Salute 5 Giugno 2018 11:21

Medici sostituiti da robot? Ecco cosa ne pensano gli esperti

La robotica in campo sanitario ha migliorato la vita di professionisti e pazienti. Ma esiste un rischio occupazionale per i camici bianchi e i chirurghi? Lo abbiamo chiesto a Calogero Maria Oddo, Assistant Professor di Biorobotica nella Scuola superiore Sant’Anna di Pisa

Sale operatorie completamente automatizzate, gestite da macchine e robot super intelligenti e rapidissimi, capaci di prendere decisioni complesse in una frazione di secondo ed effettuare un trapianto in pochi minuti. È uno scenario degno di un libro di Philip K. Dick e che, per grandi linee, ricorda molto da vicino decine di film di fantascienza già visti, ma un giorno potrà diventare la normalità? I robot riusciranno a sostituire i medici? Lo abbiamo chiesto a Calogero Maria Oddo, Assistant Professor di Biorobotica, Scuola superiore Sant’Anna di Pisa.

Come è cambiato negli ultimi anni il mondo della robotica applicata alla sanità?

«È evidente come l’introduzione di tecnologie robotiche stia avendo un impatto notevole nella pratica clinica diagnostica e interventistica in sanità. Il primo caso di successo che mi viene in mente è quello del robot per chirurgia che ha avuto una diffusione enorme in sala operatoria ed è ormai diventato uno standard per alcune procedure interventistiche. I vantaggi sono notevoli: un robot può ad esempio aumentare la precisione dell’intervento, la pianificazione, permettere al chirurgo di evitare tremori e altro. Detto questo, però, la tecnologia deve fare ancora progressi. Un esempio in questo senso è quello di permettere al chirurgo di avere il ritorno tattile che gli permetta di rendersi conto di quel che sta toccando o cucendo. I robot non ci permettono ancora di fare una cosa del genere ma la ricerca è orientata verso questa direzione. Ma non basta. I robot che navigano nel contesto ospedaliero possono migliorare la qualità di tanti servizi: distribuzione dei farmaci e di ricette, cartelle cliniche e tanto altro. Naturalmente tutto questo porta a delle sfide nella coabitazione tra persone e robot anche in termini di sicurezza. Problemi che possono essere risolti, da un lato, prevedendo ambienti separati o, dall’altro, meccanismi atti a migliorare la coesistenza».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ROBOTICA, CON IL 100ESIMO ROBOT DA VINCI ITALIA AL TOP IN EUROPA. UTILIZZO SEMPRE PIÙ DIFFUSO IN UROLOGIA

Quali sono i possibili sviluppi e, lavorando anche un po’ di fantasia, quando è ipotizzabile l’avvento di un robot quasi indistinguibile da un essere umano?

«Chiaramente c’è molta “science fiction” in chi si aspetta robot che pensano, che sono in grado di decidere e addirittura guidare le masse. Prima di tutto, dobbiamo capire se uno scenario del genere sia desiderabile. Sicuramente noi robotici non vogliamo andare verso questa direzione e attualmente la tecnologia non lo permette. Il nostro obiettivo, sia come robotici che come bioingegneri che fanno robotica e biorobotica, è quello di generare parti di ricambio del corpo. È il caso dell’amputazione di organi esterni, come una mano o una gamba, e di organi interni, come fegato o pancreas. È importante riuscire a non essere costretti a sostituirli solo tramite i trapianti».

LEGGI ANCHE: OSPEDALI DEL FUTURO, PEDRINI (SIAIS): «INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ FONDAMENTALI, MA ETICA AL PRIMO POSTO»

Il robot riuscirà mai a sostituire il medico?

«Anche su questo aspetto dobbiamo riflettere e capire se è desiderabile. Noi crediamo che la tecnologia robotica e l’intelligenza artificiale possano portare ad un miglioramento della effettività della diagnostica, per dirne una. Quindi automatizzare alcune decisioni, alcune analisi, e magari riuscire a vedere alcune cose che l’occhio umano non riesce, per vari motivi, a vedere. Nel far questo ovviamente non vogliamo sostituire il medico. Anzi, c’è un bisogno enorme di medici specialisti anche in discipline diagnostiche. Per questo un avvento tecnologico che può portare ad automatizzare alcuni processi non deve essere inteso come una minaccia: il decisore ultimo rimarrà il medico e le sue qualità e capacità restano insostituibili».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
La responsabilità del medico specialista
Ci occupiamo di un caso di responsabilità del medico specialista. Per la Cassazione questi non può considerarsi un mero esecutore
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Camici bianchi e operatori sanitari in corsa per un seggio in Parlamento. Speranza si candida in Campania
Tra i sottosegretari non si ricandida Pierpaolo Sileri, mentre Andrea Costa corre in Liguria. Candidata nel Lazio per Azione Annamaria Parente, presidente della commissione Sanità. In corsa anche Sandra Zampa, Andrea Mandelli e Marcello Gemmato, responsabili sanità di Pd, Forza Italia e Fratelli d’Italia. I virologi Andrea Crisanti e Pierluigi Lopalco candidati per il centrosinistra
di Francesco Torre
Medici cubani in Calabria, cosa è successo?
Il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto ha siglato un accordo con il governo cubano per assumere poco meno di 500 medici a tempo indeterminato per far fronte alla gravissima carenza di personale. Una scelta, quella di Occhiuto, che ha sollevato un polverone di polemiche
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi