Salute 21 giugno 2018

Nanomedicine Roma 2018, Molinari (Iss): «Dall’ingegneria tissutale al drug delivery: le nanotecnologie “al servizio” della medicina»

«Biopolimeri in grado di dirigere la ricostruzione dei nervi, minuscole piattaforme che si assemblano e si separano al variare della temperatura o del ph del tessuto, nano vettori per il rilascio sito specifico di farmaci». Con Agnese Molinari, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità, le innovazioni presentate a “Nanomedicine Roma 2018”

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Metodi di diagnosi e di cura basati su nanoparticelle capaci di raggiungere il bersaglio della malattia in modo preciso ed efficace. È questo il terreno di gioco della nanomedicina, l’applicazione delle più innovative frontiere nanotecnologiche al campo medico. Progressi della scienza che permettono di controllare la materia su scale dimensionali ridottissime. Ma quanto sono piccole queste dimensioni? «Un nanometro è la miliardesima parte di un metro», ha spiegato Agnese Molinari, ricercatrice nel National Centre for Drug Research and Evaluation dell’Istituto Superiore di Sanità.

Ed è proprio il suo essere infinitamente piccolo a fare la differenza: «Una sostanza chimica o un biomateriale che ha questa particolare nano dimensione – ha specificato la ricercatrice – acquisisce delle proprietà di alta reattività con i sistemi biologici. Un risultato grazie al quale si possono ottenere miglioramenti in ogni ambito medico, dalle terapie, alla diagnostica, fino alla teranostica (l’integrazione di un metodo diagnostico con uno specifico intervento terapeutico, ndr)».

Negli ultimi 20 anni la nanomedicina ha compiuto passi da gigante, «tanto che oggi – ha spiegato Agnese Molinari – possiamo contare sull’utilizzo di numerosi nanofarmaci. Quelli finora approvati sono per la maggior parte oncologici – ha continuato la ricercatrice – ma di recente stiamo assistendo ad un grandissimo sviluppo anche nell’ambito dell’ingegneria tissutale». La ricreazione e la riparazione di tessuti e organi danneggiati, attraverso le nanotecnologie, è stato uno degli argomenti al centro di “Nanomedicine Rome 2018”, l’evento della Capitale  che ha messo a confronto gli ultimi studi in materia di esperti nazionali ed internazionali.

«Durante il Congresso – ha continuato Agnese Molinari, coordinatrice di “Nanomedicine Rome 2018” – sono state illustrate le potenzialità di biopolimeri in grado di dirigere la ricostruzione dei nervi. Un risultato molto importante soprattutto nel caso di danneggiamenti del midollo spinale».

LEGGI ANCHE: STAMPA 3D IN SANITÀ’, MARCONI (UNIVERSITÀ’ DI PAVIA): «ECCO COME AIUTA MEDICI E PAZIENTI»

Aldilà delle più recenti novità, esistono degli utilizzi già consolidati della nanomedicina: «Nel campo della diagnostica – ha detto la ricercatrice – è possibile aumentare i livelli di sensibilità degli agenti di contrasto e quindi migliorare l’acquisizione nell’imaging in campo biomedico».

«In ambito terapeutico i principali vantaggi riguardano soprattutto il settore del drug delivery (la somministrazione di farmaci tramite l’impianto o l’iniezione di sistemi a rilascio controllato detti Nanosistemi, ndr). Nella terapia anti-tumorale, ad esempio – ha spiegato Agnese Molinari – per raggiungere una concentrazione di medicinale efficace si è costretti ad aumentare di molto il livello del farmaco somministrato, perché solo una piccola dose di quella totale raggiunge il sito tumorale».

Qual è, dunque, il vantaggio di utilizzare la nanotecnologia? «Quando un farmaco viene intrappolato in un nano vettore – ha detto la ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità – acquisisce la cosiddetta farmacocinetica del nano vettore stesso». Non si tratta di sperimentazioni, ma di realtà cliniche già consolidate: «Una delle più importanti applicazioni in terapia è la veicolazione di un noto farmaco antitumorale: la doxorubicina in formulazioni liposomiali (le molecole del farmaco sono “incapsulate” in particelle grasse dette liposomi). Il vantaggio è che si ottiene una somministrazione sito specifica: il farmaco veicolato raggiunge un’alta concentrazione nel sito tumorale, risparmiando i tessuti normali circostanti e limitandone fortemente gli effetti collaterali. Nel caso della doxorubicina, riduce al minimo la cardiotossicità».

E anche in ambito terapeutico si aprono nuove frontiere. «Sono state presentate delle “curiose” piattaforme nanotecnologiche in grado di assemblarsi e disassemblarsi a seconda delle condizioni di temperatura o di ph del tessuto. Una proprietà – ha sottolineato la ricercatrice – che permette di monitorare il rilascio di un farmaco, aumentando o diminuendone la quantità in un preciso momento, a seconda delle esigenze terapeutiche».

Cure e diagnosi così precise e mirate da destare meraviglia. Cosa ci aspetta nel futuro? La nanomedicina finirà mai di sorprenderci? La ricercatrice è convinta di no: «Ci saranno sempre novità all’orizzonte – ha detto – proprio questo confronto tra esperti di tutto il mondo ha mostrato come la nanotecnologia sia altamente versatile. La nanomedicina – ha concluso Molinari – è solo una parte delle nanotecnologie. Le sue possibili applicazioni sono talmente tante che potrebbero superare la stessa fantasia».

LEGGI ANCHE: MEDICI SOSTITUITI DA ROBOT? ECCO COSA NE PENSANO GLI ESPERTI

Articoli correlati
Studio PreMiO: «Recidive del cancro più frequenti se il paziente è malnutrito»
La prevalenza della malnutrizione correlata al cancro e le sue conseguenze negative sono sottovalutate nella maggior parte delle unità di oncologia – si legge in una nota . Negli studi in cui la composizione corporea è stata misurata con la tomografia computerizzata, il 50-80% dei pazienti è risultato avere poca massa magra, condizione dipendente dalla […]
Oncologia, Marchetti: «Attenti a malnutrizione, riduce tollerabilità dei trattamenti. Serve legge su valutazione nutrizionale»
Il professore di Oncologia Medica de La Sapienza ha aderito alla call to action sul tema lanciata dalla Sinuc: «Pazienti hanno diritto a non vedere la propria situazione clinica aggravata anche dalla malnutrizione»
Legge di Bilancio, Zingaretti la boccia: «Spread alto brucia risorse anche per la sanità. Nel Lazio tagliamo sprechi e facciamo innovazione»
Il governatore è intervenuto all’inaugurazione del Centro Studi Clinici Fase 1 dell’IFO Regina Elena a Roma. «Siamo preoccupati - ha sottolineato - dopo discussioni infinite ancora non è chiaro quale sarà la manovra economica del governo». Poi torna sull’accordo stipulato con Sardegna, Valle d’Aosta, Piemonte e Veneto sul prezzo dei farmaci: «Ci farà risparmiare in tutto 31 milioni di euro e riguarderà un’area di 17 milioni di cittadini»
Roma, IFO: al via il centro studi early phase
Il Centro Studi Early Phase (studi di fase 1) è una grande opportunità per la ricerca sperimentale e clinica, per gli IFO, per Roma e per una proficua competizione nazionale ed internazionale. Un gruppo di lavoro multidisciplinare ed altamente specializzato si occupa di gestire un continuum che parte dalla ricerca di laboratorio, su modelli sperimentali in vitro ed in […]
Sanità, al via Congresso annuale ESMO: «Da melanoma a glioblastoma, immunoterapia grande speranza»
Gli specialisti dell’Istituto Oncologico Veneto saranno tra i protagonisti del Congresso annuale dell'European Society of Medical Oncology (ESMO) che si apre a Monaco di Baviera dal 19 al 23 ottobre. Nell'edizione 2018 del Congresso sarà l’immunoterapia la prospettiva terapeutica a dettare la linea delle sessioni più importanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...