Salute 27 Novembre 2019

Parkinson, tremori ridotti grazie a onde sonore sul cervello. Lo studio dell’università dell’Aquila

Il 95% dei pazienti coinvolti nello studio ha sperimentato una riduzione sostanziale e immediata del tremore. L’autore principale della ricerca Federico Bruno: «Si tratta di un approccio mini-invasivo che riduce le complicanze e richiede un ricovero più breve rispetto alla stimolazione cerebrale profonda»

Onde sonore ad alta frequenza hanno ridotto i tremori del Parkinson nel 95% dei pazienti coinvolti in uno studio dell’università dell’Aquila. E meno di uno su 10 (8%) ha presentato effetti collaterali nei sei mesi successivi. I risultati della ricerca, che apre quindi la strada al trattamento e al contrasto dei tremori del Parkinson ‘bersagliando’ minuscole aree specifiche del cervello dei pazienti con speciali onde sonore indolori, verranno presentati a Chicago la prossima settimana al meeting annuale della Radiological Society of North America. 

Si tratta di un approccio mini-invasivo, che presenta dei vantaggi rispetto alla stimolazione cerebrale profonda, incluso un ridotto rischio di complicanze, come ha spiegato all’Adn Kronos l’autore principale dello studio, Federico Bruno del dipartimento di Scienze biotecnologiche e cliniche applicate dell’Università dell’Aquila: «Un altro vantaggio è l’effetto immediato fornito da questo trattamento, a differenza della stimolazione cerebrale profonda che richiede un periodo di rodaggio per l’elettrostimolazione – ha detto -. Inoltre, il trattamento con ultrasuoni mirati richiede un ricovero più breve ed è una procedura abbastanza ben tollerata anche da pazienti più fragili».

Per lo studio Bruno e il suo team hanno arruolato 39 pazienti, con un’età media di 64,5 anni e tremori disabilitanti che non avevano risposto al trattamento; i pazienti erano afflitti da sintomi presenti in media da oltre 10 anni. I ricercatori hanno valutato i soggetti in base alla gravità del tremore e al livello di qualità della vita prima del trattamento, immediatamente dopo e nel corso dell’anno successivo. Così gli scienziati hanno scoperto che 37 pazienti su 39 avevano sperimentato una riduzione sostanziale e immediata del tremore. Un effetto positivo che si è conservato anche nei controlli di follow up.

«Lo studio che presentiamo descrive la nostra esperienza di oltre un anno nel trattamento del tremore con talamotomia con ultrasuoni focalizzati – commenta Bruno – L’applicazione clinica di questa tecnica per le malattie neurologiche è una novità assoluta: l’uso clinico è stato approvato dalla Food and Drug Administration meno di tre anni fa».

LEGGI ANCHE: PARKINSON, ELEOPRA (SIN): «IDENTIFICATA PROTEINA RESPONSABILE DELLA MALATTIA, AL VIA LA SPERIMENTAZIONE DELLA CURA PER FERMARLA»

 

 

Articoli correlati
Melanoma metastatico, progetto pilota di radiogenomica per valutare risposta a immunoterapia
L’IRCCS San Gallicano vince bando della Ricerca Finalizzata 2019 per “Giovani Ricercatori”. Il finanziamento è a carico del Ministero della Salute e il Principal Investigator è Antonio Guerrisi, medico radiologo dell’ISG
Tumori pediatrici, Fondazione Veronesi torna nelle piazze
Anche quest’anno Fondazione Umberto Veronesi scende in piazza per raccogliere fondi a sostegno della ricerca scientifica contro i tumori pediatrici, grazie al prezioso contributo di ANICAV e RICREA
Famiglie SMA, Saverio Raimondo sostiene “Non c’è SMA che tenga”: la campagna per il Numero Verde Stella
Il servizio dedicato alle persone con atrofia muscolare spinale risponde a domande mediche, normative e legali, oggi più che mai necessario a causa del Covid-19. Il celebre stand up comedian autore e protagonista della clip
Coronavirus, decine di migliaia di studi pubblicati: «Così sono infruibili»
Una squadra di ricerca applica algoritmi di machine learning a oltre 30mila pubblicazioni. La scoperta? «Studi genetici, biomolecolari e test di laboratorio sono sottorappresentati»
di Tommaso Caldarelli
Gli anticorpi monoclonali possono essere il “Game changer”, prima del vaccino?
Gli anticorpi monoclonali possono rappresentare la soluzione più imminente al COVID-19? Attualmente sono 3 i laboratori in fase avanzata, di ampia sperimentazione sull'uomo (cosiddetta Fase 3): la Regeneron/NIAID, con due anticorpi (REGN10933 e REGN10987), la Eli Lilly (con Ly-CoV555), e la Vir Biotechnology (VIR-7831 e VIR-7832)
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...