Salute 6 Agosto 2021 11:50

Nuovo report Cabina di regia: «Forte aumento dei casi» ma l’indice Rt è stabile

In tutte le Regioni rischio epidemico moderato. Lieve aumento ricoveri e terapie intensive. Variante Delta largamente prevalente in Italia

Nuovo report Cabina di regia: «Forte aumento dei casi» ma l’indice Rt è stabile

Sostanzialmente stabile l’indice Rt a livello nazionale che passa a 1,56 mentre la scorsa settimana era a 1,57. Nel monitoraggio settimanale realizzato da Istituto Superiore di Sanità e Ministero della Salute sull’andamento dell’epidemia di Covid-19 in Italia (i cui dati sono riferiti al periodo 26 luglio-1 agosto) si osserva la «diminuzione dell’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero – Rt 1,24 (1,18-1,32) al 27 luglio, contro Rt 1,46 (1,38-1,55) al 20 luglio – che si mantiene tuttavia al di sopra della soglia epidemica». L’elevata proporzione di soggetti giovani e asintomatici evidenziata dai dati epidemiologici pubblicati dall’ISS va, secondo gli esperti, considerata nella lettura di queste stime di trasmissibilità.

ISS: «Forte aumento dei casi: superata soglia di 50 su 100mila abitanti»

Continua l’aumento dell’incidenza settimanale a livello nazionale: 62 per 100mila abitanti nel periodo di riferimento contro 50 per 100mila abitanti (dal 19 al 25 luglio, dati flusso Iss), al di sopra della soglia di incidenza settimanale di 50 casi ogni 100mila abitanti che potrebbe consentire il controllo della trasmissione basato sul contenimento, ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti. L’aumento si evidenzia anche nel flusso dei dati del Ministero della Salute, riferito agli ultimi 7 giorni, che sale da 58 su 100mila abitanti la scorsa settimana a 68 su 100mila oggi.

In tutte le Regioni rischio epidemico moderato

Tutte le regioni e province autonome sono classificate a rischio epidemico moderato questa settimana. «Nessuna regione e provincia autonoma – continua il report – supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è in leggero aumento al 3%, con il numero di persone ricoverate in aumento da 189 (27 luglio) a 258 (3 agosto). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale aumenta al 4%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in aumento da 1.611 (27 luglio) a 2.196 (3 agosto)». Sedici Regioni, infine, «riportano allerte di resilienza. Nessuna riporta molteplici allerte di resilienza», indica il rapporto.

Lieve aumento ricoveri e terapie intensive

«L’attuale impatto della malattia Covid-19 sui servizi ospedalieri è limitato, tuttavia i tassi di occupazione e numero di ricoverati in area medica e terapia intensiva sono in lieve aumento. La trasmissibilità stimata sui soli casi ospedalizzati è sopra la soglia epidemica», si legge ancora nel report.

Variante Delta largamente prevalente in Italia

La circolazione della variante Delta è ormai «largamente prevalente» in Italia. Questa variante è dominante nell’Unione Europea e «sta portando ad un aumento dei nel numero di nuovi casi di infezione anche in altri Paesi con alta copertura vaccinale». Una più elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione, ribadiscono gli esperti, rappresentano «gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità».

Nel report si torna a invitare al controllo e alla prudenza. «È opportuno realizzare un capillare tracciamento e contenimento dei casi, mantenere elevata l’attenzione ed applicare e rispettare misure e comportamenti per limitare l’ulteriore aumento della circolazione virale».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
In due anni 16 milioni di contagi e oltre 160 mila morti: l’impatto del Covid-19 sul sistema ospedaliero italiano
Per la prima volta, grazie ad una collaborazione tra Istat e Agenas, è stato analizzato l’impatto della pandemia da SARS-CoV-2 sul sistema ospedaliero italiano. Il Rapporto, oltre a descrivere gli effetti sul complesso dei ricoveri attraverso un confronto con i dati pre-pandemia, esamina le caratteristiche salienti dei ricoveri per Covid-19. Ecco i risultati
Ascom Digistat, le nuove frontiere dell’ICT al servizio del settore sanitario
Ascom Digistat Suite è una piattaforma software per la gestione dei dati clinici dei pazienti progettata per l’utilizzo da parte di medici, infermieri e personale sanitario. Prevede un’ampia gamma di soluzioni: dalla gestione del percorso chirurgico del paziente, al trattamento del paziente in terapia intensiva, al monitoraggio dei parametri fisiologici e di allarmi, inclusi i dispositivi indossabili
Fiaso: «Si consolida il trend di calo,-16,3% di pazienti nei reparti Covid»
Per la quinta settimana consecutiva diminuisce il numero di pazienti ricoverati nelle aree Covid, sia nei reparti ordinari sia nelle terapie intensive, del 16,3%. I dati del Report degli ospedali sentinella della Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso)
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...