Salute 21 Ottobre 2020

Perdita di capelli a ciocche o chiazze completamente glabre? L’alopecia può essere colpa del Covid

L’esperto: «Il 30% di chi ha contratto il virus, a distanza di tre mesi, soffre di alopecia. Anche lo stress da pandemia può causare una perdita consistente di capelli. Necessario affrontare il problema prima che si trasformi in un forte disagio psicologico»

di Isabella Faggiano
Perdita di capelli a ciocche o chiazze completamente glabre? L’alopecia può essere colpa del Covid

Paura di ammalarsi, isolamento, perdita del lavoro, crisi economica, malattia o morte di persone care. Sono tutte condizioni di stress che hanno caratterizzato questi mesi di pandemia e che possono incidere negativamente sul benessere di capelli e cuoio capelluto. Fino a causare l’alopecia.

«Il fenomeno – spiega Stefano Ospitali, ad del laboratorio tricologico Cr Lab – è dovuto sia alla contrazione del Covid-19, che alle ripercussioni emotive legate al periodo di emergenza vissuto. Da un recente sondaggio svolto dall’Indiana University School of Medicine su un gruppo di sopravvissuti al virus, è emerso, infatti, che più di un quarto delle persone, a distanza di tre mesi dalla contrazione del Covid-19, ha riportato un’insolita perdita di capelli a ciocche, fino a chiazze completamente glabre».

L’ALOPECIA: UN FENOMENO MOLTO DIFFUSO

Coloro che hanno subito gli effetti collaterali del Covid rappresentano una percentuale importante che va ad aggiungersi a quella di chi già soffriva di alopecia prima che la pandemia facesse la sua comparsa. «Il 70% degli uomini – continua l’esperto – trascorsi i venticinque anni comincia ad avere problemi di alopecia o di diradamento dei capelli. Tra le donne il disagio è maggiormente presente dopo la menopausa, con un’incidenza del 50%. Nel periodo pre-menopausa l’alopecia riguarda il 35% delle signore. Percentuale che scende al 18% tra le adolescenti».

CURARSI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

A qualunque età si presenti e qualunque sia la sua forma, dalla meno acuta alla più grave, è necessario intervenire prima che sia troppo tardi. «Bisogna prendersi cura dei propri capelli sempre, senza attendere che si diradino o che cadano a ciocche – suggerisce Ospitali -. Ai primi segnali di perdita è necessario sottoporsi immediatamente ad un check-up, attraverso il quale, grazie all’aiuto degli specialisti, si potrà trovare la soluzione più idonea: dai prodotti cosmetici, ai farmaci, fino al trapianto dei capelli nelle situazioni irreversibili».

LE CAUSE DELL’ALOPECIA

Oltre allo stress e alla malattia, così come accaduto a coloro che hanno cominciato a soffrire di alopecia durante la pandemia, le cause possono essere svariate. «Aspetti genetici, ormonali, problemi nutrizionali, esposizione ad inquinanti sono tutti fattori che possono concorrere alla perdita di capelli, – sottolinea l’esperto -. L’importante è trovare una soluzione che possa limitare il disturbo al minimo per non essere costretti a dover affrontare un altro problema nel problema. Vedere la propria immagine allo specchio modificata dalla perdita di capelli, infatti, può scatenare un forte disagio psicologico».

LA PERDITA DI CAPELLI INCIDE NEGATIVAMENTE SULLA NOSTRA PSICHE

A dimostralo anche alcuni studi condotti sulle donne che hanno dovuto sottoporsi ad uno o più cicli di chemioterapia. «Un progetto di ricerca, durato tre anni, che ha coinvolto i nostri laboratori e l’Istituto nazionale dei tumori – sottolinea Ospitali -, ha dimostrato che il 65% delle donne che si sottopone a trattamenti chemioterapici perde i capelli. E che l’8% di queste arriverebbe addirittura a rifiutare la chemio pur di non ritrovarsi completamente glabre. Ma il dato più interessante è che il 47%, a distanza di molti mesi dal trattamento chemioterapico, ricorda la perdita di capelli come l’aspetto più traumatico di tutto il percorso di cura».

«Per queste donne – continua – è stata messa a punto una protesi che permette di donare un aspetto di normalità in un periodo della vita che di normale non ha proprio nulla. Per lo stesso motivo, anche per chi ha cominciato a soffrire di alopecia durante la pandemia il consiglio è di prendersi cura della salute dei propri capelli. Prima – conclude l’esperto – che un cambiamento evidente del proprio aspetto possa peggiorare ulteriormente lo stato d’animo».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva
Una rete ISS monitora le donne positive in gravidanza: alla luce dei dati, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano. Ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali superate in 15 regioni e le terapie intensive in 16
Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietati spostamenti tra Regioni: il Dl sul Natale “prudente”
Feste di Natale all'insegna di pochi intimi. Vietati i viaggi verso le seconde case. 25, 26 dicembre e 1 gennaio si potranno trascorrere solo nel proprio Comune. Permesso tornare presso la propria residenza
Covid-19, con ruxolitinib e cortisone possibile riduzione della mortalità del 70%
D’Alessio (Policlinico San Marco di Zingonia): «Dopo aver sperimentato diversi farmaci, questo, somministrato precocemente, ha dato risultati interessanti in attesa del vaccino»
di Federica Bosco
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli