Salute 29 Luglio 2021 11:40

Variante Delta, OMS: «Nessun calo significativo della protezione dei vaccini da esiti gravi»

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ricorda che è «già previsto che si verifichi una quota di casi anche fra vaccinati»

Variante Delta, OMS: «Nessun calo significativo della protezione dei vaccini da esiti gravi»

«C’è una diffusa preoccupazione che i vaccini Covid attualmente disponibili possano aver ridotto la loro efficacia – misurata nel mondo reale – contro le 4 varianti di SARS-CoV-2 designate come di preoccupazione dall’Organizzazione mondiale della sanità». Timori che negli ultimi giorni si sono concentrati in particolare sulla variante Delta, in ascesa nel mondo. Ne è consapevole l’OMS, che nel suo report settimanale pubblica un focus proprio sui dati disponibili in contesti reali di popolazione, compreso quelli relativi alle varianti. «I risultati di diversi studi che valutano l’efficacia nel mondo reale di due vaccini, Vaxzevria di AstraZeneca e Comirnaty di Pfizer/BioNTech, contro la malattia sintomatica e l’infezione tendono ad essere inferiori per la variante altamente trasmissibile Delta rispetto alla variante Alfa. Tuttavia, questa differenza è ridotta oppure non osservata dopo la seconda dose e per gli esiti gravi di Covid», chiarisce l’agenzia Onu per la salute.

Sono comunque «necessari ulteriori studi» in contesti reali di popolazione «sull’efficacia dei vaccini – in relazione a più esiti – contro la Delta e altre varianti». L’Oms puntualizza anche che «è importante notare come casi di infezione o malattia sintomatica sono previsti anche tra le persone completamente vaccinate con tutti i prodotti» disponibili, «anche quelli con una efficacia molto elevata (calcolata come maggiore del 90%)» e questo aspetto diventa ovviamente «più evidente man mano che la popolazione si vaccina».

Quanto agli studi condotti nel mondo reale, al 20 luglio ce ne sono stati oltre 90 resi pubblicamente disponibili in versione sottoposta a revisione fra pari o preprint. La qualità è variabile, e il 62% (58 su 93) di questi lavori proviene da 3 Paesi che hanno introdotto precocemente campagne vaccinali anti-Covid (Israele, Regno Unito e Stati Uniti) e il 71% (66) si riferisce a due soli vaccini, Pfizer/BioNTech e AstraZeneca.

In generale, i risultati di efficacia nel mondo reale per la malattia sintomatica in soggetti completamente vaccinati, sono stati simili a quelli osservati negli studi randomizzati controllati su cui si è basata la decisione dell’OMS di inserire 6 prodotti scudo nell’elenco per l’uso di emergenza. Complessivamente, l’efficacia contro malattia grave, ospedalizzazione e morte è stata più alta rispetto alla malattia sintomatica non grave, con stime sopra l’80% per AstraZeneca, Moderna, Pfizer/BioNTech e Sinovac-CoronaVac. Contro l’infezione e l’infezione asintomatica l’efficacia nel mondo reale risulta leggermente inferiore rispetto a quella verso la malattia sintomatica, ma comunque per AstraZeneca, Moderna e Pfizer BioNTech, le stime per questi esiti sono quasi uniformemente superiori al 60%. Inoltre, diversi studi hanno dimostrato che, quando all’interno di una famiglia si contagia una persona vaccinata con almeno una dose, la trasmissione all’interno del nucleo si riduce di circa il 50% rispetto a quella che si verifica con un non vaccinato infetto. Ed è infine «importante sottolineare che l’efficacia dei vaccini sembra essere costantemente più elevata per tutti gli esiti dopo il ciclo completo, cioè almeno 7-14 giorni dopo la dose finale», conclude l’Oms.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Oms: «Da diete malsane 8 milioni di morti». Schillaci: «Alimentazione mediterranea va studiata a scuola»
In occasione della sessione «Healthy Diets, Cultures and Tradition: Lessons from the Mediterranean Diet», prevista nell'ambito del vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sottolinea l'importanza di seguire una dieta sana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...