Salute 3 Novembre 2017

Ecco perché chi mangia marmellata di mirtillo vede meglio

Dai mirtilli al thè verde, dal ginkgo biloba all’hamamelis, i nutraceutici con effetti benefici per la vista spiegati dal Professor Gianluca Scuderi

Ginkgo biloba, mirtillo, carotenoidi e thè verde. Cosa hanno tutte queste sostanze in comune? Fanno bene agli occhi e alla vista. «Durante la seconda guerra mondiale ci si è accorti che i piloti inglesi della RAF (Royal Air Force) che mangiavano molta marmellata di mirtillo colpivano più bersagli rispetto agli altri, soprattutto di notte. Le prime ricerche hanno quindi rivelato che il mirtillo ha un’azione benefica sulla vista perché migliora il contrasto e la visibilità nelle ore serali. È stato uno dei primi alimenti ad essere studiato e a dar vita a quella che noi oggi chiamiamo nutraceutica». Parola del Professor Gianluca Scuderi, Professore associato del Dipartimento di Neuroscienze, Salute Mentale e Organi Di Senso (Nesmos) dell’Università di Roma Sapienza.

«La parola nutraceutica deriva dall’unione dei termini nutrizione e farmaceutica e indica tutte quelle sostanze di derivazione naturale che hanno un effetto benefico sulla salute e che hanno dei riscontri positivi in termini di prevenzione o terapia di alcune malattie – spiega il Professore a Sanità Informazione -. Un esempio per tutti: il riso rosso, che svolge un’azione terapeutica su chi ha problemi di colesterolo». Nutraceutici per eccellenza sono gli integratori alimentari, quindi vitamine, minerali o antiossidanti di derivazione naturale, presenti nei cibi o assunti tramite prodotti sintetici.

Il Professor Scuderi, organizzatore del quarto convegno dedicato a “Nutraceutica e occhio” tenutosi a Roma nei giorni scorsi, specifica che «di sostanze che fanno bene alla vista, oltre al mirtillo, ce n’è un’infinità: il ginkgo biloba ad esempio ha un’azione vasoattiva e sono stati studiati i suoi effetti benefici sul glaucoma. Abbiamo il thè verde, ottima fonte di catechine, che grazie alla sua azione neuro protettiva è in grado di agevolare la difesa del nervo ottico. Per non parlare dei carotenoidi, come la luteina o la zeaxantina, sostanze importantissime per la retina e per la prevenzione della degenerazione maculare senile», prosegue il Professore.

LEGGI ANCHE: NUTRACEUTICA: CHE COS’È?

La scienza conferma quindi che mangiare le carote fa bene alla vista, come tutti i genitori consigliano e ricordano ai bambini che di assumere verdure proprio non ne vogliono sapere. Stesso esito anche per gli impacchi di camomilla contro infezioni comuni quali congiuntiviti o orzaioli? «Le congiuntiviti – chiarisce Scuderi – purtroppo sono infezioni di tipo batterico su cui un nutraceutico può fare poco. In queste condizioni l’utilizzo di colliri con sostanze come l’hamamelis o la camomilla hanno senz’altro un effetto calmante e decongestionante, ma non sono antibatterici e quindi non possono essere efficaci contro le infezioni», conclude il Professore.

Articoli correlati
Clean room per snellire le liste d’attesa. Nicolò (oculista): «“Stanze pulite” e non sale operatorie per interventi a bassa complessità»
Il presidente di Macula: «La pandemia ha determinato un calo delle prestazioni per la cura delle maculopatie che va dal 40% all’80%. Interrompere le terapie potrebbe significare peggiorare il proprio stato di salute in modo irreversibile»
di Isabella Faggiano
Tecnologia, la Soi adotta le votazioni telematiche via internet
Trasparenza, sicurezza, affidabilità. Saranno queste le caratteristiche delle elezioni suppletive per il rinnovo  del Consiglio Direttivo della SOI, Società Oftalmologia italiana. Si tratta di una elezione innovativa perché per la prima volta in Italia il rinnovo dei Consiglieri di una società medico scientifica si svolgerà attraverso una piattaforma digitale, mentre un notaio certificherà il corretto […]
Tecnologia in sanità, Leonardi (Ministero Salute): «Un sistema che non si innova non può fornire servizi adeguati ai cittadini»
«Investire su invecchiamento, sanità elettronica, medicina di precisione, sviluppo farmaceutico e nutraceutica» ha spiegato Giovanni Leonardi, della Direzione Generale della ricerca e innovazione in sanità per il Ministero della Salute
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Più di 200 ceppi batterici abitano la superficie oculare: scoperto il microbioma degli occhi
Tra i principali temi di discussione del 6° Congresso su Nutraceutica e Occhio che si è svolto a Roma, si tratta di un’area di ricerca emergente da cui ci si aspetta nuovi approcci terapeutici per il trattamento e la prevenzione di malattie e condizioni oculari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...