Salute 5 Agosto 2021 15:14

Interventi oculistici solo negli ospedali: la SOI chiama in causa Regione Lombardia che respinge le accuse

Dallo scorso mese di giugno gli interventi oculistici ambulatoriali sono stati sospesi a favore dell’ospedale dove però, a detta di Matteo Piovella, Presidente SOI, non ci sarebbero i requisiti minimi di sicurezza. Immediata la replica della Regione con Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità parla di nuove strutture territoriali

di Federica Bosco

In Regione Lombardia dallo scorso mese di giugno gli interventi di chirurgia oculistica dopo 27 anni non si possono più eseguire in ambulatorio, ma solo in ospedale.

Una decisione che la Società italiana di Oftalmologia, nelle parole del suo Presidente Matteo Piovella, reputa lesiva per la categoria e per i pazienti. A sostegno della tesi secondo cui la scelta di Regione Lombardia sarebbe inadeguata è stato l’intervento dello stesso Piovella nella conferenza stampa di SOI che, nel giudicare la scelta un errore burocratico di rilevante statura, ha snocciolato dati che pongono all’attenzione un problema delicato che rischia di compromettere la vista a molte persone.

Secondo Piovella, infatti, sarebbero oltre 100 mila i pazienti in lista d’attesa per operarsi di cataratta negli ospedali lombardi. «Numeri che impongono una riflessione – ammette Piovella – anche perché fino allo scorso mese di maggio il 97% degli interventi di cataratta in Italia veniva effettuato con il modello organizzativo ambulatoriale. Con un tratto di penna, invece, la Lombardia, unica regione in Italia, ha cancellato la chirurgia ambulatoriale andando a danneggiare i pazienti in un momento in cui, a causa della pandemia da Covid, le liste d’attesa erano già lunghe. Non solo, da un punto di vista strutturale, nelle sale operatorie adibite a questi interventi mancano i requisiti minimi di sicurezza. Volumi di ricambio d’aria insufficienti e mancanza di filtri particolari che neutralizzano i numeri delle particelle circolanti. Un deficit che determina un rischio di infezioni con conseguente perdita della vista».

Una legge in vigore solo in Regione Lombardia

Secondo Piovella, questa situazione creerebbe un grande disagio ai pazienti, anche alla luce del fatto che «in tutte le altre regioni, nel pieno rispetto delle regole, si continua a fare gli interventi nelle strutture ambulatoriali. Pertanto, SOI chiede l’immediata sospensione di questi provvedimenti che impediscono di fare gli interventi in regime ambulatoriale e tornare a adottare la stessa metodologia del resto d’Italia». Secondo la Società di Oftalmologia Italiana sarebbe indispensabile correggere subito l’errore per permettere ai pazienti che necessitano di assistenza di poter ricevere la miglior chirurgia della cataratta negli ambulatori che offrono tecniche più avanzate rispetto a quelle ospedaliere vecchie di 20 anni.

Class action a difesa dei pazienti

Se l’appello di SOI dovesse cadere nel vuoto, Piovella promette battaglia nelle aule dei tribunali come già accaduto in passato. «Mi sembra un paradosso dover scendere in campo contro queste illogicità e promuovere un’azione a difesa di circa 180 mila individui, ma non possiamo accettare che i pazienti vengano trattati in una situazione di minor sicurezza».

La Regione pensa ad un riordino con strutture territoriali

Immediata la replica della Regione che respinge ogni critica e spiega attraverso il Presidente della Commissione Sanità Emanuele Monti, gli sviluppi nel settore: «Il perdurare della situazione pandemica ha costretto il sistema sanitario a ridisegnare la programmazione della specialistica ambulatoriale in generale che, comunque, è bene ricordare, è un’eccellenza e attira molti pazienti da tutto il Paese, specialmente nel campo oculistico. Con le nascenti strutture di sanità territoriale, previste dal riordino normativo della sanità lombarda e dell’attuazione del PNRR, sapremo ripartire in maniera sostanziale, alleggerendo la pressione sulle strutture ospedaliere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Carenza medici di famiglia in Lombardia, le proposte dei consiglieri regionali
Lega, Forza Italia, M5S e Pd al lavoro. Approvata in giunta una mozione per incrementare i finanziamenti delle borse di studio in medicina generale e istituire un tirocinio professionalizzante
di Federica Bosco
Allarme della Società Oftalmologica: «L’oculistica è fuori dal Pnrr»
L'allarme lanciato dal Presidente SOI Matteo Piovella durante il 18esimo Congresso internazionale
Congresso SOI, Piovella: «Per una cataratta si attende fino a 3 anni. Urgente snellire le liste di attesa»
È stato inaugurato oggi il 18esimo Congresso Internazionale della Società Oftalmologica Italiana. L’innovazione per la chirurgia della cataratta, la terapia intravitreale per il trattamento delle maculopatie e la miopia tra i giovanissimi sono tra i principali argomenti discussi. Il Congresso si concluderà domenica 11 luglio
di Isabella Faggiano
Regione Lombardia: immunità di gregge, mix di vaccini e piano famiglia gli obiettivi di Moratti e Bertolaso
Presentati questa mattina in conferenza stampa i risultati della campagna vaccinale della regione prima in Italia che punta al traguardo di 10 milioni di somministrazioni entro il 10 luglio
di Federica Bosco
Piano di sviluppo della sanità di Regione Lombardia, critiche dai sindacati
Rossi (SNAMI): «Case della salute e ospedali territoriali superati, servono maggiori risorse e una formazione più adeguata». Barbieri (FP Cgil): «Poco dialogo con i sindacati confederati e liste d’attesa dimenticate». Mazzacane (ex Cisl medici): «Bene il concetto One Health, ma attenzione alla fuga dei camici bianchi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...