ottobre
Scotti (FIMMG): «Un esempio di efficienza che consentirà di organizzare la pratica vaccinale con i giusti tempi e la massima sicurezza per medici e pazienti»
Vaccino Covid-19, Trizzino (M5S): «Quando arriverà dovrà essere obbligatorio»
Il deputato e medico pentastellato commenta: «Stop a sperimentazione è fisiologico, un vaccino non è mai stato prodotto nell’arco di un anno. Dobbiamo sperare che arrivi al più presto perché è l’unica garanzia contro il Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli