Salute 8 Luglio 2021 13:39

Congresso SOI, Piovella: «Per una cataratta si attende fino a 3 anni. Urgente snellire le liste di attesa»

È stato inaugurato oggi il 18esimo Congresso Internazionale della Società Oftalmologica Italiana. L’innovazione per la chirurgia della cataratta, la terapia intravitreale per il trattamento delle maculopatie e la miopia tra i giovanissimi sono tra i principali argomenti discussi. Il Congresso si concluderà domenica 11 luglio

di Isabella Faggiano

«Nei prossimi 10 anni il numero delle persone cieche in Italia è destinato a raddoppiare». A lanciare l’allarme all’inaugurazione del 18esimo Congresso Internazionale SOI (Società Oftalmologica Italiana) è il presidente Matteo Piovella. «Questo evento, il primo in presenza dall’esplosione dell’emergenza Covid, è focalizzato sulla ripartenza. Sono due i principali impegni che abbiano nei confronti di centinaia di migliaia di pazienti: la chirurgia della cataratta e la terapia intravitreale per il trattamento delle maculopatie». Tematiche di cui discuteranno da oggi, 8 luglio, fino a domenica 11 luglio, oltre 2.500 professionisti in presenza in collegamento diretto con un numero altrettanto cospicuo di specialisti del settore.

Le liste di attesa

«Purtroppo l’oculistica è considerata una specialità di tipo elettivo, tanto che, durante la fase più critica della pandemia, le prestazioni hanno subito una vera e propria battuta di arresto». Uno stop che ha creato liste d’attesa incredibili: «Sono circa 400mila le cataratte non eseguite nel 2020, con un’attesa che, attualmente, arriva fino a 3 anni – spiega il presidente SOI -. La chirurgia della cataratta, oggi, grazie all’impiego delle nuove tecnologie, può essere personalizzata ed adeguata ad ogni singolo paziente, garantendo risultati eccellenti». Anche per il trattamento delle maculopatie l’attesa rappresenta un’enorme criticità da risolvere: «Nel 2020, il 90% del milione di persone affette da questa patologia non sono state trattate», aggiunge Piovella.

Scienza e politica a confronto

Il Congresso sarà un’occasione importante di confronto non solo tra i rappresentati del mondo scientifico, ma anche con le Istituzioni: «La prima giornata di lavori – dice il presidente Piovella – si concluderà con una tavola rotonda che vedrà protagonisti il Sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, il Ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, il Direttore della Prevenzione presso il Ministero della Salute, Giovanni Rezza, e il Direttore della Programmazione Sanitaria presso il Ministero della Salute, Andrea Urbani».

L’innovazione è un “lusso” per pochi

Le liste di attesa da snellire non rappresentano l’unico nodo da sciogliere: «Siamo una specialità in continua evoluzione che ha difficoltà a trasferire nella pratica clinica queste cure innovative che salvano la vista ai pazienti – racconta Piovella -. Disponiamo di tecnologie avanzatissime, in continua evoluzione, che garantiscono risultati eccezionali. Purtroppo, però, l’accesso è ancora troppo limitato: dei 650mila interventi stimati nel 2019 solo nell’1% dei casi sono stati utilizzati questi metodi all’avanguardia. A nostro avviso, però, che le persone affette da maculopatia non abbiano accesso alle migliori cure è dovuto solo ad una serie di ragioni che consideriamo burocratiche e quindi risolvibili».

La vista invecchia a 40 anni

Donne e uomini sempre più longevi hanno il diritto di poter accedere ai migliori trattamenti e il dovere di prendersi cura della propria vista, per evitare di trascorre gli ultimi anni della propria vita in una condizione di cecità parziale o assoluta. «Gli occhi cominciano ad invecchiare a quarant’anni e se, in media, le persone hanno davanti a se altrettanti anni da vivere, allora – sottolinea Piovella – dovranno necessariamente occuparsi della salute della vista. L’occhio ha un meccanismo, forse, più sofisticato del nostro cervello e sicuramente più elaborato del cuore».

Giovani e miopia

Gli specialisti riuniti in occasione del Congresso si occuperanno anche delle problematiche che colpiscono i più giovani. «Tra i ragazzi dagli 8 ai 13 anni è importante non sottovalutare la miopia che nei paesi asiatici è arrivata a colpire il cento per cento dei giovani – dice il presidente SOI -. La preoccupazione è quella di evitare che la miopia elevata a 50-60 anni faccia perdere la vista. Abbiamo quindi messo a punto linee guida per tutelare i nostri pazienti fin da bambini».
La vista, dunque, è un bene prezioso da difendere a tutte le età: «E, purtroppo – conclude Piovella, ci rendiamo conto del suo vero valore solo quando la stiamo per perdere».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapia genica oculare, recuperano la vista dieci bambini ipovedenti
Trattati con successo al Policlinico Vanvitelli di Napoli. Ecco i risultati ottenuti grazie alla prima terapia genica per distrofie retiniche ereditarie
Giornata Mondiale della Vista, Piovella (SOI): «Persone cieche raddoppieranno entro il 2030, importante prima visita oculistica alla nascita»
Secondo i dati dell’Oms 2,2 miliardi di persone nel mondo soffrono di patologie oculari. In Italia si stima che le malattie a rischio perdita della vista coinvolgano oltre 6 milioni di pazienti. I difetti della vista che necessitano la correzione con occhiali colpiscono 40 milioni di italiani. A fare il punto è il Presidente della […]
Salute visiva, spesso è l’insegnante a stimolare la prima visita oculista nei bambini
Ad accorgersi dei problemi di vista dei bambini è, spesso, l’insegnante, prima ancora dei genitori. Dei fattori di rischio dell’epidemia di miopia nei bambini in età scolare si parlerà oggi al 3° Congresso G.O.A.L (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi) a Milano
Ipovisione e cecità, il “miracolo” della terapia genica
Falsini (oculista): «Sono attualmente eleggibili al trattamento i pazienti con difetto del gene RPE65. Ma, grazie ai progressi della scienza, la terapia genica sarà presto utilizzabile anche per le malattie ereditarie della retina causate da una mutazione diversa»
di Isabella Faggiano
Interventi oculistici solo negli ospedali: la SOI chiama in causa Regione Lombardia che respinge le accuse
Dallo scorso mese di giugno gli interventi oculistici ambulatoriali sono stati sospesi a favore dell’ospedale dove però, a detta di Matteo Piovella, Presidente SOI, non ci sarebbero i requisiti minimi di sicurezza. Immediata la replica della Regione con Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità parla di nuove strutture territoriali
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 dicembre, sono 263.601.780 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.226.923 i decessi. Ad oggi, oltre 8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano