Salute 19 Giugno 2019

Sindrome apnee ostruttive, Rossana Boldi (Lega): «Osas sia riconosciuta come malattia cronica invalidante»  

Presentata alla Camera una risoluzione che impegna il Governo in questa direzione, attraverso anche una serie di iniziative tra cui l’avvio di una campagna informativa di prevenzione, diagnosi e cura dei pazienti rispetto a una patologia tanto diffusa quanto subdola

Una risoluzione per l’avvio di una campagna informativa di prevenzione, diagnosi e cura dell’Osas, la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno. L’ha presentata alla Camera dei deputati Rossana Boldi, deputata della Lega e vicepresidente della Commissione Affari sociali.

«La sindrome delle apnee ostruttive del sonno ha tutte le caratteristiche per essere riconosciuta come malattia cronica invalidante – ha sottolineato Boldi. prima firmataria della risoluzione – La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità è di questo avviso. In Commissione Affari sociali della Camera abbiamo presentato una risoluzione affinché il Governo si impegni in questa direzione, attraverso anche una serie di iniziative tra cui l’avvio di una campagna informativa di prevenzione, diagnosi e cura dei pazienti rispetto a una patologia tanto diffusa quanto subdola. Dunque, ora servono conseguenti passi legislativi»

LEGGI ANCHE: APNEE OSTRUTTIVE DEL SONNO, COME DIAGNOSTICARE E PREVENIRE I PROBLEMI DI OSAS

«I responsabili sanitari delle regioni italiane e il ministero della Salute ne conoscono bene le dimensioni – ha sottolineato Boldi -: da un punto di vista clinico, gestionale e, non ultimo, in termini di costi. Costi che, se questa patologia venisse diagnostica nei modi e nei tempi giusti, diminuirebbero sensibilmente così come i molti incidenti sul lavoro, le tante giornate di lavoro perse e le complicazioni che l’Osas comporta, per esempio, per l’apparato cardiaco e respiratorio».

Articoli correlati
Cefalea cronica, Lazzarini (Lega): «Mia battaglia cominciata nel 2011. I malati non saranno più soli»
La promotrice della legge per il riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale: «È tra le prime dieci cause al mondo di disabilità e ha già portato alcuni pazienti a compiere gesti estremi»
Cefalea cronica riconosciuta come malattia sociale, dal Senato ok definitivo a Ddl
L’Italia è la prima in Europa ad adottare un provvedimento del genere. Sette milioni di italiani soffrono di questa patologia. Tra i promotori dell’iniziativa la deputata della Lega Arianna Lazzarini
Risarcimento Covid-19, Regimenti (Lega): «Non escludere libero-professionisti»
L'europdeputato della Lega contesta «l'assenza dello Stato» e i «comportamenti poco chiari» delle compagnie assicurative e ricorda: «I medici di famiglia svolgono un servizio pubblico in convenzione con il SSN e hanno rappresentato un filtro essenziale durante la fase virulenta della pandemia»
Borse di specializzazione, medici delusi dal Dl Rilancio. Le reazioni della categoria e le proposte di Lega e M5S
Secondo gli specializzandi, mille borse in più dal 2022 non risolvono il problema dell'imbuto formativo. Anaao Giovani è pronta a tornare in piazza, mentre Cinque Stelle e Lega propongono una riforma strutturale della specializzazione medica
Covid-19, Regimenti (Lega): «Plasma iperimmune, Ue lanci appello e raccolta fondi per sostegno terapia»
«Vogliamo conoscere la posizione ufficiale della Commissione sulla terapia al plasma iperimmune, ottenuto dal sangue dei guariti su pazienti affetti da forme molto gravi di coronavirus» si legge nella missiva inviata dall'eurodeputata Luisa Regimenti al Commissario Ue alla Salute Stella Kyriakides
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 16 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»