Salute 21 giugno 2018

Nanomedicine Roma 2018, Molinari (Iss): «Dall’ingegneria tissutale al drug delivery: le nanotecnologie “al servizio” della medicina»

«Biopolimeri in grado di dirigere la ricostruzione dei nervi, minuscole piattaforme che si assemblano e si separano al variare della temperatura o del ph del tessuto, nano vettori per il rilascio sito specifico di farmaci». Con Agnese Molinari, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità, le innovazioni presentate a “Nanomedicine Roma 2018”

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Metodi di diagnosi e di cura basati su nanoparticelle capaci di raggiungere il bersaglio della malattia in modo preciso ed efficace. È questo il terreno di gioco della nanomedicina, l’applicazione delle più innovative frontiere nanotecnologiche al campo medico. Progressi della scienza che permettono di controllare la materia su scale dimensionali ridottissime. Ma quanto sono piccole queste dimensioni? «Un nanometro è la miliardesima parte di un metro», ha spiegato Agnese Molinari, ricercatrice nel National Centre for Drug Research and Evaluation dell’Istituto Superiore di Sanità.

Ed è proprio il suo essere infinitamente piccolo a fare la differenza: «Una sostanza chimica o un biomateriale che ha questa particolare nano dimensione – ha specificato la ricercatrice – acquisisce delle proprietà di alta reattività con i sistemi biologici. Un risultato grazie al quale si possono ottenere miglioramenti in ogni ambito medico, dalle terapie, alla diagnostica, fino alla teranostica (l’integrazione di un metodo diagnostico con uno specifico intervento terapeutico, ndr)».

Negli ultimi 20 anni la nanomedicina ha compiuto passi da gigante, «tanto che oggi – ha spiegato Agnese Molinari – possiamo contare sull’utilizzo di numerosi nanofarmaci. Quelli finora approvati sono per la maggior parte oncologici – ha continuato la ricercatrice – ma di recente stiamo assistendo ad un grandissimo sviluppo anche nell’ambito dell’ingegneria tissutale». La ricreazione e la riparazione di tessuti e organi danneggiati, attraverso le nanotecnologie, è stato uno degli argomenti al centro di “Nanomedicine Rome 2018”, l’evento della Capitale  che ha messo a confronto gli ultimi studi in materia di esperti nazionali ed internazionali.

«Durante il Congresso – ha continuato Agnese Molinari, coordinatrice di “Nanomedicine Rome 2018” – sono state illustrate le potenzialità di biopolimeri in grado di dirigere la ricostruzione dei nervi. Un risultato molto importante soprattutto nel caso di danneggiamenti del midollo spinale».

LEGGI ANCHE: STAMPA 3D IN SANITÀ’, MARCONI (UNIVERSITÀ’ DI PAVIA): «ECCO COME AIUTA MEDICI E PAZIENTI»

Aldilà delle più recenti novità, esistono degli utilizzi già consolidati della nanomedicina: «Nel campo della diagnostica – ha detto la ricercatrice – è possibile aumentare i livelli di sensibilità degli agenti di contrasto e quindi migliorare l’acquisizione nell’imaging in campo biomedico».

«In ambito terapeutico i principali vantaggi riguardano soprattutto il settore del drug delivery (la somministrazione di farmaci tramite l’impianto o l’iniezione di sistemi a rilascio controllato detti Nanosistemi, ndr). Nella terapia anti-tumorale, ad esempio – ha spiegato Agnese Molinari – per raggiungere una concentrazione di medicinale efficace si è costretti ad aumentare di molto il livello del farmaco somministrato, perché solo una piccola dose di quella totale raggiunge il sito tumorale».

Qual è, dunque, il vantaggio di utilizzare la nanotecnologia? «Quando un farmaco viene intrappolato in un nano vettore – ha detto la ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità – acquisisce la cosiddetta farmacocinetica del nano vettore stesso». Non si tratta di sperimentazioni, ma di realtà cliniche già consolidate: «Una delle più importanti applicazioni in terapia è la veicolazione di un noto farmaco antitumorale: la doxorubicina in formulazioni liposomiali (le molecole del farmaco sono “incapsulate” in particelle grasse dette liposomi). Il vantaggio è che si ottiene una somministrazione sito specifica: il farmaco veicolato raggiunge un’alta concentrazione nel sito tumorale, risparmiando i tessuti normali circostanti e limitandone fortemente gli effetti collaterali. Nel caso della doxorubicina, riduce al minimo la cardiotossicità».

E anche in ambito terapeutico si aprono nuove frontiere. «Sono state presentate delle “curiose” piattaforme nanotecnologiche in grado di assemblarsi e disassemblarsi a seconda delle condizioni di temperatura o di ph del tessuto. Una proprietà – ha sottolineato la ricercatrice – che permette di monitorare il rilascio di un farmaco, aumentando o diminuendone la quantità in un preciso momento, a seconda delle esigenze terapeutiche».

Cure e diagnosi così precise e mirate da destare meraviglia. Cosa ci aspetta nel futuro? La nanomedicina finirà mai di sorprenderci? La ricercatrice è convinta di no: «Ci saranno sempre novità all’orizzonte – ha detto – proprio questo confronto tra esperti di tutto il mondo ha mostrato come la nanotecnologia sia altamente versatile. La nanomedicina – ha concluso Molinari – è solo una parte delle nanotecnologie. Le sue possibili applicazioni sono talmente tante che potrebbero superare la stessa fantasia».

LEGGI ANCHE: MEDICI SOSTITUITI DA ROBOT? ECCO COSA NE PENSANO GLI ESPERTI

Articoli correlati
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»
L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»
Oncologia, IFO sigla accordo con Centro Oncologico di San Pietroburgo
E’ stato appena siglato l’accordo tra IFO Regina Elena e il St. Petersburg Clinical Research and Practical Center for Specialized Types of Medical Care (Oncologic), per migliorare la qualità e la competitività della ricerca scientifica e della formazione professionale e sviluppare nuove strategie cliniche per il trattamento dei pazienti oncologici. La firma a conclusione di una riunione per approfondire le […]
Rivaroxaban, risultati positivi per la prevenzione di tromboembolismo venoso in pazienti oncologici
Bayer e il suo partner di sviluppo Janssen Research & Development, LLC hanno annunciato la presentazione dei risultati dello studio di Fase 3 CASSINI sull’impiego dell’anticoagulante orale rivaroxaban, per ridurre il rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti oncologici ambulatoriali ad alto rischio, in terapia sistemica oncologica. Nonostante l’endpoint primario composito di TEV e mortalità […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano