Contributi e Opinioni 3 Dicembre 2019 13:45

Salute, lavare i denti tre volte al giorno protegge il cuore. Piscicelli (UNID): «Rischi sistemici da infiammazione gengive»

Di Stefania Piscicelli, Vice-Presidente Nazionale Unione Nazionale Igienisti Dentali

«Prevenire vuol dire evitare di ammalarsi, questo lo sappiamo tutti, quello che molte volte trascuriamo è quanto le cattive condizioni di un organo del nostro corpo possano aumentare i rischi in distretti corporei anche distanti». Così Stefania Piscicelli, Vice-Presidente nazionale di UNID, Unione igienisti dentali, commenta lo studio della Ewha Womans di Seul secondo cui una corretta igiene orale favorisce la protezione da problemi cardiaci.

La correlazione tra salute orale e salute sistemica per gli addetti ai lavori è una correlazione nota da tempo, ma non sembra essere così conosciuta tra le persone perché molto spesso gli specialisti di altre branche della medicina non focalizzano l’attenzione dei pazienti su questa importante correlazione.

I denti e in particolar modo le gengive possono essere un importante mezzo per la diffusione sistemica di batteri patogeni che, soprattutto quando la risposta immunitaria è compromessa, possono raggiungere il cuore e dare origine a pericolose infezioni. Numerosi studi sembrano indicare che una scarsa igiene orale può essere addirittura un fattore di rischio per infarto e ictus.

Correlazione confermata anche da questa ulteriore pubblicazione, che afferma che «lavare i denti almeno 3 volte al giorno ridurrebbe il rischio di insufficienza cardiaca del 12%». Sono i risultati di uno studio realizzato dall’università Ewha Womans di Seul, in Corea del Sud, incentrato sul rapporto tra igiene orale e problemi cardiaci, e pubblicato sulla rivista europea di cardiologia preventiva della Società europea di cardiologia (Esc). Per arrivare ai questi risultati, i ricercatori coreani hanno seguito per 10 anni 161 mila persone tra i 40 e i 79 anni, senza precedenti di fibrillazione né di insufficienza cardiaca, rilevando una relazione tra buona igiene orale e protezione cardiaca. Un fenomeno spiegato dal fatto che spazzolino e dentifricio impediscono ai batteri presenti nei denti di passare nel sangue.

Noi igienisti dentali lo sapevamo già, sappiamo che una persona con gengive particolarmente infiammate ogni volta che mastica cibi duri o spazzola i denti crea delle batteriemie transitorie che in soggetti debilitati possono causare gravi patologie sistemiche.

Ora speriamo che questa ulteriore pubblicazione possa sensibilizzare gli specialisti nell’ampliare e rivolgere le attenzioni anche verso il cavo orale. Sarebbe importantissimo includere nell’anamnesi generale delle visite specialistiche, in questo caso cardiologiche, domande che riguardano la salute orale ed invitare in caso di problematiche o nel caso in cui siamo passati più di sei mesi dall’ultima visita odontoiatrica i propri assistiti a sottoporsi al più presto ad una visita odontoiatrica.

Si dovrebbe puntare sempre di più alla prevenzione, in Italia, per quanto riguarda l’odontoiatria pubblica. Si cura ma non si previene perché gli igienisti dentali, i professionisti deputati alla prevenzione odontoiatrica, nel servizio sanitario nazionale sono rarissimi.

Sono certa che il futuro punterà sempre di più alla prevenzione, includendo la figura dell’igienista dentale nei team specialistici non solo odontoiatrici ma delle varie branche della medicina. La multidisciplinarietà e l’inserimento nel Servizio Sanitario Nazionale degli igienisti dentali porterà enormi vantaggi in termini di conservazione della salute e in termini economici.

Articoli correlati
Gli igienisti dentali possono aprire uno studio autonomo? Scontro con gli odontoiatri su una sentenza del Consiglio di Stato
In una nota CAO si ribadisce che «l’attività dell’igienista dentale non può prescindere dalla compresenza dell’odontoiatra». Replica Domenico Tomassi, Presidente UNID: «Le statuizioni non possono essere estese in maniera immediata ed automatica a terzi soggetti»
Dal perossido d’idrogeno ai Dpi, arriva il decalogo UNID per la ripresa dell’attività dell’igienista dentale. Focus sugli ‘operatori fragili’
«Il documento è stato elaborato facendo riferimento alla bibliografia scientifica attualmente disponibile» spiega il presidente UNID Domenico Tomassi. Particolare attenzione alla contaminazione di aerosol: nel decalogo le regole per riprendere in sicurezza
UNID, Domenico Tomassi nuovo presidente. Lotta all’abusivismo e aggiornamento professionale tra le priorità
Le votazioni si sono svolte nel corso dell’ultimo Congresso dell’Unione Nazionale igienisti dentali. Cambia anche il direttivo: vicepresidente è Stefania Piscicelli. «Sarà fondamentale il contributo di tutti i colleghi, soci e non, per poter crescere insieme ed ottenere importanti traguardi» sottolinea Domenico Tomassi
Igienisti dentali, UNID a Congresso. Il nuovo presidente Tomassi: «Dimostreremo qualità e preparazione. Tutela professione al primo posto»
A Roma il 18° Congresso nazionale dell'Unione igienisti dentali. Tra gli ospiti anche il presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP Alessandro Beux. La neovicepresidente Piscicelli: «Continueremo a chiedere alle istituzioni l’inserimento della figura dell’igienista dentale nel Servizio sanitario nazionale»
Igienisti dentali, parla il Presidente U.N.I.D. Luperini: «L’inserimento della nostra figura nel SSN farà risparmiare risorse»
L’Unione degli Igienisti Dentali si avvia a celebrare il Congresso Nazionale a Roma dal 18 al 19 ottobre. «L’igiene dentale si è trasformata attraverso tutti gli studi, protocolli pubblicati e che vede nella nuova classificazione parodontale una professione che non si limita al benessere della salute del cavo orale ma anche generale» sottolinea Maurizio Luperini a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco