Salute 21 Giugno 2018 14:51

Nanomedicine Roma 2018, Molinari (Iss): «Dall’ingegneria tissutale al drug delivery: le nanotecnologie “al servizio” della medicina»

«Biopolimeri in grado di dirigere la ricostruzione dei nervi, minuscole piattaforme che si assemblano e si separano al variare della temperatura o del ph del tessuto, nano vettori per il rilascio sito specifico di farmaci». Con Agnese Molinari, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità, le innovazioni presentate a “Nanomedicine Roma 2018”

di Isabella Faggiano
Nanomedicine Roma 2018, Molinari (Iss): «Dall’ingegneria tissutale al drug delivery: le nanotecnologie “al servizio” della medicina»

Metodi di diagnosi e di cura basati su nanoparticelle capaci di raggiungere il bersaglio della malattia in modo preciso ed efficace. È questo il terreno di gioco della nanomedicina, l’applicazione delle più innovative frontiere nanotecnologiche al campo medico. Progressi della scienza che permettono di controllare la materia su scale dimensionali ridottissime. Ma quanto sono piccole queste dimensioni? «Un nanometro è la miliardesima parte di un metro», ha spiegato Agnese Molinari, ricercatrice nel National Centre for Drug Research and Evaluation dell’Istituto Superiore di Sanità.

Ed è proprio il suo essere infinitamente piccolo a fare la differenza: «Una sostanza chimica o un biomateriale che ha questa particolare nano dimensione – ha specificato la ricercatrice – acquisisce delle proprietà di alta reattività con i sistemi biologici. Un risultato grazie al quale si possono ottenere miglioramenti in ogni ambito medico, dalle terapie, alla diagnostica, fino alla teranostica (l’integrazione di un metodo diagnostico con uno specifico intervento terapeutico, ndr)».

Negli ultimi 20 anni la nanomedicina ha compiuto passi da gigante, «tanto che oggi – ha spiegato Agnese Molinari – possiamo contare sull’utilizzo di numerosi nanofarmaci. Quelli finora approvati sono per la maggior parte oncologici – ha continuato la ricercatrice – ma di recente stiamo assistendo ad un grandissimo sviluppo anche nell’ambito dell’ingegneria tissutale». La ricreazione e la riparazione di tessuti e organi danneggiati, attraverso le nanotecnologie, è stato uno degli argomenti al centro di “Nanomedicine Rome 2018”, l’evento della Capitale  che ha messo a confronto gli ultimi studi in materia di esperti nazionali ed internazionali.

«Durante il Congresso – ha continuato Agnese Molinari, coordinatrice di “Nanomedicine Rome 2018” – sono state illustrate le potenzialità di biopolimeri in grado di dirigere la ricostruzione dei nervi. Un risultato molto importante soprattutto nel caso di danneggiamenti del midollo spinale».

LEGGI ANCHE: STAMPA 3D IN SANITÀ’, MARCONI (UNIVERSITÀ’ DI PAVIA): «ECCO COME AIUTA MEDICI E PAZIENTI»

Aldilà delle più recenti novità, esistono degli utilizzi già consolidati della nanomedicina: «Nel campo della diagnostica – ha detto la ricercatrice – è possibile aumentare i livelli di sensibilità degli agenti di contrasto e quindi migliorare l’acquisizione nell’imaging in campo biomedico».

«In ambito terapeutico i principali vantaggi riguardano soprattutto il settore del drug delivery (la somministrazione di farmaci tramite l’impianto o l’iniezione di sistemi a rilascio controllato detti Nanosistemi, ndr). Nella terapia anti-tumorale, ad esempio – ha spiegato Agnese Molinari – per raggiungere una concentrazione di medicinale efficace si è costretti ad aumentare di molto il livello del farmaco somministrato, perché solo una piccola dose di quella totale raggiunge il sito tumorale».

Qual è, dunque, il vantaggio di utilizzare la nanotecnologia? «Quando un farmaco viene intrappolato in un nano vettore – ha detto la ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità – acquisisce la cosiddetta farmacocinetica del nano vettore stesso». Non si tratta di sperimentazioni, ma di realtà cliniche già consolidate: «Una delle più importanti applicazioni in terapia è la veicolazione di un noto farmaco antitumorale: la doxorubicina in formulazioni liposomiali (le molecole del farmaco sono “incapsulate” in particelle grasse dette liposomi). Il vantaggio è che si ottiene una somministrazione sito specifica: il farmaco veicolato raggiunge un’alta concentrazione nel sito tumorale, risparmiando i tessuti normali circostanti e limitandone fortemente gli effetti collaterali. Nel caso della doxorubicina, riduce al minimo la cardiotossicità».

E anche in ambito terapeutico si aprono nuove frontiere. «Sono state presentate delle “curiose” piattaforme nanotecnologiche in grado di assemblarsi e disassemblarsi a seconda delle condizioni di temperatura o di ph del tessuto. Una proprietà – ha sottolineato la ricercatrice – che permette di monitorare il rilascio di un farmaco, aumentando o diminuendone la quantità in un preciso momento, a seconda delle esigenze terapeutiche».

Cure e diagnosi così precise e mirate da destare meraviglia. Cosa ci aspetta nel futuro? La nanomedicina finirà mai di sorprenderci? La ricercatrice è convinta di no: «Ci saranno sempre novità all’orizzonte – ha detto – proprio questo confronto tra esperti di tutto il mondo ha mostrato come la nanotecnologia sia altamente versatile. La nanomedicina – ha concluso Molinari – è solo una parte delle nanotecnologie. Le sue possibili applicazioni sono talmente tante che potrebbero superare la stessa fantasia».

LEGGI ANCHE: MEDICI SOSTITUITI DA ROBOT? ECCO COSA NE PENSANO GLI ESPERTI

Articoli correlati
Tumori radioresistenti e inoperabili, cos’è l’adroterapia disponibile in soli 5 Paesi al mondo (tra cui l’Italia)
A Pavia festeggia 20 anni di attività il Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica con una nuova piattaforma per mettere in rete i professionisti e favorire l’accesso dei pazienti oncologici. Orlandi: «Un acceleratore di particelle scompone gli atomi e dirige i fasci sui tessuti tumorali risparmiando le strutture sane»
di Federica Bosco
Oncologia di territorio, aumento organici e umanizzazione cure: le priorità del nuovo presidente Cipomo Luigi Cavanna
Il pioniere delle cure Covid a domicilio è stato eletto Presidente del Collegio Italiano dei primari oncologici ospedalieri. «Le cure oncologiche possono durare anni e dobbiamo cercare di delocalizzare, decongestionare gli ospedali e mettere in pratica cure di prossimità» spiega il medico piacentino che continua la sua campagna per il conferimento del Nobel al corpo sanitario italiano
Tumori, Iannelli (FAVO): «Urgente l’approvazione del Piano oncologico». E al ministero della Salute parte il tavolo ad hoc
Il XIII Rapporto della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia sulla condizione assistenziale dei malati oncologici segnala un generale passo indietro rispetto agli anni passati
Tumori cutanei, il corso Fad per riconoscerli
Offerto dal provider di Consulcesi Club, è pensato per mmg, dermatologi e chirurghi. Il responsabile scientifico Bassetto: «Il medico di base oggi deve avere nozioni per poter distinguere un tumore maligno della cute rispetto a una manifestazione benigna»
Chemioterapia ‘ad alta temperatura’ in sala operatoria e radioterapia in sole tre sedute. Le nuove sperimentazioni dell’oncologia
Al Gemelli è stato eseguito con successo, su un uomo di 63 anni affetto da mesotelioma pleurico, un intervento di resezione chirurgica della pleura con successiva infusione locale di chemioterapico a 41°C. All’Istituto Tumori Regina Elena, oltre 140 pazienti con neoplasia della prostata sono stati trattati in sole 3 sedute di radioterapia
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM