Salute 19 Ottobre 2022 13:26

I prodotti per stirare i capelli raddoppiano il rischio di cancro all’utero

Uno studio americano ha scoperto che le donne che utilizzano i prodotti per stirare i capelli hanno l’80% del rischio in più di sviluppare il cancro all’utero

I prodotti per stirare i capelli raddoppiano il rischio di cancro all’utero

Le donne che utilizzano prodotti per stirare i capelli hanno un rischio maggiore del 150% di sviluppare il cancro all’utero. Questa è l’allarmante conclusione a cui sono giunti i ricercatori del National Institute of Environmental Health Sciences americano in uno studio basato sul monitoraggio di 33mila donne per oltre un decennio. I risultati, pubblicati sul Journal of the National Cancer Institute, mostrano che le sostanze chimiche contenute nei prodotti per lisciare i capelli possono entrare nel flusso sanguigno attraverso il cuoio capelluto e arrivare poi nell’utero.

Gli interferenti endocrini giocano un ruolo chiave nel rischio cancro

«È stato ipotizzato che i composti estrogenici sintetici, come gli interferenti endocrini, possano contribuire al rischio di cancro uterino», scrivono i ricercatori. Da qui l’attenzione per alcuni prodotti per capelli, che potrebbero rappresentare «una delle modalità di esposizione dominante agli interferenti endocrini», aggiungono. Il cancro uterino è raro e rappresenta il 3% circa di tutte le diagnosi di tumore nelle donne americane ogni anno. Tuttavia, i ricercatori avvertono che negli ultimi anni l’incidenza di questa forma di tumore è aumentata negli Stati Uniti, in particolare tra le donne di colore.

Negli Usa l’incidenza del cancro all’utero è in aumento

Si stima che ci siano circa 66.000 nuovi casi di cancro all’utero ogni anno negli Stati Uniti. Esistono due tipi di tumore all’utero: cancro endometriale, che colpisce quindi il rivestimento dell’utero, o sarcoma uterino, che attacca la parete muscolare dell’utero. Secondo l’American Society of Clinical Oncology, circa l’81% dei pazienti vive per almeno 5 anni dopo la diagnosi. Ma per le donne di colore il tasso scende al 63%, il che secondo gli esperti è perché è più probabile che venga loro diagnosticata una forma aggressiva.

Per le utilizzatrici frequenti di prodotti liscianti il rischio è 2,55 volte più alto

Nel nuovo studio i ricercatori hanno seguito per 11 anni circa 33mila donne di età compresa tra 35 e 74 anni. In questo lasso di tempo, sono stati registrati 378 casi di cancro uterino. Tuttavia, tra quante avevano usato prodotti liscianti per capelli nel precedente anno il rischio di sviluppare la neoplasia è risultato dell’80% più alto rispetto a chi non ne aveva fatto uso per niente. Il rischio era ancora più alto nelle utilizzatrici frequenti, vale a dire quante ricorrevano ai prodotti liscianti in media 4 volte all’anno: in tal caso le probabilità di sviluppare il cancro erano 2,55 volte più alte rispetto a chi non faceva uso dei prodotti.

Il cancro all’utero rimane sempre raro

«Abbiamo stimato che, entro i 70 anni, sviluppa il cancro uterino l’1,64% delle donne che non hanno mai usato liscianti per capelli; ma per chi ne fa un uso frequente, il rischio sale al 4,05%», dice la coordinatrice dello studio Alexandra White. «Questo raddoppio è preoccupante. Tuttavia, è importante contestualizzare queste informazioni: il cancro dell’utero è un tipo di cancro relativamente raro», conclude White.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rai e Airc insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
Dal 6 al 13 novembre, per otto giorni, Rai e Airc uniscono le forze nella campagna I Giorni della Ricerca. L'obiettivo è di lavorare insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
Studio “boccia” la colonscopia, forse inutile come strumento di screening
Un importante studio pubblicato sul New England Journal of Medicine indica che l'impatto della colonscopia sulla riduzione della mortalità sarebbe minimo
I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro
Uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine mostra che i bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro dei bambini concepiti naturalmente
Primo trapianto di utero in Italia, nata la prima bambina
È nata all'Ospedale Cannizzaro di Catania Alessandra, figlia della donna che ha ricevuto il primo trapianto di utero realizzato in Italia. E' la prima nascita di questo tipo nel nostro Paese e il sesto caso al mondo di gravidanza portata a termine con successo dopo un trapianto di utero da una donatrice deceduta
Biopsia liquida: la nuova strategia per battere il cancro sul tempo
Secondo lo studio italiano Chronos, grazie ad un semplice prelievo di sangue è possibile avere informazioni precise sul tumore di cui un paziente è affetto, rilevando le alterazioni che possono renderlo più sensibile o resistente alle terapie oncologiche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...