Salute 11 Ottobre 2019

Paziente anziano, Mantovani (Bicocca): «Nuovo paradigma sarà la gestione integrata»

Il Professore di Igiene e Salute Pubblica alla Biccoca di Milano crede nella possibilità di ridurre le ospedalizzazioni: «Abbiamo tecnologie informatiche, dispositivi e farmaci che sono più sicuri rispetto al passato, che sono più maneggevoli e permettono di gestire il paziente al di fuori dell’ospedale»

Immagine articolo

L’Italia non è un paese di giovani. I dati sull’invecchiamento della popolazione sono emblematici: l’Italia è il secondo Paese al mondo, dopo il Giappone, per percentuale di anziani, con 13,8 milioni di persone over 65, ovvero il 22,8% della popolazione totale, e detiene il record europeo, con la Francia, per presenza di ultracentenari. Uno scenario che per forza di cose è destinato a ripercuotersi sul mondo sanitario, con un forte aumento di pazienti cronici e con multimorbilità. Se n’è parlato al convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano”, promosso da Onda – Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere e Daiichi Sankyo Italia.

«La vera sfida dei prossimi anni sarà la gestione integrata e interdisciplinare delle malattie croniche dell’anziano» sottolinea Lorenzo Mantovani, Professore associato di Igiene e Salute Pubblica, Università Biccoca di Milano, secondo il quale una delle ricette è quella di limitare le ospedalizzazioni: «Si può fare perché abbiamo tecnologie informatiche, dispositivi e farmaci che sono più sicuri rispetto al passato, che sono più maneggevoli, che permettono di gestire il paziente al di fuori dell’ospedale».

LEGGI ANCHE: TERAPIE PIU’ SICURE, NUOVE TECNOLOGIE E SUPPORTO AI CAREGIVER PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DI VITA DEGLI ANZIANI

I dati sono noti, l’Italia è uno dei paesi più vecchi del mondo, quindi la grande sfida della sanità italiana è affrontare questo invecchiamento. Il nostro sistema sanitario è pronto per questa sfida?
«Se non è ancora pronto lo deve diventare molto rapidamente. Il mondo ci sta guardando. Ci sono due paesi che hanno avuto il baby boom dopo la Seconda guerra mondiale e che hanno il più alto numero di ultraottantenni. L’Italia è fra i cinque paesi con la più elevata aspettativa di vita alla nascita insieme a Svezia, Svizzera, Spagna e Giappone. Solo che Italia e Giappone hanno avuto la ripopolazione della nazione subito dopo la Seconda guerra mondiale, mentre Svizzera e Spagna non hanno fatto la Seconda guerra mondiale e la Svezia non ha avuto lo stesso numero di morti che abbiamo avuto noi. Quindi abbiamo una popolazione che non solo si attende di vivere a lungo ma con fasce di popolazione anziana molto più numerose proporzionalmente rispetto ad altri paesi. Il nostro sistema sanitario si sta cominciando ad adattare, sta cominciando a prendere atto del fatto che gli ultra 65anni, ma soprattutto gli ultranovantenni, non sono persone che hanno solamente una malattia cronica ma normalmente di malattie croniche ne hanno diverse. Il modo di gestire due, quattro, cinque malattie croniche in una stessa persona non è il modo di gestire una malattia cronica in una persona. Quindi il paradigma che abbiamo fin qui avuto che è quello dei percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali che va bene per morbilità singole, va bene per le acuzie, ma per il contesto della multimorbilità è destinato a fallire e a essere soppiantato da un nuovo paradigma che è quello della gestione integrata dei pazienti».

Un tema è quello di ridurre le ospedalizzazioni che poi incidono di più sul sistema sanitario. Ma si può ottenere una presa in carico adeguata riducendo le ospedalizzazioni?
«Si perché abbiamo tecnologie informatiche, dispositivi e farmaci che sono più sicuri rispetto al passato, che sono più maneggevoli, che permettono di gestire il paziente al di fuori dell’ospedale con la sua combinazione di malattie croniche e di fragilità in maniera molto migliore rispetto alle tecnologie che avevamo solamente 10 anni fa, sia farmaci, sia dispositivi, sia app».

Articoli correlati
Fibrillazione atriale, Paciaroni (Osp. Perugia): «Puntare su nuovi anticoagulanti orali per evitare interazioni con farmaci e altre malattie»
Pur non essendo un'aritmia di per sé pericolosa per la vita, la fibrillazione atriale può esporre a delle complicanze che, in alcuni casi, possono rivelarsi molto invalidanti. Se n'è parlato al convegno "Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” organizzato a Roma da Onda e Daiichi Sankyo
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Anziani, i consigli del geriatra Ungar: «Favorire la salute complessiva del paziente. Sì alla prevenzione per combattere ageismo»
«L’approccio geriatrico è un modo diverso di curare il paziente anziano» ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione, Andrea Ungar professore associato di Medicina Interna e Geriatria all'Università di Firenze, intervenuto al convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano”
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Terapie più sicure, nuove tecnologie e supporto ai caregiver per migliorare la qualità di vita degli anziani
Invecchiamento attivo, sicurezza delle nuove terapie anticoagulanti per i pazienti fragili, tecnologie digitali a supporto della gestione delle cronicità, e infine il prezioso e difficile ruolo del caregiver in un’Italia che conta sempre più anziani. Questi i temi affrontati nel convegno organizzato a Roma dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere (Onda) e Daiichi Sankyo Italia
Numero chiuso, Studenti indipendenti al Ministro: «Più posti al test e raddoppiare le borse di specializzazione»
Il Movimento studentesco ha protestato contro l’imbuto formativo e la carenza di posti per la specializzazione: «Ci viene detto dal Ministero che ci sono numeri programmati, a seconda del fabbisogno della salute del Paese, ma se guardiamo i nostri ospedali ci rendiamo conto che non è così». Irregolarità al test di ingresso, continuano le segnalazioni
di Federica Bosco
Test Medicina, scatta la “corsa al ricorso”. Valsecchi (Bicocca): «2mila borse di specializzazione in più non bastano, servono risorse»
Dopo le segnalazioni di irregolarità tanti studenti stanno valutando di agire per tutelarsi. Secondo Maria Grazia Valsecchi, direttrice del dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Bicocca di Milano, «il test può essere sempre migliorato. Di sicuro allo stato attuale una selezione va fatta, essendoci il numero chiuso»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...