Salute 27 Novembre 2019 07:03

Parkinson, tremori ridotti grazie a onde sonore sul cervello. Lo studio dell’università dell’Aquila

Il 95% dei pazienti coinvolti nello studio ha sperimentato una riduzione sostanziale e immediata del tremore. L’autore principale della ricerca Federico Bruno: «Si tratta di un approccio mini-invasivo che riduce le complicanze e richiede un ricovero più breve rispetto alla stimolazione cerebrale profonda»

Onde sonore ad alta frequenza hanno ridotto i tremori del Parkinson nel 95% dei pazienti coinvolti in uno studio dell’università dell’Aquila. E meno di uno su 10 (8%) ha presentato effetti collaterali nei sei mesi successivi. I risultati della ricerca, che apre quindi la strada al trattamento e al contrasto dei tremori del Parkinson ‘bersagliando’ minuscole aree specifiche del cervello dei pazienti con speciali onde sonore indolori, verranno presentati a Chicago la prossima settimana al meeting annuale della Radiological Society of North America. 

Si tratta di un approccio mini-invasivo, che presenta dei vantaggi rispetto alla stimolazione cerebrale profonda, incluso un ridotto rischio di complicanze, come ha spiegato all’Adn Kronos l’autore principale dello studio, Federico Bruno del dipartimento di Scienze biotecnologiche e cliniche applicate dell’Università dell’Aquila: «Un altro vantaggio è l’effetto immediato fornito da questo trattamento, a differenza della stimolazione cerebrale profonda che richiede un periodo di rodaggio per l’elettrostimolazione – ha detto -. Inoltre, il trattamento con ultrasuoni mirati richiede un ricovero più breve ed è una procedura abbastanza ben tollerata anche da pazienti più fragili».

Per lo studio Bruno e il suo team hanno arruolato 39 pazienti, con un’età media di 64,5 anni e tremori disabilitanti che non avevano risposto al trattamento; i pazienti erano afflitti da sintomi presenti in media da oltre 10 anni. I ricercatori hanno valutato i soggetti in base alla gravità del tremore e al livello di qualità della vita prima del trattamento, immediatamente dopo e nel corso dell’anno successivo. Così gli scienziati hanno scoperto che 37 pazienti su 39 avevano sperimentato una riduzione sostanziale e immediata del tremore. Un effetto positivo che si è conservato anche nei controlli di follow up.

«Lo studio che presentiamo descrive la nostra esperienza di oltre un anno nel trattamento del tremore con talamotomia con ultrasuoni focalizzati – commenta Bruno – L’applicazione clinica di questa tecnica per le malattie neurologiche è una novità assoluta: l’uso clinico è stato approvato dalla Food and Drug Administration meno di tre anni fa».

LEGGI ANCHE: PARKINSON, ELEOPRA (SIN): «IDENTIFICATA PROTEINA RESPONSABILE DELLA MALATTIA, AL VIA LA SPERIMENTAZIONE DELLA CURA PER FERMARLA»

 

 

Articoli correlati
Assistenza sanitaria, ricerca scientifica e innovazione: nasce la Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-medico
La Fondazione, costituita per essere ancora più vicina al progresso medico-scientifico a favore della salute delle persone, opererà in stretta sinergia con l’Università Campus Bio-Medico di Roma nel perseguimento degli obiettivi e nel rispetto dei valori che ne ispirano da sempre l’azione: la Scienza per l’Uomo
Ricerca, è italiana la terapia genica che dà speranze ai bambini farfalla
Hassan, affetto da epidermolisi bollosa, a sei anni viene sottoposto ad una terapia genica messa a punto dal Professor Michele De Luca del centro di medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” Unimore di Modena. Nel 2017 inizia il follow up, cinque anni dopo, per il centro di eccellenza emiliano è pronta una nuova sfida che partirà nei primi mesi del 2022
Come Covid-19 ha cambiato la ricerca farmaceutica, lo spiega Massimo Scaccabarozzi (Farmindustria)
Parole d'ordine: digitale e decentralizzazione. Il virus ha portato la ricerca oltre i propri limiti e ha mostrato quanto veloce si può lavorare e in maniera produttiva
Leucemia, nei podcast “Diamo voce al futuro” di AIL e Janssen storie di pazienti per sostenere la ricerca
L’obiettivo è rendere le terapie con cellule Car-T sostenibili dal sistema sanitario nazionale e accessibili a tutti
di Federica Bosco
Parkinson, il neurochirurgo: «Trattamento personalizzato con pacemaker cerebrale di ultima generazione»
Lo specialista: «Questo generatore di impulsi è dotato di elettrodi direzionali che, inseriti con intervento chirurgico, stimolano solo un preciso versante del nucleo cerebrale, riducendo al minimo gli effetti collaterali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 gennaio, sono 330.836.470 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.545.953 i decessi. Ad oggi, oltre 9,66 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre