Salute 14 novembre 2018

Alzheimer, in Italia 700 mila malati. Ferrarese (neuroscienziato): «Nel 2050 i casi di demenza triplicheranno»

Il direttore scientifico del centro di Neuroscienze Milano-Bicocca : «Se la patologia è conclamata non si può intervenire. Con una diagnosi precoce, invece, è possibile ridurre i livelli della proteina che, accumulandosi, danneggia il cervello»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Avere vuoti di memoria, non ricordare dove sono le chiavi di casa, perdere la cognizione del tempo: non sono i sintomi di un normale invecchiamento. Questi segni, che sconvolgono la vita quotidiana di un individuo, possono indicare la comparsa di una forma di demenza.

Nel 2050, il progressivo invecchiamento della popolazione, porterà ad una triplicazione di queste patologie. Prima fra tutte la malattia di Alzhaimer che già oggi rappresenta il 70% di tutte le forme di demenza: «Attualmente – ha spiegato Carlo Ferrarese, direttore scientifico del centro di Neuroscienze di Milano all’università di Milano-Bicocca e direttore della clinica di Neurologia all’ospedale San Gerardo di Monza –  in Italia sono circa un milione i pazienti con demenza, di cui 700 mila soffrono di Alzheimer».

Una patologia chiaramente riconoscibile: «I primi sintomi – ha aggiunto il neurologo – sono disturbi della memoria, soprattutto di quella che chiamiamo memoria recente, cioè legata agli avvenimenti appena accaduti. I pazienti chiedono più volte le stesse cose, non ricordano dove hanno messo gli oggetti, cominciano ad essere disorientati nel tempo. Di fronte a questi segni è necessario un approfondimento immediato: la diagnosi precoce – ha sottolineato Ferrarese – è fondamentale».

LEGGI ANCHE: CONGRESSO SIN. IL PRESIDENTE BERARDELLI: «FARMACI MONOCLONALI E MARCATORI BIOLOGICI CONTRO ALZHEIMER E PARKINSON»

Per l’ Alzheimer non c’è cura, ma riconoscere la malattia fin dal suo esordio permette di tenerla sottocontrollo: «Quando c’è una demenza conclamata – ha detto lo specialista – è già troppo tardi per intervenire. Le nostre speranze sono oggi racchiuse nella prevenzione e nella diagnosi precoce. Sono stati scoperti i meccanismi che causano il danneggiamento del cervello, ovvero l’accumulo di una proteina che può iniziare anche 20 anni prima della manifestazione clinica della malattia. Ed oggi, questa proteina, la beta amiloide, siamo in grado di dosarla sia nel cervello, facendo una Pet o nel liquido cerebrospinale con una puntura lombare. Quindi, conoscendone le alterazioni possiamo in qualche modo indirizzare il paziente a nuove sperimentazioni cliniche che – ha concluso Ferrarese – mirano proprio a ridurre i livelli di queste proteine, migliorando nettamente la qualità della sua vita».

Articoli correlati
Ricerca, a rischio l’EBRI fondato da Rita Levi Montalcini. Appello dei vertici a Mattarella: «Senza finanziamenti in legge di Bilancio chiudiamo»
I ricercatori dell’Istituto sono impegnati in progetti europei. È una scuola di eccellenza nello studio dell’Alzheimer. Il Direttore generale Nisticò: «Sarebbe insensato disperdere questo capitale di conoscenza e sviluppo»
Alzheimer, Giulio Scarpati: «Con mia madre comunicavo a gesti. Ho scritto per dare parole ad una malattia che le toglie»
L’attore tra i testimonial della serata ‘M4M-Music for Memory’ all’Università Cattolica. Alle istituzioni dice: «È una malattia costosa a livello economico e in termini psicologici perché i parenti non riescono mai a capire come prendere le persone. Se avessi avuto un aiuto avrei commesso meno errori»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Alzheimer, Rossini (Gemelli): «Fondamentale diagnosi precoce, solo così si può rallentare malattia»
Il direttore dell’Area Neuroscienze del Policlinico romano spiega: «Nuovi farmaci in sperimentazione potranno avere successo perché testati nelle fasi prodromiche della malattia». Poi elogia tecnologia: «Supporto non secondario per i pazienti»
Chat Yourself, la memoria digitale che aiuta i malati di Alzheimer. Bernabei (Italia Longeva): «Sfruttare tecnologia in prime fasi della diagnosi»
Il servizio attivo su Messenger è in grado di memorizzare tutte le informazioni relative alla vita di una persona, restituendole su richiesta all'utente. «Fondamentale per fare una vita il più possibile normale», spiega il docente della Cattolica
Alzheimer, la memoria virtuale alleata dei malati
Ricordi che cominciano a sbiadire, dai nomi dei familiari al posto in cui si vive e al come ci si arriva, confusione con tempi e luoghi, richiesta delle stesse informazioni più volte: questi tra i primi sintomi con cui si manifesta l’Alzheimer, il mostro silenzioso che affligge oltre 600mila italiani e i loro familiari. Per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...