Salute 11 Maggio 2020 14:09

Screening oncologici rimandati per Covid-19, studio Nomisma: «Recuperare 4 milioni di test»

Per le ricercatrici non si tornerà alla normalità prima di settembre e allora, per rimettersi in pari con gli anni passati, andranno fatti 1,2 milioni di test mammografici, 1,1 milioni di test cervicali e 1,6 milioni di colorettali

Quando l’emergenza Covid-19 sarà finita bisognerà recuperare 4 milioni di test screening tumorali per raggiungere la stessa cifra di controlli fatti negli anni scorsi. Parla chiaro uno studio portato avanti da Nomisma, “Il peso del lockdown sugli screening oncologici. Quando dobbiamo recuperare”, e ultimato dalle ricercatrici Paola Piccioni e Maria Cristina Perrelli.

Secondo le stime del centro, il Sistema sanitario nazionale ritornerà a una piena ripresa non prima di settembre 2020. Per allora, i test di prevenzione eseguiti risulteranno un terzo rispetto al numero mediamente portato a termine in un anno per tumore alla mammella, cervice dell’utero e colon retto. Negli ultimi quattro mesi dell’anno, quindi, dovranno essere effettuati 1,2 milioni di test mammografici, 1,1 milioni di test cervicali e circa 1,6 milioni di test colorettali.

Sarà difficile che si riesca a raggiungere un simile risultato, avvertono le ricercatrici. In primis a causa del distanziamento sociale, che imponendo una riduzione del numero di accessi nelle strutture, ostacolerà il recupero dei ritardi. A questa criticità pratica andrà aggiunta la nota diffidenza iniziale dei pazienti, che spesso considerano questo tipo di controlli rimandabili.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, GAUDIOSO (CITTADINANZATTIVA): «MALATI ONCOLOGICI E CRONICI LASCIATI SOLI. NECESSARIO SVILUPPARE ASSISTENZA DOMICILIARE»

Si punti piuttosto, consiglia lo studio, a un recupero sul medio periodo, approfittando delle difficoltà imposte dal coronavirus per un “aggiornamento”. Non solo degli impianti organizzativi, ma proprio delle strategie adottate. Un’opportunità per Nomisma «per riflettere su possibili rimodulazioni migliorative delle attività e sull’opportunità di un eventuale potenziamento delle risorse (economiche, umane, tecnologiche) di norma dedicate».

Sull’importanza della prevenzione sono i dati a parlare. Ogni anno, grazie a programmi di screening pubblici e controlli privati, vengono individuati circa 11mila carcinomi mammari, 8mila lesioni gravi alla cervice dell’utero e 3.800 carcinomi colorettali. «Quel che è certo – scrivono le ricercatrici – è che la prevenzione oncologica deve restare un asset fondamentale del Ssn anche in periodo di crisi. Gli investimenti effettuati negli anni, i risultati ottenuti e i gap da colmare in alcune aree del Paese devono rappresentare la base dalla quale le Regioni dovranno riorganizzarsi e ripartire».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro
Uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine mostra che i bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro dei bambini concepiti naturalmente
Biopsia liquida: la nuova strategia per battere il cancro sul tempo
Secondo lo studio italiano Chronos, grazie ad un semplice prelievo di sangue è possibile avere informazioni precise sul tumore di cui un paziente è affetto, rilevando le alterazioni che possono renderlo più sensibile o resistente alle terapie oncologiche
Piano oncologico nazionale, dal Senato ok bipartisan a Odg
Il Senato ha approvato un ordine de giorno unitario sul Piano Oncologico Nazionale con 187 voti a favore e 2 astenuti. Il Sottosegretario di Stato per la salute Pierpaolo Sileri ha comunicato che il Governo ha trasmesso il piano oncologico nazionale alla Conferenza Stato-Regioni e che una riunione tecnica è prevista il prossimo 8 luglio
Osteosarcopenia: cosa fare quando ossa e muscoli non godono di buona salute
In Italia 5 milioni di persone sono affette da osteoporosi. La perdita di massa ossea e di quella muscolare sono processi fisiologici, ma entrambi concorrono a determinare un aumento della fragilità e del rischio fratture. Fondamentale la prevenzione con un corretto stile di vita, attività fisica e acquisizione di calcio, proteine e soprattutto vitamina D
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi