Salute 11 Maggio 2020 14:09

Screening oncologici rimandati per Covid-19, studio Nomisma: «Recuperare 4 milioni di test»

Per le ricercatrici non si tornerà alla normalità prima di settembre e allora, per rimettersi in pari con gli anni passati, andranno fatti 1,2 milioni di test mammografici, 1,1 milioni di test cervicali e 1,6 milioni di colorettali

Quando l’emergenza Covid-19 sarà finita bisognerà recuperare 4 milioni di test screening tumorali per raggiungere la stessa cifra di controlli fatti negli anni scorsi. Parla chiaro uno studio portato avanti da Nomisma, “Il peso del lockdown sugli screening oncologici. Quando dobbiamo recuperare”, e ultimato dalle ricercatrici Paola Piccioni e Maria Cristina Perrelli.

Secondo le stime del centro, il Sistema sanitario nazionale ritornerà a una piena ripresa non prima di settembre 2020. Per allora, i test di prevenzione eseguiti risulteranno un terzo rispetto al numero mediamente portato a termine in un anno per tumore alla mammella, cervice dell’utero e colon retto. Negli ultimi quattro mesi dell’anno, quindi, dovranno essere effettuati 1,2 milioni di test mammografici, 1,1 milioni di test cervicali e circa 1,6 milioni di test colorettali.

Sarà difficile che si riesca a raggiungere un simile risultato, avvertono le ricercatrici. In primis a causa del distanziamento sociale, che imponendo una riduzione del numero di accessi nelle strutture, ostacolerà il recupero dei ritardi. A questa criticità pratica andrà aggiunta la nota diffidenza iniziale dei pazienti, che spesso considerano questo tipo di controlli rimandabili.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, GAUDIOSO (CITTADINANZATTIVA): «MALATI ONCOLOGICI E CRONICI LASCIATI SOLI. NECESSARIO SVILUPPARE ASSISTENZA DOMICILIARE»

Si punti piuttosto, consiglia lo studio, a un recupero sul medio periodo, approfittando delle difficoltà imposte dal coronavirus per un “aggiornamento”. Non solo degli impianti organizzativi, ma proprio delle strategie adottate. Un’opportunità per Nomisma «per riflettere su possibili rimodulazioni migliorative delle attività e sull’opportunità di un eventuale potenziamento delle risorse (economiche, umane, tecnologiche) di norma dedicate».

Sull’importanza della prevenzione sono i dati a parlare. Ogni anno, grazie a programmi di screening pubblici e controlli privati, vengono individuati circa 11mila carcinomi mammari, 8mila lesioni gravi alla cervice dell’utero e 3.800 carcinomi colorettali. «Quel che è certo – scrivono le ricercatrici – è che la prevenzione oncologica deve restare un asset fondamentale del Ssn anche in periodo di crisi. Gli investimenti effettuati negli anni, i risultati ottenuti e i gap da colmare in alcune aree del Paese devono rappresentare la base dalla quale le Regioni dovranno riorganizzarsi e ripartire».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Vaccini anti-Covid: cosa si intende per “evento avverso”?
L’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) spiega cosa sono gli eventi avversi (AEFI - Adverse Event Following Immunization) e perché è importante studiarli
L’appello di Conte alla Camera: «Momento delicato, servono costruttori». Sulla pandemia: «Rivendico scelta di tutelare salute»
Il Presidente del Consiglio è intervenuto a Montecitorio. Un passaggio è stato dedicato alle risorse destinate alla sanità: «21 miliardi per potenziare l'assistenza ospedaliera e territoriale, valorizzare e assumere il personale e investire nella formazione»
Il patentino vaccinale su una app. E così chi non è immune al Covid non potrà viaggiare
Mentre continua la discussione sul patentino vaccinale, sono allo sviluppo molte app che certificano lo stato di avvenuta vaccinazione: compagnie aeree e altri business sono pronte a implementarle
di Tommaso Caldarelli
Vaccini, Fials: «Patentino di immunità per chi opera in reparti sensibili»
«Ricorrere all’obbligo è sempre un po’ una sconfitta della ragione»
Ritardi Pfizer, l’Italia a dosi ridotte. Preoccupa la variante brasiliana: Speranza blocca i voli
A causa di un ritardo nelle consegne del vaccino Pfizer verranno distribuite il 29% di dosi in meno, annuncia Arcuri. Tagli maggiori per Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Intanto l'Italia chiude al Brasile, la nuova variante cerca di sfuggire agli anticorpi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...