Salute 18 Novembre 2020 08:51

Stress da Covid? Attenzione alla salute dentale: aumentate del 30% le richieste di bite

Durante la pandemia +36% di diagnosi di bruxismo. Manfredini (Andi): «Spesso associato ad aspetti della personalità»

di Isabella Faggiano
Stress da Covid? Attenzione alla salute dentale: aumentate del 30% le richieste di bite

Per scaricare lo stress, c’è chi fa scorpacciate di dolciumi, chi pratica attività sportiva, chi si dedica al proprio hobby preferito e chi, più o meno inconsapevolmente, digrigna i denti. Una “cattiva abitudine”, quella del bruxismo, che durante la pandemia pare sia ulteriormente aumentata tra gli uomini e le donne: le richieste di bite (apparecchi ortodontici per bruxismo) sono cresciute del 30% con un +36% di casi diagnosticati. A diffondere i dati è stata la Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP), durante il Congresso Nazionale di categoria 2020.

BRUXISMO, PERCHÈ CHI È STRESSATO DIGRIGNA I DENTI

«Il bruxismo, inteso anche come l’abitudine di tenere i muscoli oro-facciali in tensione o i denti a stretto contatto tra loro – spiega Daniele Manfredini, professore di Fisiologia Orale all’università di Siena, presidente del Gruppo di studio italiano del dolore oro-facciale e dei disturbi temporomandibolari e referente nazionale bruxismo dell’Andi (Associazione nazionale dentisti italiani) – è da anni associato ad aspetti della personalità. Individui con spiccata sensibilità allo stress o all’ansia possono essere più predisposti a questo tipo di attività, quasi come se i muscoli masticatori fossero uno specchio dell’anima. Di conseguenza, non c’è da stupirsi che in questo periodo alcuni rapporti associno lo stress da Covid ad un incremento di questi disturbi».

CHI NE SOFFRE

Un bambino su 4 soffre di bruxismo, disturbo molto frequente anche tra gli adolescenti. «Questa alta incidenza potrebbe semplicemente indicare che i piccoli sotto i sei anni hanno spesso un sonno irrequieto, facilmente rilevabile attraverso un’indagine di polisonnografia – commenta Manfredini -. Nell’età adulta, invece, non c’è una reale prevalenza di genere, se si considera il bruxismo nella totalità delle sue manifestazioni. Quello che si presenta sotto forma di digrignamento, invece, pare essere più frequente nei soggetti di sesso maschile per la sua correlazione con le apnee notturne. La forma di serramento dei denti, come risposta alla stress, sembra essere più femminile, anche se non ci sono precise statistiche che ne provino la correlazione».

I SINTOMI E LE ALTRE CAUSE ASSOCIATE AL BRUXISMO

Digrignamento, sfregamento notturno dei denti, muscoli del volto contratti possono essere, dunque, conseguenze dirette di tensioni e stati d’animo ansiosi, ma non solo. «Chi digrigna i denti può non farlo per aspetti esclusivamente psichici – aggiunge lo specialista -. Recenti studi dimostrano che il bruxismo potrebbe essere collegato anche alle apnee notturne, al russamento o al reflusso gastroesofageo».

Disturbi che, ancora una volta, si manifestano durante la notte. E allora come è possibile rendersi conto di avere un problema di bruxismo? «Il segno clinico è rappresentato dai denti consumati – spiega Manfredini – che, spesso, richiedono trattamenti mirati per la ricostruzione della dentatura. Ma attenzione all’impianto di bite: in pazienti che soffrono di apnee notturne, patologie che possono anche mettere in pericolo la vita, i bite potrebbero causare un peggioramento della malattia».

DALLA PATOLOGIA ALLA SINDROME

Coloro che soffrono di un bruxismo derivante dall’abitudine di tenere i muscoli contratti presenteranno segni di mordicchiamento delle guance, affaticamento dei tessuti muscolari masticatori, dolore orale o forme di cefalee. «Per alcuni di questi pazienti è necessaria un’appropriata terapia cognitivo-comportamentale, l’unico rimedio in grado di insegnare alle persone la gestione dello stress – consiglia lo specialista -. Eliminando il problema alla radice si eviterà un peggioramento ulteriore della propria salute orale e non solo. L’individuo in questione, infatti, può presentare anche un quadro sindromico, caratterizzato cioè – conclude Manfredini – da disturbi che coinvolgono altre parti del corpo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, nuovo report cabina di regia: «Chiara accelerazione aumento incidenza. Servono misure urgenti»
Pubblicato il monitoraggio settimanale di ISS e Ministero Salute: Rt stabile a 0,99. Cinque regioni a rischio alto
Tamponi molecolari, test rapidi e salivari: a che punto siamo con le tecnologie di screening del Covid-19?
Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Massimo Pica, Presidente Assodiagnostici di Confindustria Dispositivi Medici
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Premio Nobel al Corpo sanitario italiano, l’idea della Fondazione Gorbachev conquista adesioni
«Abbiamo scelto questa definizione inclusiva perchè voleva dire comprendere tutti, medici, infermieri, operatori sanitari, farmacisti, civili e militari impegnati nella prevenzione e nella cura del Covid» spiega il Presidente delle Fondazione Marzio Dallagiovanna
Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto
La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marziale (specialista in diritto del lavoro e sanitario)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano