Salute 3 Novembre 2017

Ecco perché chi mangia marmellata di mirtillo vede meglio

Dai mirtilli al thè verde, dal ginkgo biloba all’hamamelis, i nutraceutici con effetti benefici per la vista spiegati dal Professor Gianluca Scuderi

Ginkgo biloba, mirtillo, carotenoidi e thè verde. Cosa hanno tutte queste sostanze in comune? Fanno bene agli occhi e alla vista. «Durante la seconda guerra mondiale ci si è accorti che i piloti inglesi della RAF (Royal Air Force) che mangiavano molta marmellata di mirtillo colpivano più bersagli rispetto agli altri, soprattutto di notte. Le prime ricerche hanno quindi rivelato che il mirtillo ha un’azione benefica sulla vista perché migliora il contrasto e la visibilità nelle ore serali. È stato uno dei primi alimenti ad essere studiato e a dar vita a quella che noi oggi chiamiamo nutraceutica». Parola del Professor Gianluca Scuderi, Professore associato del Dipartimento di Neuroscienze, Salute Mentale e Organi Di Senso (Nesmos) dell’Università di Roma Sapienza.

«La parola nutraceutica deriva dall’unione dei termini nutrizione e farmaceutica e indica tutte quelle sostanze di derivazione naturale che hanno un effetto benefico sulla salute e che hanno dei riscontri positivi in termini di prevenzione o terapia di alcune malattie – spiega il Professore a Sanità Informazione -. Un esempio per tutti: il riso rosso, che svolge un’azione terapeutica su chi ha problemi di colesterolo». Nutraceutici per eccellenza sono gli integratori alimentari, quindi vitamine, minerali o antiossidanti di derivazione naturale, presenti nei cibi o assunti tramite prodotti sintetici.

Il Professor Scuderi, organizzatore del quarto convegno dedicato a “Nutraceutica e occhio” tenutosi a Roma nei giorni scorsi, specifica che «di sostanze che fanno bene alla vista, oltre al mirtillo, ce n’è un’infinità: il ginkgo biloba ad esempio ha un’azione vasoattiva e sono stati studiati i suoi effetti benefici sul glaucoma. Abbiamo il thè verde, ottima fonte di catechine, che grazie alla sua azione neuro protettiva è in grado di agevolare la difesa del nervo ottico. Per non parlare dei carotenoidi, come la luteina o la zeaxantina, sostanze importantissime per la retina e per la prevenzione della degenerazione maculare senile», prosegue il Professore.

LEGGI ANCHE: NUTRACEUTICA: CHE COS’È?

La scienza conferma quindi che mangiare le carote fa bene alla vista, come tutti i genitori consigliano e ricordano ai bambini che di assumere verdure proprio non ne vogliono sapere. Stesso esito anche per gli impacchi di camomilla contro infezioni comuni quali congiuntiviti o orzaioli? «Le congiuntiviti – chiarisce Scuderi – purtroppo sono infezioni di tipo batterico su cui un nutraceutico può fare poco. In queste condizioni l’utilizzo di colliri con sostanze come l’hamamelis o la camomilla hanno senz’altro un effetto calmante e decongestionante, ma non sono antibatterici e quindi non possono essere efficaci contro le infezioni», conclude il Professore.

Articoli correlati
Glaucoma, per la Settimana mondiale visite gratuite. Otto persone a rischio su dieci non vanno dall’oculista
Il messaggio del ministro Grillo: «Bene la task force creata dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (SOI) e la Società Italiana Glaucoma (SIGLA) per “combattere il ladro silente della vista”»
Oculistica, Commissione Difesa Vista e Goal insieme per una maggiore attenzione alla prevenzione visiva
CDV Onlus annuncia l’ingresso nella sua compagine di un nuovo socio: G.O.A.L.- Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi che, tramite il suo Segretario Generale Danilo Mazzacane, ha espresso il desiderio di entrare a far parte della Onlus per collaborare attivamente alle sue iniziative di prevenzione e di sensibilizzazione alla prevenzione. «A nome di G.O.A.L. – affermano la Presidente […]
Ortottisti, le nuove sfide. Drago (Aiorao): «Vorremmo lavorare accanto ai MMG e negli ambulatori per abbattere le liste di attesa di oculistica»
Il presidente dell’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti in Oftalmologia: «Siamo gli unici professionisti sanitari a cui è riconosciuta la mansione di riabilitatore visivo. Grazie alla rivoluzione tecnologica non si lavora più solo negli ambulatori, ma anche nelle sale operatorie»
di Isabella Faggiano
Nutraceutica e patologie oculari: quale rapporto? Scuderi (Sapienza): «Curiamo ipovedenti con specifica alimentazione»
«Come un 'taxi' che arriva alla destinazione desiderata, in questo caso gli occhi», così Gianluca Scuderi, Professore di Neuroscienze della Sapienza definisce 'i nutraceutici' in occasione del 5° Congresso patrocinato dal SiNut
Per la Giornata Mondiale della Vista 30mila visite oculistiche gratuite, opuscoli informativi e convegni
“Guarda che è importante”: è lo slogan della Giornata Mondiale della Vista che si celebra l’11 ottobre, con l’Agenzia Internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus e l’Organizzazione Mondiale della Sanità. La IAPB Italia e la Società Oftalmologica Italiana (SOI), assieme alla Fondazione Insieme per la Vista Onlus, lanciano l’ambizioso obiettivo di offrire 30.000 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone