Salute 28 Maggio 2021 18:04

Covid-19, incidenza continua a calare. Da lunedì Fvg, Molise e Sardegna in area bianca

La pressione sui servizi ospedalieri si conferma al di sotto della soglia critica in tutte le Regioni/PA e la stima dell’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è a 0,72, stabilmente al di sotto della soglia epidemica

Covid-19, incidenza continua a calare. Da lunedì Fvg, Molise e Sardegna in area bianca

L’incidenza sull’intero territorio nazionale continua a diminuire e ha raggiunto valori che, attraverso l’attivazione di intense attività di tracciamento sistematico, possono consentire una gestione basata sul contenimento ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti. La pressione sui servizi ospedalieri si conferma al di sotto della soglia critica in tutte le Regioni/PA e la stima dell’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stabilmente al di sotto della soglia epidemica. Sono queste le informazioni principali contenute nel nuovo report della Cabina di Regia.

Per questo, a partire da lunedì 31 maggio Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna passano in area bianca, mentre tutte le altre regioni e province autonome sono in area gialla.

Brusaferro: «In Italia decrescita maggiore che in altri Paesi Ue»

«L’Italia è in arancione nella mappa dell’Ue e avanti rispetto alla decrescita dei casi, che è in atto nei Paesi europei, ma l’Italia ha un aumento verso il basso dell’incidenza nei 14 giorni». Lo ha sottolineato Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) in conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della Cabina di Regia. «C’è un trend in decrescita dell’incidenza in tutte le Regione negli ultimi 14 giorni: siamo a 47 casi su 100mila rispetto ai 66 casi su 100mila della settimana precedente. Dati che segnalano una continua decrescita, anche se ci sono ancora Regioni con 80 casi su 100mila. Le curve mostrano che al crescere della copertura vaccinale – ha spiegato ancora – decrescono l’incidenza settimanale, il tasso di ospedalizzazione e la mortalità. Dobbiamo continuare così».

Rezza: «Ci aspettiamo una buona estate. E con più vaccinati avremo autunno migliore»

«Siamo relativamente ottimisti. Abbiamo di fronte la stagione estiva e ci possiamo aspettare un’estate buona». Non perché il virus «soffra il caldo, ma essendo questo un virus respiratorio, in genere, durante la stagione estiva, e quindi quando si vive di più all’aria aperta, non si prendono mezzi di trasporto, non si va a scuola, non si va in ufficio e così via, c’è un naturale distanziamento sociale». Lo ha spiegato Gianni Rezza, Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute.

«Aumentando anche la proporzione delle persone che si vaccinano – ha aggiunto – cominciando a vaccinare anche i giovani, dovremmo dare una ‘botta’ ancora maggiore a questa epidemia. È chiaro che cominciamo ad affrontare l’autunno in una situazione che, in teoria, dovrebbe essere migliore rispetto a quella dello scorso anno, con più popolazione immunizzata. Abbiamo 10 milioni di persone che hanno avuto l’infezione naturale, avremo tanta parte della popolazione vaccinata. I presupposti ci sono per affrontare il prossimo autunno in condizioni di sicurezza maggiore rispetto allo scorso anno», ha concluso.

I punti chiave del Report:

  • Questa settimana continua il calo nell’incidenza settimanale (51 per 100.000 abitanti (17/05/2021-23/05/2021) vs 73 per 100.000 abitanti (10/05/2021-16/05/2021). La campagna vaccinale progredisce sempre più velocemente e l’incidenza ha ormai raggiunto un livello (50 per 100.000) che permetterebbe il contenimento dei nuovi casi.
  • Nel periodo 5 – 18 maggio 2021, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,72 (range 0,65– 0,78), in diminuzione rispetto alla settimana precedente, e sotto l’uno anche nel limite superiore.
  • Tutte le Regioni/PPAA sono classificate a rischio basso secondo il DM del 30 Aprile 2020. Tutte le Regioni/PPAA hanno un Rt medio inferiore a 1, e quindi una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo uno.
  • Questa settimana, nessuna Regione/PPAA supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è sotto la soglia critica (15%), con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 1.689 (18/05/2021) a 1.323 (25/05/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente (14%). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 11.539 (18/05/2021) a 8.577 (25/05/2021).
  • Nessuna Regione/PPAA riporta allerte di resilienza.
  • Si osserva una ulteriore diminuzione nel numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (10.639 vs 13.565 la settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in lieve diminuzione (39,4% vs 41,9% la scorsa settimana). Aumenta invece la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (39.4% vs 38,1%). Infine, il 20,9% è stato diagnosticato attraverso attività di screening.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Infezioni sessualmente trasmesse in calo: “solo” merito della pandemia? Attenzione all’estate
Nel 2020 si è registrato un calo delle diagnosi delle infezioni sessualmente trasmesse, in buona parte dovuto al minor numero di test. Ma la scarsa consapevolezza preoccupa: in Italia sono diminuiti i vaccini contro il papilloma. Squillace (infettivologo): «Indagare sul fenomeno del chemsex, ovvero l’uso di sostanze tossiche per incrementare la durata delle prestazioni sessuali fino a 24 ore consecutive: disinibiscono e alterano la percezione del rischio»
Si conclude l’odissea della Fondazione IME, turbo liquidazione del commissario Friolo
In 13 mesi è stata finalmente risolta la lunga e travagliata vicenda della Fondazione Istituto Mediterraneo di Ematologia. Grazie al commissario Francesco Friolo sono stati risolti debiti e pendenze e sono stati recuperati crediti. La Fondazione IME è stata liquidata
Vaiolo delle scimmie. In Italia aumentano i casi e il Ministero diffonde le linee guida per le quarantene
In Italia accertati 505 casi, 26 in più di 4 giorni fa. Il Ministero della Salute ha diffuso una circolare sulle misure da adottare in vista di possibili quarantene. In attesa di direttive su un’eventuale campagna vaccinale lo Spallanzani di Roma ha annunciato di essere già pronto a partire con la vaccinazione
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
Epatite misteriosa, Rezza: «In Italia 34 casi probabili, situazione stabile»
In occasione dell'evento "Epatite pediatrica: un incontro per capirne di più e lavorare insieme sulla prevenzione" della onlus Etica, massimi esperti italiani fanno il punto sull'emergenza in Italia e nel mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi