Salute 18 Agosto 2020

«Iniezioni intravitreali anche in ambulatori chirurgici dedicati». Le nuove raccomandazioni AIMO

«Grazie a procedure più snelle garantito un maggior numero di terapie»

Immagine articolo

Le iniezioni intravitreali potranno essere eseguite in ambulatori chirurgici dedicati e non più soltanto nelle sale operatorie, grazie a procedure più snelle, ma altrettanto sicure, che consentiranno di erogare un maggior numero di terapie ai pazienti affetti da maculopatie.

È la principale novità contenuta nelle nuove raccomandazioni sulle iniezioni intravitreali per le patologie che coinvolgono la parte della retina che serve per la visione distinta, ovvero la macula, stilate da un gruppo di esperti dell’Associazione Italiana Medici Oculisti (A.I.M.O.).

INIEZIONI INTRAVITREALI, LE NUOVE RACCOMANDAZIONI AIMO

«Si tratta di una novità assoluta per l’Italia, ritenuta inconcepibile fino a poco tempo fa – commenta in una nota Giuseppe Lo Giudice, consigliere di AIMO, tra i principali autori delle raccomandazioni -. Con queste nuove indicazioni, che abbiamo redatto basandoci interamente sui dati dalla evidenza scientifica, ci allineiamo finalmente al resto dei Paesi europei e non solo, dove già da tempo le iniezioni intravitreali possono essere eseguite anche in un ambulatorio chirurgico, rispettando ovviamente le caratteristiche di sterilità nella preparazione del farmaco e nella procedura stessa a prescindere dall’emergenza sanitaria legata al Covid-19, perché tali procedure dovranno essere rispettate sempre».

«Ci siamo ispirati alle raccomandazioni di Euretina, la società europea degli specialisti della retina, soprattutto per quanto riguarda il setting chirurgico – spiega Alberto Piatti, referente di AIMO per le patologie retiniche, anche lui tra i principali autori delle raccomandazioni -. Quello che vogliamo proporre è una semplificazione della procedura per far accedere più pazienti alle terapie. Utilizzare un ambulatorio chirurgico dedicato alle iniezioni intravitreali significa ampliare la platea dei potenziali utenti, che non saranno più costretti a rivolgersi esclusivamente agli ospedali – prosegue Piatti -. Durante l’emergenza sanitaria questo ha tra l’altro rappresentato un problema, perché molti pazienti hanno rinunciato ad andare in ospedale per timore di contrarre il virus».

IL FOLLOW UP DEL PAZIENTE

Nelle nuove raccomandazioni di AIMO, particolare attenzione è rivolta al follow up del paziente. La struttura sanitaria che esegue il ciclo di terapie intravitreali, si legge ancora nel testo, prenderà in carico il paziente sia per la parte chirurgica sia per i controlli post-operatori.

Al termine di ogni ciclo terapeutico la struttura sanitaria che ha preso in carico il paziente, dopo aver eseguito una rivalutazione basata su esami diagnostici morfologici (OCT ed eventuale angiografia) e funzionali (esame dell’acuità visiva ed eventuale microperimetria) che attesti la stabilità/miglioramento del quadro clinico, potrà inviare il paziente al proprio oculista curante o, in assenza di questi, il paziente si prenoterà un controllo presso una struttura pubblica/ accreditata o privata.

«È fondamentale che il paziente con una patologia cronica come la maculopatia venga preso in carico dalla struttura che effettua le terapie – sottolinea Piatti – garantendogli anche i controlli successivi. E questa è un’altra grande novità contenuta nelle nostre raccomandazioni, perché in ambito oculistico – conclude – non siamo mai stati abituati a curare delle patologie croniche così diffuse e con effetti prolungati nel tempo come le maculopatie».

COSA SONO LE INIEZIONI INTRAVITREALI

Le iniezioni intravitreali di sostanze terapeutiche (IVT) – spiega un comunicato diramato dall’AIMO – sono prestazioni ambulatoriali riportate nei nuovi Livelli essenziali di assistenza e nel Nomenclatore nazionale delle prestazioni ambulatoriali. Ma qual è la loro importanza per il paziente con patologia maculare?

«Per questa tipologia di pazienti le iniezioni intravitreali sono fondamentali – risponde Lo Giudice – perché al momento rappresentano l’unica forma di terapia in grado di garantire loro la conservazione o la riduzione della perdita visiva».

In Italia ogni anno vengono eseguite migliaia di iniezioni intravitreali, ma nel 2020 «a causa del Covid-19, molte sono andate perse. Ancora non sappiamo quante con esattezza – spiega il consigliere di AIMO – però stiamo cercando di arrivare ad una stima di pazienti persi al follow-up mediante uno studio multicentrico che vede coinvolti nella raccolta dati numerosi centri di Oculistica in Italia».

Se il paziente non esegue un’iniezione programmata, può capitare che insorga «una perdita irreversibile della vista, con la conseguenza che le punture successive non siano più in grado di controllare la patologia».

 

Articoli correlati
Clean room per snellire le liste d’attesa. Nicolò (oculista): «“Stanze pulite” e non sale operatorie per interventi a bassa complessità»
Il presidente di Macula: «La pandemia ha determinato un calo delle prestazioni per la cura delle maculopatie che va dal 40% all’80%. Interrompere le terapie potrebbe significare peggiorare il proprio stato di salute in modo irreversibile»
di Isabella Faggiano
Coronavirus, Aimo: «Presente in sacco congiuntivale anche in assenza di altra sintomatologia»
I medici oculisti di Aimo si rivolgono al ministero Speranza: «Pazienti potenzialmente contagiosi affollano nostri Pronto Soccorso»
Tecnologia, la Soi adotta le votazioni telematiche via internet
Trasparenza, sicurezza, affidabilità. Saranno queste le caratteristiche delle elezioni suppletive per il rinnovo  del Consiglio Direttivo della SOI, Società Oftalmologia italiana. Si tratta di una elezione innovativa perché per la prima volta in Italia il rinnovo dei Consiglieri di una società medico scientifica si svolgerà attraverso una piattaforma digitale, mentre un notaio certificherà il corretto […]
Salute visiva, Stirpe (Fondazione Bietti): «La superficie oculare risente dell’ambiente inquinato»
«Il 30% degli over 70 può sviluppare maculopatie. Possono nascondersi dietro a fattori ambientali o genetici: fumo, stile di vita errato. I danni del fumo e dell’inquinamento sono simili: ma ricercando le cause delle patologie non si puntualizza mai quanto sia importante vivere in un ambiente verde» così Mario Stirpe, Presidente Fondazione Bietti Onlus
Oculisti, Menabuoni (Aimo): «Nasce società europea contro abusivismo della professione»
Il presidente dell’Associazione italiana dei medici oculisti contro gli esami medici eseguiti da ottici e optometristi. Balestrazzi: «Solo una visita oculistica effettuata da un medico oculista permette di evidenziare o di escludere eventuali patologie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 17 settembre, sono 29.868.230 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 940.716 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»