Salute 7 Settembre 2022 14:12

Nel mondo oltre 10 milioni di bambini orfani per la pandemia

A causa della pandemia, oggi nel mondo ci sono circa 10 milioni e mezzo di bambini senza genitori o tutori. L’allarme è stato lanciato da uno studio internazionale, secondo cui servono interventi urgenti

Nel mondo oltre 10 milioni di bambini orfani per la pandemia

A causa della pandemia, oggi nel mondo ci sono circa 10 milioni e mezzo di bambini senza genitori o tutori. Questa è la tragica stima emersa da uno studio condotto da un gruppo internazionale di scienziati, i cui risultati sono stato pubblicati sulla rivista Jama Pediatrics. Gli studiosi hanno preso in considerazione i dati provenienti da tre fonti diverse: l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) e il giornale The Economist.

Oltre 7 milioni e mezzo di orfani legate indirettamente a Covid-19

Dai risultati dell’analisi è emerso che oltre 10 milioni di bambini sono rimasti orfani a causa della perdita di un genitore o caregiver morto per Covid-19. E ben 7 milioni e mezzo di bambini sono orfani per cause associate indirettamente all’emergenza Covid-19. I principali paesi colpiti dal fenomeno sono l’Africa e il Sudest dell’Asia. I numeri prendono in considerazione il periodo che va da 1° gennaio 2020 al 1° maggio 2022. Secondo gli autori, i sistemi di sorveglianza statali dovrebbero affrontare adeguatamente il problema, come è stato fatto in passato per gli orfani da genitori morti di AIDS.

Servono risposte urgenti di supporto per i figli in lutto

Tuttavia, solo due paesi, il Perù e gli Stati Uniti, hanno preso impegni nazionali ad affrontare l’emergenza orfani per Covid-19. Al 2° Vertice Globale sul Covid-19, il Presidente USA Biden ha sottolineato l’urgenza di prendersi cura dei milioni di bambini rimasti orfani. Le risposte urgenti alla pandemia, dicono gli autori, possono prevedere la combinazione di una vaccinazione equa con specifici programmi di sostegno per i figli in lutto. Una limitazione importante, dicono gli esperti, è che la modellazione delle stime non è in grado di misurare con precisione il numero effettivo di bambini colpiti per morte del caregiver e la futura sorveglianza della pandemia dovrebbe includere tali bambini.

Un piano di assistenza tempestiva per i bambini orfani

Data l’entità e le conseguenze per tutta la vita della condizione di orfano, ogni piano nazionale su future pandemie, secondo gli scienziati, dovrebbe integrare un piano di assistenza tempestiva per questi bambini. Questo potrebbe aiutare fin da subito a mitigare le conseguenze negative durature. Secondo gli autori, l’evidenza mette in risalto tre componenti essenziali: prevenire la morte dei caregiver accelerando vaccini; contenimento e trattamento; preparare le famiglie per fornire cure alternative sicure e proteggere i bambini orfani attraverso il sostegno economico, la prevenzione della violenza, il sostegno alla genitorialità e la garanzia di accesso alla scuola.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...