Salute 11 Ottobre 2019

Paziente anziano, Mantovani (Bicocca): «Nuovo paradigma sarà la gestione integrata»

Il Professore di Igiene e Salute Pubblica alla Biccoca di Milano crede nella possibilità di ridurre le ospedalizzazioni: «Abbiamo tecnologie informatiche, dispositivi e farmaci che sono più sicuri rispetto al passato, che sono più maneggevoli e permettono di gestire il paziente al di fuori dell’ospedale»

Immagine articolo

L’Italia non è un paese di giovani. I dati sull’invecchiamento della popolazione sono emblematici: l’Italia è il secondo Paese al mondo, dopo il Giappone, per percentuale di anziani, con 13,8 milioni di persone over 65, ovvero il 22,8% della popolazione totale, e detiene il record europeo, con la Francia, per presenza di ultracentenari. Uno scenario che per forza di cose è destinato a ripercuotersi sul mondo sanitario, con un forte aumento di pazienti cronici e con multimorbilità. Se n’è parlato al convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano”, promosso da Onda – Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere e Daiichi Sankyo Italia.

«La vera sfida dei prossimi anni sarà la gestione integrata e interdisciplinare delle malattie croniche dell’anziano» sottolinea Lorenzo Mantovani, Professore associato di Igiene e Salute Pubblica, Università Biccoca di Milano, secondo il quale una delle ricette è quella di limitare le ospedalizzazioni: «Si può fare perché abbiamo tecnologie informatiche, dispositivi e farmaci che sono più sicuri rispetto al passato, che sono più maneggevoli, che permettono di gestire il paziente al di fuori dell’ospedale».

LEGGI ANCHE: TERAPIE PIU’ SICURE, NUOVE TECNOLOGIE E SUPPORTO AI CAREGIVER PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DI VITA DEGLI ANZIANI

I dati sono noti, l’Italia è uno dei paesi più vecchi del mondo, quindi la grande sfida della sanità italiana è affrontare questo invecchiamento. Il nostro sistema sanitario è pronto per questa sfida?
«Se non è ancora pronto lo deve diventare molto rapidamente. Il mondo ci sta guardando. Ci sono due paesi che hanno avuto il baby boom dopo la Seconda guerra mondiale e che hanno il più alto numero di ultraottantenni. L’Italia è fra i cinque paesi con la più elevata aspettativa di vita alla nascita insieme a Svezia, Svizzera, Spagna e Giappone. Solo che Italia e Giappone hanno avuto la ripopolazione della nazione subito dopo la Seconda guerra mondiale, mentre Svizzera e Spagna non hanno fatto la Seconda guerra mondiale e la Svezia non ha avuto lo stesso numero di morti che abbiamo avuto noi. Quindi abbiamo una popolazione che non solo si attende di vivere a lungo ma con fasce di popolazione anziana molto più numerose proporzionalmente rispetto ad altri paesi. Il nostro sistema sanitario si sta cominciando ad adattare, sta cominciando a prendere atto del fatto che gli ultra 65anni, ma soprattutto gli ultranovantenni, non sono persone che hanno solamente una malattia cronica ma normalmente di malattie croniche ne hanno diverse. Il modo di gestire due, quattro, cinque malattie croniche in una stessa persona non è il modo di gestire una malattia cronica in una persona. Quindi il paradigma che abbiamo fin qui avuto che è quello dei percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali che va bene per morbilità singole, va bene per le acuzie, ma per il contesto della multimorbilità è destinato a fallire e a essere soppiantato da un nuovo paradigma che è quello della gestione integrata dei pazienti».

Un tema è quello di ridurre le ospedalizzazioni che poi incidono di più sul sistema sanitario. Ma si può ottenere una presa in carico adeguata riducendo le ospedalizzazioni?
«Si perché abbiamo tecnologie informatiche, dispositivi e farmaci che sono più sicuri rispetto al passato, che sono più maneggevoli, che permettono di gestire il paziente al di fuori dell’ospedale con la sua combinazione di malattie croniche e di fragilità in maniera molto migliore rispetto alle tecnologie che avevamo solamente 10 anni fa, sia farmaci, sia dispositivi, sia app».

Articoli correlati
In Italia tanti medici ma troppo anziani, l’allarme lanciato dal rapporto “State of Health in the EU”
Nel 2017 più della metà dei medici italiani in attività aveva un'età pari o superiore a 55 anni, la percentuale più elevata di Europa
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
Cronicità, sette pazienti su dieci bocciano presa in carico e accesso alle cure. Aurilio (PreSa): «Offrire servizi mirati oltre a tutele economiche»
In occasione della consegna dei premi PreSa, presentata l’indagine conoscitiva "I Bisogni dei pazienti cronici”: il 60% promuove informazione e tempo dedicato dal professionista ma boccia la programmazione degli esami. Mennini (CEIS-EEHTA): «Ritardo nella presa in carico fa alzare spesa per sistema sanitario e previdenziale»
Italiani sempre più vecchi. Censis: «Non autosufficienti in crescita: +25% in 10 anni». Aumenta ricorso al privato
Pubblicato il 53esimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese. Su 100 prestazioni rientranti nei LEA che i cittadini hanno provato a prenotare nel pubblico, quasi un terzo è finito nella sanità a pagamento. FNOMCeO: «Ancora troppe disuguaglianze in sanità»
Tecnologia in sanità, Leonardi (Ministero Salute): «Un sistema che non si innova non può fornire servizi adeguati ai cittadini»
«Investire su invecchiamento, sanità elettronica, medicina di precisione, sviluppo farmaceutico e nutraceutica» ha spiegato Giovanni Leonardi, della Direzione Generale della ricerca e innovazione in sanità per il Ministero della Salute
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...