Salute 22 Dicembre 2020 09:13

Nel 2021 a rischio la salute dei denti. Iodice (Asio): «Un italiano su quattro rinuncerà al dentista»

Nessun pericolo per i più piccoli: i genitori non trascureranno il benessere dentale dei propri figli. Il presidente Asio: «I problemi non curati nei bambini possono necessitare di un intervento chirurgico in età adulta»

di Isabella Faggiano

Se siete in cerca di idee originali da mettere sotto l’albero, un coupon per una visita dentistica potrebbe essere il regalo ideale. Almeno per quell’italiano su quattro che nel 2021 rinuncerà alle cure. Secondo una recente ricerca infatti, circa il 25% degli adulti, tra i 20 e i 74 anni di età, non andrà dal dentista se non per bisogni urgenti. La percentuale sale al 40% per chi ha avuto o pensa di avere una situazione di incertezza lavorativa ed economica a causa della pandemia.

«Dati allarmanti, se si considera che la mancanza di cura e prevenzione può causare problemi sia dal punto di vista odontoiatrico che ortodontico», commenta Giorgio Iodice, presidente ASIO, l’Associazione Specialisti Italiani in Ortodonzia. «Intercettare le problematiche sul nascere è importante soprattutto nei bambini». E per fortuna i più piccoli sembrano essere meno a rischio degli adulti: secondo la ricerca Key-Stone, l’intenzione di rinunciare alle cure si riduce nel caso di figli in età tra i 6 e i 19 anni, sia che si tratti di trattamenti più costosi, come quelli ortodontici, sia di controlli e trattamenti di routine.

L’attenzione per la salute dentale infantile deve cominciare già alla comparsa dei primi denti da latte. «È un falso mito credere che i denti da latte non abbiano alcuna importanza. Individuare precocemente difetti di crescita permette una correzione più agevole – commenta il presidente Asio -. Più si andrà avanti con gli anni e peggio sarà: tra gli adolescenti sarà più difficile, ma non impossibile, correggere i difetti. In età adulta, invece, solo la chirurgia potrà essere di aiuto».

Per questo, l’Associazione Specialisti Italiani in Ortodonzia, di concerto con l’American Association of Orthodontists raccomanda di fissare la prima visita per i bambini, con lo specialista in ortodonzia, tra i quattro e i sette anni di età. «Il primo mito da sfatare – sottolinea Iodice – riguarda proprio i denti da latte: non sono inutili come molti credono, ma importanti per la buona salute dei denti permanenti. Devono essere lavati tre volte al giorno, con una garza ai bambini più piccoli, con lo spazzolino quando la dentizione da latte è ormai completata». La perdita dei denti da latte può essere precoce o tardiva: «Nel primo caso, in genere a causa di processi traumatici o patologie dentali come la carie, può causare problemi di allineamento o occlusione nella bocca del futuro paziente adulto. Nella perdita tardiva invece – aggiunge lo specialista – la presenza dei denti decidui può ostacolare il corretto sviluppo dei denti permanenti, turbando l’armonia all’interno della cavità orale».

Attenzione anche al succhiamento del pollice, del ciuccio, di penne, cuscini o matite dopo i 5 anni: «Se prolungato nel tempo, oltre i tre anni d vita – dice Iodice -, può causare una asimmetria nella posizione dei denti ed una difficoltà delle arcate dentarie a combaciare correttamente». Ancora, fare attenzione al digrignamento o serramento dei denti, soprattutto di notte o nelle attività che richiedono concentrazione: può essere fisiologico oppure un aspetto che necessita di approfondimenti da parte di uno specialista. «Questi sono solo alcuni dei problemi più frequenti che – conclude il presidente Iodice – un genitore deve imparare a tenere sotto controllo per monitorare al meglio la salute dei denti del proprio figlio».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...