Salute 18 Novembre 2020 08:51

Stress da Covid? Attenzione alla salute dentale: aumentate del 30% le richieste di bite

Durante la pandemia +36% di diagnosi di bruxismo. Manfredini (Andi): «Spesso associato ad aspetti della personalità»

di Isabella Faggiano
Stress da Covid? Attenzione alla salute dentale: aumentate del 30% le richieste di bite

Per scaricare lo stress, c’è chi fa scorpacciate di dolciumi, chi pratica attività sportiva, chi si dedica al proprio hobby preferito e chi, più o meno inconsapevolmente, digrigna i denti. Una “cattiva abitudine”, quella del bruxismo, che durante la pandemia pare sia ulteriormente aumentata tra gli uomini e le donne: le richieste di bite (apparecchi ortodontici per bruxismo) sono cresciute del 30% con un +36% di casi diagnosticati. A diffondere i dati è stata la Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP), durante il Congresso Nazionale di categoria 2020.

BRUXISMO, PERCHÈ CHI È STRESSATO DIGRIGNA I DENTI

«Il bruxismo, inteso anche come l’abitudine di tenere i muscoli oro-facciali in tensione o i denti a stretto contatto tra loro – spiega Daniele Manfredini, professore di Fisiologia Orale all’università di Siena, presidente del Gruppo di studio italiano del dolore oro-facciale e dei disturbi temporomandibolari e referente nazionale bruxismo dell’Andi (Associazione nazionale dentisti italiani) – è da anni associato ad aspetti della personalità. Individui con spiccata sensibilità allo stress o all’ansia possono essere più predisposti a questo tipo di attività, quasi come se i muscoli masticatori fossero uno specchio dell’anima. Di conseguenza, non c’è da stupirsi che in questo periodo alcuni rapporti associno lo stress da Covid ad un incremento di questi disturbi».

CHI NE SOFFRE

Un bambino su 4 soffre di bruxismo, disturbo molto frequente anche tra gli adolescenti. «Questa alta incidenza potrebbe semplicemente indicare che i piccoli sotto i sei anni hanno spesso un sonno irrequieto, facilmente rilevabile attraverso un’indagine di polisonnografia – commenta Manfredini -. Nell’età adulta, invece, non c’è una reale prevalenza di genere, se si considera il bruxismo nella totalità delle sue manifestazioni. Quello che si presenta sotto forma di digrignamento, invece, pare essere più frequente nei soggetti di sesso maschile per la sua correlazione con le apnee notturne. La forma di serramento dei denti, come risposta alla stress, sembra essere più femminile, anche se non ci sono precise statistiche che ne provino la correlazione».

I SINTOMI E LE ALTRE CAUSE ASSOCIATE AL BRUXISMO

Digrignamento, sfregamento notturno dei denti, muscoli del volto contratti possono essere, dunque, conseguenze dirette di tensioni e stati d’animo ansiosi, ma non solo. «Chi digrigna i denti può non farlo per aspetti esclusivamente psichici – aggiunge lo specialista -. Recenti studi dimostrano che il bruxismo potrebbe essere collegato anche alle apnee notturne, al russamento o al reflusso gastroesofageo».

Disturbi che, ancora una volta, si manifestano durante la notte. E allora come è possibile rendersi conto di avere un problema di bruxismo? «Il segno clinico è rappresentato dai denti consumati – spiega Manfredini – che, spesso, richiedono trattamenti mirati per la ricostruzione della dentatura. Ma attenzione all’impianto di bite: in pazienti che soffrono di apnee notturne, patologie che possono anche mettere in pericolo la vita, i bite potrebbero causare un peggioramento della malattia».

DALLA PATOLOGIA ALLA SINDROME

Coloro che soffrono di un bruxismo derivante dall’abitudine di tenere i muscoli contratti presenteranno segni di mordicchiamento delle guance, affaticamento dei tessuti muscolari masticatori, dolore orale o forme di cefalee. «Per alcuni di questi pazienti è necessaria un’appropriata terapia cognitivo-comportamentale, l’unico rimedio in grado di insegnare alle persone la gestione dello stress – consiglia lo specialista -. Eliminando il problema alla radice si eviterà un peggioramento ulteriore della propria salute orale e non solo. L’individuo in questione, infatti, può presentare anche un quadro sindromico, caratterizzato cioè – conclude Manfredini – da disturbi che coinvolgono altre parti del corpo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nel 2022 caldo e siccità record in Europa, salute a rischio per «stress termico»
Caldo estremo e siccità da record. Il 2022 è stato davvero un anno difficile per l'Europa e per la salute dei suoi cittadini. A confermarlo sono i dati che arrivano dal satellite Copernicus, più precisamente dal Servizio per il cambiamento climatico di Copernicus, componente del Programma spaziale dell’Ue, diffuso pochi giorni prima della Giornata Mondiale della Terra, che si celebra il prossimo 22 aprile
Schillaci: «Oltre 1 milione e 800mila bambini con carie non trattata. Puntiamo alla odontoiatra sociale»
In occasione della Giornata mondiale di promozione della salute orale, il ministro della Salute Orazio Schillaci ha dichiarato che c'è una quota di popolazione italiana che rinuncia alle cure dentistiche per motivi economici. «La salute orale è un tema dell'agenda di Governo e necessita di un programma di odontoiatria sociale»
Guarire stress, depressione e dipendenze con la montagnaterapia
Nata nel secolo scorso negli Stati Uniti è oggi una pratica diffusa in tutto il mondo. In Italia la SIMont crea una rete di psichiatri che lavorano in sinergia con guide alpine. Brega (direttore psichiatria Feltre): «Camminare in montagna consente di ascoltare il proprio corpo e superare la paura di non farcela»
Denti storti e bullismo: c’è una relazione?
L’Oral Health-related Quality of Life, Maccagnola (FACExp): «È una classificazione non solo della salute orale dell’individuo, ma anche del benessere funzionale, di quello emotivo, delle aspettative e della soddisfazione per la cura e della consapevolezza di sé»
Venti minuti di mindfulness per prendersi cura di sé
Venti minuti di mindfulness al giorno possono aiutare a combattere stress, frustrazione e stanchezza
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Dichiarazione dei redditi: tutte le novità per detrarre le spese sanitarie nel 730

A Sanità Informazione Marco Petrillo (Presidente commissione fiscale UNEBA) spiega le regole del modello precompilato. Tra le novità meno documenti da conservare
Salute

Covid: in Cina ondata variante XBB, attesi 65 milioni di casi a settimana a fine giugno

Anche se l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato la fine della pandemia, non sono escluse ondate di contagi anche molto forti. Sarà così molto presto in Cina, d...
Salute

Covid: entro il 2025 nuova ondata. Intanto in Asia +454% di casi

L’eventualità di una nuova pandemia da Covid è stata espressa dal biologo Trevor Bedford, del Fred Hutchinson Cancer Center di Seattle, che ha condotto un'analisi statistica conseg...