Salute 5 Agosto 2021 15:14

Interventi oculistici solo negli ospedali: la SOI chiama in causa Regione Lombardia che respinge le accuse

Dallo scorso mese di giugno gli interventi oculistici ambulatoriali sono stati sospesi a favore dell’ospedale dove però, a detta di Matteo Piovella, Presidente SOI, non ci sarebbero i requisiti minimi di sicurezza. Immediata la replica della Regione con Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità parla di nuove strutture territoriali

di Federica Bosco

In Regione Lombardia dallo scorso mese di giugno gli interventi di chirurgia oculistica dopo 27 anni non si possono più eseguire in ambulatorio, ma solo in ospedale.

Una decisione che la Società italiana di Oftalmologia, nelle parole del suo Presidente Matteo Piovella, reputa lesiva per la categoria e per i pazienti. A sostegno della tesi secondo cui la scelta di Regione Lombardia sarebbe inadeguata è stato l’intervento dello stesso Piovella nella conferenza stampa di SOI che, nel giudicare la scelta un errore burocratico di rilevante statura, ha snocciolato dati che pongono all’attenzione un problema delicato che rischia di compromettere la vista a molte persone.

Secondo Piovella, infatti, sarebbero oltre 100 mila i pazienti in lista d’attesa per operarsi di cataratta negli ospedali lombardi. «Numeri che impongono una riflessione – ammette Piovella – anche perché fino allo scorso mese di maggio il 97% degli interventi di cataratta in Italia veniva effettuato con il modello organizzativo ambulatoriale. Con un tratto di penna, invece, la Lombardia, unica regione in Italia, ha cancellato la chirurgia ambulatoriale andando a danneggiare i pazienti in un momento in cui, a causa della pandemia da Covid, le liste d’attesa erano già lunghe. Non solo, da un punto di vista strutturale, nelle sale operatorie adibite a questi interventi mancano i requisiti minimi di sicurezza. Volumi di ricambio d’aria insufficienti e mancanza di filtri particolari che neutralizzano i numeri delle particelle circolanti. Un deficit che determina un rischio di infezioni con conseguente perdita della vista».

Una legge in vigore solo in Regione Lombardia

Secondo Piovella, questa situazione creerebbe un grande disagio ai pazienti, anche alla luce del fatto che «in tutte le altre regioni, nel pieno rispetto delle regole, si continua a fare gli interventi nelle strutture ambulatoriali. Pertanto, SOI chiede l’immediata sospensione di questi provvedimenti che impediscono di fare gli interventi in regime ambulatoriale e tornare a adottare la stessa metodologia del resto d’Italia». Secondo la Società di Oftalmologia Italiana sarebbe indispensabile correggere subito l’errore per permettere ai pazienti che necessitano di assistenza di poter ricevere la miglior chirurgia della cataratta negli ambulatori che offrono tecniche più avanzate rispetto a quelle ospedaliere vecchie di 20 anni.

Class action a difesa dei pazienti

Se l’appello di SOI dovesse cadere nel vuoto, Piovella promette battaglia nelle aule dei tribunali come già accaduto in passato. «Mi sembra un paradosso dover scendere in campo contro queste illogicità e promuovere un’azione a difesa di circa 180 mila individui, ma non possiamo accettare che i pazienti vengano trattati in una situazione di minor sicurezza».

La Regione pensa ad un riordino con strutture territoriali

Immediata la replica della Regione che respinge ogni critica e spiega attraverso il Presidente della Commissione Sanità Emanuele Monti, gli sviluppi nel settore: «Il perdurare della situazione pandemica ha costretto il sistema sanitario a ridisegnare la programmazione della specialistica ambulatoriale in generale che, comunque, è bene ricordare, è un’eccellenza e attira molti pazienti da tutto il Paese, specialmente nel campo oculistico. Con le nascenti strutture di sanità territoriale, previste dal riordino normativo della sanità lombarda e dell’attuazione del PNRR, sapremo ripartire in maniera sostanziale, alleggerendo la pressione sulle strutture ospedaliere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti», l’appello della SOI a cittadini e politica
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti: solo 1500 dei 7mila oftalmologi italiani fanno parte del SSN. Necessario dare una svolta». Questo l’appello che la Società Oftalmologica Italiana, che da 153 anni rappresenta e sostiene i medici oculisti italiani per tutelare le necessità dei pazienti, rivolge a tutti i cittadini
Lazio, via a piano straordinario per recuperare le liste di attesa
La Giunta regionale del Lazio presenta il Piano di recupero delle liste d'attesa per un investimento pari a 48 milioni di euro. Previste strutture aperte la sera e nel weekend
Regione Lombardia investe 7,5 milioni di euro nelle cure domiciliari
Nuove tecnologie, telemedicina e personale specializzato gli ambiti di sviluppo su cui è concentrata l’attenzione di pubblico e privato. Da MedicaAir nuovi studi per migliorare la consistenza dei cibi per pazienti con insufficienza respiratoria
Minuscoli cristalli artificiali possono restituire la vista, ma il SSN non ne copre le spese
A scoprire le carte sull’inadeguatezza delle cure oculistiche offerte dalla Sanità pubblica è Matteo Piovella, presidente della Società Oftalmologica Italiana, in occasione del 19° congresso Internazionale SOI. «L’intervento rifrattivo del cristallino sta sostituendo la chirurgia della cataratta, ma il SSN non è in grado di sostenerne i costi e, quindi, chi vuole farlo deve pagarlo di tasca propria»
«Centinaia di migliaia di interventi agli occhi saltati, situazione critica», l’allarme dell’oculista Mele
Gli interventi chirurgici agli occhi, tra cui anche le iniezioni intravitreali per la maculopatia, sono crollati più dell'80 per cento, riferisce l'oculista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi