Salute 9 Agosto 2017 11:26

Temporali di fine estate: attenti ai pollini nell’aria e al “Near Fatal Asthma” la crisi respiratoria che ha già fatto dei morti

Può un temporale mettere a rischio la vita di un soggetto allergico? L’allarme di Gennaro D’Amato (World Allergy Organization): «La pioggia può far scoppiare i pollini per choc osmotico, creando un aerosol allergenico che penetra in profondità nelle vie aeree»

Le crisi asmatiche possono peggiorare (e anche in maniera molto pericolosa) durante i temporali. Quando? «Per lo più durante le stagioni polliniche, quindi principalmente in primavera». In questi momenti sono più alte le possibilità, per i soggetti allergici, di incorrere in quel che viene chiamato “Near fatal asthma”, ovvero quei casi in cui l’asma mette a rischio la vita. Ne parla ai nostri microfoni Gennaro D’Amato, Chairman Commissione Inquinamento Atmosferico e Variazioni Climatiche della World Allergy Organization in occasione del 44° Congresso Nazionale AIPO (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri), citando il caso (risalente al novembre del 2016) di nove giovani morti e più di 8mila persone accorse nei pronto soccorso a Melbourne in un solo giorno a causa di importanti crisi asmatiche peggiorate dai temporali.

Dottor D’Amato, cosa è successo il 21 novembre 2016?

«Parliamo di crisi asmatiche indotte nel contesto di temporali che avvengono durante le stagioni polliniche, quindi nella nostra esperienza soprattutto tra marzo e luglio. Noi abbiamo descritto e trattato diversi casi che hanno avuto dei peggioramenti della sintomatologia nelle fasi iniziali dei temporali. Per fortuna siamo sempre riusciti a salvare queste persone ma il 21 novembre del 2016 ben nove giovani sono deceduti a Melbourne e 8500 persone, sempre nella stessa giornata, si sono recate al pronto soccorso proprio per crisi asmatiche importanti».

Cosa succede in questi casi? Si potrebbe pensare che la pioggia pulisca l’aria, ma a quanto pare non è così.

«Nell’immaginario comune, diceva bene, si pensa che quando piove l’aria venga pulita da tutti gli inquinanti. Se invece si tratta di una stagione pollinica, butta giù anche i pollini. In realtà i pollini di graminacea, di parietarie, nel nostro caso, pollini di ulivo e anche alcuni miceti, si imbibiscono e possono scoppiare per choc osmotico, liberando nell’atmosfera il proprio contenuto citoplasmatico. Questo microparticolato, che abbiamo studiato in profondità e pubblicato nelle migliori riviste scientifiche al mondo, diventa, in sostanza, un aerosol allergenico che penetra in profondità nelle vie aeree. I nove ragazzi morti quel giorno erano tutti allergici alle graminacee. Di recente abbiamo affrontato un caso di Near fatal asthma che siamo riusciti a salvare: era una donna incinta al quinto mese e l’abbiamo trattata tenendola in coma farmacologico e in intubazione per una settimana. Successivamente, siamo intervenuti con adeguate dosi di corticosteroidi, di teofillina e di solfato di magnesio. Così siamo riusciti a salvarla. Si tratta dunque di dare informazioni corrette per cui se un soggetto sa di essere allergico ai pollini di graminacee o di altre specie vegetali, durante la stagione del polline è bene che eviti di uscire se piove o sta per piovere o, se si trova in strada, farebbe bene ad entrare in un negozio o quanto meno coprirsi il naso e la bocca proprio per ridurre il rischio di inalare questo contenuto allergenico molto forte».

 

Articoli correlati
Asma grave, una proposta di legge punta a riconoscerla come patologia cronica e invalidante
La proposta di legge di Vito De Filippo (Pd) punta ad istituire un Registro nazionale e a percorsi terapeutici dedicati. Si parla di asma grave quando il trattamento prescritto, seppur assunto in maniera corretta e costante, non è sufficiente a controllare la malattia sia per gravità che frequenza dei sintomi
di Francesco Torre
Asma, al via progetto di ricerca per trovare soluzioni che migliorino l’aderenza alla terapia con il patient engagement  
La Ricerca punta ad ascoltare, valorizzare e promuovere il coinvolgimento attivo dei pazienti per comprendere i fattori psico-sociali e le difficoltà nella vita quotidiana che ostacolano l’aderenza alla terapia. Il progetto si rivolge ai pazienti adulti con asma moderata-grave che potranno partecipare alla ricerca attraverso una survey online
Asma, BPCO e malattie cardiache: Valle del Sacco peggio della Terra dei Fuochi. L’appello a Speranza
La presenza di polveri sottili oltre la norma, le temibili PM2,5, rende Frosinone e una parte della sua provincia ad alto rischio. La pneumologa Teresa Petricca: «Eventi ischemici aumentati del 67%, prevalenza di asma e BPCO oltre la media nazionale. Per questo stiamo sensibilizzando la popolazione». Silenzio da Regione Lazio e Asl. Il Registro Tumori ancora al palo
Asma, se la conosci la combatti. Rogliani (Tor Vergata): «Stop all’uso indiscriminato di SABA»
Intervista alla pneumologa Paola Rogliani (Tor Vergata) che, in occasione della V edizione della campagna Asma Zero Week, mette in guardia sui rischi di una scorretta gestione della patologia
Giornata mondiale dell’asma, l’appello di AIPO-ITS: «Riaprire ambulatori. Lo chiedono anche i pazienti»
per quanto riguarda l’asma, rispetto al 2019, nel 2020 si è registrata una riduzione delle diagnosi (-19%), dei nuovi trattamenti (-18%) e una netta riduzione delle richieste di spirometrie (-45%)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi