Voci della Sanità 11 Luglio 2021 11:40

Allarme della Società Oftalmologica: «L’oculistica è fuori dal Pnrr»

L’allarme lanciato dal Presidente SOI Matteo Piovella durante il 18esimo Congresso internazionale

Allarme della Società Oftalmologica italiana (SOI) sulla mancanza di risorse economiche da parte dell’Unione Europea per il settore oculistico. A lanciarlo, in occasione del 18esimo Congresso Internazionale in corso a Roma, è il presidente Soi, Matteo Piovella, all’indomani di un Simposio organizzato alla presenza del sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri.

«Nell’incontro con il sottosegretario Pierpaolo Sileri e con il direttore della programmazione sanitaria Andrea Urbani, durante il nostro Simposio – spiega Matteo Piovella – è stato ribadito che l’oculistica non potrà sedere al tavolo delle risorse economiche della Comunità europea e della ripartenza. Questo perché queste cose indispensabili sono per lo meno finora dedicate agli interventi di assistenza sanitaria salva-vista e non alle prestazioni ambulatoriali. L’oculistica è l’unica chirurgia maggiore che si base per legge in Italia sulla modalità ambulatoriale e da questa situazione rimane esclusa», ha ammonito Piovella.

Ma l’allarme è anche di tipo tecnologico: «Nel sistema sanitario nazionale – prosegue il presidente Soi – abbiamo una situazione priva delle tecnologie avanzate. Solo l’1% dei 655mila interventi del 2019 utilizza queste tecnologie che invece trovano spazio nel settore privato perché non ha vincoli economici e organizzativi. È ovvio che questo sta creando una divaricazione di due tipologie di assistenza, senza adeguata conoscenza da parte dei pazienti delle migliori opportunità a disposizione. Ci stiamo dunque rimboccando le maniche – conclude Piovella – per evitare questo infortunio che in alcune regioni cercano di arginare la situazione privilegiando il modello del sistema sanitario nazionale anche se privo delle adeguate risorse per poterlo sostenere per cercare di penalizzare invece il modello privato per esempio legiferando che la chirurgia della cataratta contro le leggi italiane, si possa effettuare solo negli ospedali pubblici».

Articoli correlati
Tecnici della riabilitazione psichiatrica, dall’OMS la guida ai “servizi di salute mentale territoriali”
Rossi e Silveri (AITeRP): «Formazione e ricerca il fulcro del documento. La guida è in linea con la mission della nostra associazione e con gli obiettivi del PNRR»
di Isabella Faggiano
Medici e PNNR, mozione al Consiglio nazionale FNOMCeO: «Coinvolgere i professionisti»
Bocciato, o meglio rimandato a settembre, il Documento “Agenas” sulle Case di Comunità, previste dalla Missione 6 Salute del Piano nazionale di ripresa e resilienza
PNRR e riforma della medicina territoriale, il punto con Nicola Buonaiuto (Cisl Medici Lazio)
L’assistenza territoriale è al centro della riforma sanitaria prevista dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). Un intervento, secondo il dottor Nicola Buonaiuto, delegato territoriale specialisti ambulatoriali Cisl Medici Lazio, insufficiente per la riorganizzazione ed il potenziamento del settore della prevenzione. Buonaiuto spiega, quindi, quali sono le altre falle riscontrate nel progetto di riforma […]
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Giovanni Migliore è il nuovo presidente Fiaso: «Puntare sul capitale umano e sulla formazione»
«Lo sviluppo della digitalizzazione costituisce la sfida per il rinnovamento e il miglioramento della sanità. La telemedicina è uno degli assi portanti di questo processo». L'intervista a Sanità Informazione
Specializzazioni, Orlandi (FNCF): «Giovani chimici e fisici penalizzati dall’assenza di borse. Con PNRR finanziare scuole di area non medica»
La Presidente della Federazione Nazionale dei Chimi e Fisici Nausicaa Orlandi si batte da tempo per garantire parità di condizione con i giovani medici: «Oggi i giovani chimici e fisici preferiscono il dottorato e spesso vanno all’estero». Poi chiede di «garantire lo standard di 3 chimici e 2 fisici ogni 100mila abitanti» anche utilizzando i fondi del PNRR
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva