Salute 24 Giugno 2020

Post lockdown, nelle fattorie didattiche Coldiretti i bambini ritrovano sicurezza e socialità

Silvia Bosco (coordinatrice nazionale Donne Impresa Coldiretti): «Spazi immensi per far giocare i piccoli in sicurezza». La psicoterapeuta: «Fondamentale la vicinanza con gli animali»

di Federica Bosco

Sono oltre tremila le fattorie didattiche presenti nelle campagne italiane che possono, nell’estate post Covid, offrire ai bambini attività ricreative ed educative a contatto con la natura nei grandi spazi all’aria aperta. Luogo ideale in cui accogliere piccoli gruppi tenendo conto delle norme di sicurezza, distanza e igiene. Una soluzione che Coldiretti offre con il progetto “Educazione alla Campagna Amica” di Donne Impresa.

«Da oltre 20 anni portiamo avanti un progetto di educazione ambientale denominato “Educazione alla Campagna Amica” – spiega Silvia Bosco, coordinatrice nazionale Donne Impresa Coldiretti –. Questo progetto di educazione alimentare ed ambientale ha visto informare e formare le giovani generazioni. Abbiamo incontrato in 20 anni oltre 10 milioni di bambini con un motto molto semplice: bambini informati oggi significa avere domani adulti consapevoli».

LEGGI ANCHE: LOCKDOWN, PER 3 MINORI SU 4 IMPATTO PSICOLOGICO IMPORTANTE. DISTURBI DEL SONNO, ANSIA E IRRITABILITÀ I SINTOMI PIU’ COMUNI

Uno slogan che si ritrova anche in questa fase post-Covid dove ai più piccoli vengono date regole precise. «Ci atteniamo a quelle che sono le regole del DCPM dell’11 maggio che comprende le linee guida del ministro della Famiglia Bonetti, a cui noi abbiamo aggiunto spunti di indirizzo alle nostre fattorie didattiche che hanno come primo obiettivo la sicurezza dei bambini. La grande fortuna della campagna è che ci sono spazi immensi e la possibilità di stare all’aria aperta, dopo mesi costretti in casa, è un grande valore aggiunto».

Siamo stati a Bellusco, nella campagna monzese, alla fattoria didattica Asinoteca dove, per tutta l’estate, i bambini in età scolare potranno fare lunghe passeggiate nel bosco, prendersi cura dell’orto, accudire gli animali, riscoprendo quella socialità perduta durante il lockdown.

«Entrare in contatto nuovamente con i coetanei ed avere un ambiente che offre la possibilità di interagire con gli animali permette ai bambini di ritrovare quello che in tutto questo periodo hanno lasciato in sospeso – aggiunge Francesca Maisano, psicoterapeuta della Casa Pediatrica (Fatebenefratelli Sacco) di Milano -. Sicuramente per loro è un buon inizio in previsione di quelle che saranno le prossime indicazioni che verranno date dal Governo in merito alla scuola e alla riapertura di settembre. Nel frattempo, un contatto diretto con gli animali è salutare, ricordiamo che anche a livello clinico la pet terapy ha una funzione fondamentale per far recuperare ai piccoli, costretti all’isolamento dai coetanei, un senso di calore e di socialità che permetterà ai bambini di trascorrere un’estate serena».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Covid, «Italia da paria a esempio per gli altri Paesi». L’editoriale del New York Times
Jason Horowitz, firma del New York Times, ha realizzato un reportage che spiega come l’Italia è riuscita a passare, «dopo un inizio incerto, dall’essere un paria globale ad un modello – per quanto imperfetto – di contenimento virale per i Paesi vicini e per gli Stati Uniti»
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...