Salute 21 Febbraio 2019 12:15

Il Paese Ritrovato, la città su misura per i malati di Alzheimer

Fumagalli (educatore): «Dopo sei mesi di degenza, evidenziati una diminuzione dei disturbi comportamentali ed un aumento del movimento spontaneo»

di Isabella Faggiano

Si chiama Paese Ritrovato perché è qui che i malati di Alzheimer possono pian piano “ritrovare” quella serenità che la malattia gli ha portato via. Come in una vera e propria cittadina è possibile passeggiare per le vie del Paese, soffermarsi in piazza per una chiacchierata, riposare nei giardinetti o al tavolino di un bar, fare acquisti nei negozi, andare al teatro, in chiesa, per poi concludere la giornata in una casa normale.

«Nel Paese Ritrovato ci sono otto appartamenti con otto camere ciascuno. Tutte singole con bagno privato», ha raccontato Marco Fumagalli, educatore socio- pedagogico, formatore e responsabile della comunicazione de “la Meridiana”, la cooperativa che gestisce il progetto.

«È l’apertura di una nuova via di cura per le persone affette da demenza, una strada che coniuga tre elementi fondamentali – ha continuato Fumagalli – l’attenzione alla relazione, la possibilità di usufruire di spazi sicuri e confortevoli e la disponibilità di partecipare ad attività adeguate al proprio stato di salute. Ai residenti del Paese Ritrovato viene restituito un certo senso di libertà, quell’autonomia di azione che la malattia sottrae all’individuo, giorno dopo giorno».

Il morbo, infatti, si manifesta con un progressivo decadimento delle funzioni cognitive ed è una patologia che, nonostante i progressi della scienza, ad oggi non conosce cura. Nel mondo, la demenza colpisce una persona ogni 4 secondi, per un totale di 7,7 milioni di nuovi casi all’anno, che nel 2050, secondo le ultime stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, diventeranno più di 107 milioni. In Italia, attualmente, oltre un milione di individui soffre di demenza, tra cui circa 600mila di Alzheimer.

LEGGI ANCHE: ALZHEIMER, IN ITALIA 700MILA MALATI. FERRARESE (NEUROSCIENZIATO): «NEL 2050 I CASI DI DEMENZA TRIPLICHERANNO»

«Il primo residente è entrato nel Paese Ritrovato il 25 di giugno dello scorso anno – ha continuato Marco Fumagalli – ed ora ce ne sono 48, per un totale di 64 posti disponibili. Tutti gli ospiti vivono una fase della malattia da lieve a moderata e provengono da situazioni di privazione anche delle più banali attività, per preservare la loro sicurezza o per un’effettiva difficoltà di gestione da parte di chi se ne prendeva cura».

Nel Paese Ritrovato ogni luogo è sicuro e facilmente accessibile: «Abbiamo studiato nel dettaglio tutti gli ambienti affinché fossero armoniosi e funzionali», ha detto l’educatore socio- pedagogico. Così come anche la scelta dei colori è curata nei particolari: ogni edificio, appartamento o stanza ha la sua tonalità. «Diversificare i colori a seconda degli ambienti aiuta l’orientamento dell’anziano e contemporaneamente – ha aggiunto Fumagalli – dona una maggiore armonia al contesto nel suo insieme». Equilibrio estetico e funzionalità sono presenti in ogni luogo: «La tecnologia c’è ma non si vede – ha commentato l’educatore socio- pedagogico -, è al servizio del residente in ogni momento, senza mai invadere la sua privacy». Tutti i letti sono dotati di sensori che permettono agli operatori di turno di sapere in tempo reale se una persona si alza anche nel cuore della notte, così da poterla prontamente assistere. O ancora, tutti gli ospiti indossano braccialetti con una doppia funzione: sono localizzatori di posizione e, contemporaneamente, carta di credito ricaricabile, utile per gli acquisti nei vari esercizi commerciali del Paese.

Ma quali sono i benefici reali per la salute dell’anziano con demenza che vive nel Paese Ritrovato? «Gli studiosi, osservando un gruppo di 32 residenti dopo i primi sei mesi di degenza – ha spiegato Fumagalli – hanno evidenziato una diminuzione dei disturbi comportamentali, come la reazione aggressiva o l’apatia ed un aumento del movimento spontaneo». Ora l’obiettivo delle prossime ricerche punta molto più in alto: dimostrare se il Paese Ritrovato è in grado di rallentare il decadimento cognitivo, esito inesorabile della malattia di Alzheimer. «E poi, perché no – ha concluso l’esperto – costruire altri Paesi Ritrovati, come quello edificato qui a Monza, in altre città d’Italia».

LEGGI ANCHE: ALZHEIMER, GIULIO SCARPATO: «CON MIA MADRE COMUNICAVO A GESTI. HO SCRITTO PER DARE PAROLE AD UNA MALATTIA CHE LE TOGLIE»

 

Articoli correlati
Alzheimer, Gori (Consulcesi): «Aggiornamento è chiave per diagnosi precoce»
In occasione della Giornata Mondiale, Consulcesi lancia un nuovo corso ECM per sensibilizzare e aggiornare i camici bianchi sulle ultime novità
Alzheimer, AIMA ai partiti: «Nessuna attenzione alle persone con demenza, vogliamo risposte»
Alla vigilia della Giornata Mondiale Alzheimer la Presidente Spadin denuncia: un milione di persone  affette da demenza e tre milioni di caregiver restano senza risposte
Alzheimer: scoperta la molecola che può bloccare la malattia, punto di partenza per la cura
Uno studio realizzato dall’Istituto Besta e Mario Negri ha dimostrato che un piccolo peptide somministrato per via nasale sarebbe in grado di evitare l’accumulo delle sostanze tossiche che scatenano la patologia. Studiati gli effetti su modello animale, tra qualche anno la sperimentazione sull’uomo
Giornata Mondiale Alzheimer, AIMA mette a disposizione 10 psicologi per colloqui in streaming
Da oggi fino a martedì 20 settembre è possibile prenotare gli appuntamenti con gli psicologi chiamando la Linea Verde Alzheimer al numero 800 679 679
Regina Elisabetta morta a 96 anni: «Esempio di longevità sana»
Ben 96 anni di vita attiva e 70 anni di regno: la Regina Elisabetta II lascia in eredità un esempio di longevità, lucidità e resilienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa