Salute 5 giugno 2018

Medici sostituiti da robot? Ecco cosa ne pensano gli esperti

La robotica in campo sanitario ha migliorato la vita di professionisti e pazienti. Ma esiste un rischio occupazionale per i camici bianchi e i chirurghi? Lo abbiamo chiesto a Calogero Maria Oddo, Assistant Professor di Biorobotica nella Scuola superiore Sant’Anna di Pisa

Sale operatorie completamente automatizzate, gestite da macchine e robot super intelligenti e rapidissimi, capaci di prendere decisioni complesse in una frazione di secondo ed effettuare un trapianto in pochi minuti. È uno scenario degno di un libro di Philip K. Dick e che, per grandi linee, ricorda molto da vicino decine di film di fantascienza già visti, ma un giorno potrà diventare la normalità? I robot riusciranno a sostituire i medici? Lo abbiamo chiesto a Calogero Maria Oddo, Assistant Professor di Biorobotica, Scuola superiore Sant’Anna di Pisa.

Come è cambiato negli ultimi anni il mondo della robotica applicata alla sanità?

«È evidente come l’introduzione di tecnologie robotiche stia avendo un impatto notevole nella pratica clinica diagnostica e interventistica in sanità. Il primo caso di successo che mi viene in mente è quello del robot per chirurgia che ha avuto una diffusione enorme in sala operatoria ed è ormai diventato uno standard per alcune procedure interventistiche. I vantaggi sono notevoli: un robot può ad esempio aumentare la precisione dell’intervento, la pianificazione, permettere al chirurgo di evitare tremori e altro. Detto questo, però, la tecnologia deve fare ancora progressi. Un esempio in questo senso è quello di permettere al chirurgo di avere il ritorno tattile che gli permetta di rendersi conto di quel che sta toccando o cucendo. I robot non ci permettono ancora di fare una cosa del genere ma la ricerca è orientata verso questa direzione. Ma non basta. I robot che navigano nel contesto ospedaliero possono migliorare la qualità di tanti servizi: distribuzione dei farmaci e di ricette, cartelle cliniche e tanto altro. Naturalmente tutto questo porta a delle sfide nella coabitazione tra persone e robot anche in termini di sicurezza. Problemi che possono essere risolti, da un lato, prevedendo ambienti separati o, dall’altro, meccanismi atti a migliorare la coesistenza».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ROBOTICA, CON IL 100ESIMO ROBOT DA VINCI ITALIA AL TOP IN EUROPA. UTILIZZO SEMPRE PIÙ DIFFUSO IN UROLOGIA

Quali sono i possibili sviluppi e, lavorando anche un po’ di fantasia, quando è ipotizzabile l’avvento di un robot quasi indistinguibile da un essere umano?

«Chiaramente c’è molta “science fiction” in chi si aspetta robot che pensano, che sono in grado di decidere e addirittura guidare le masse. Prima di tutto, dobbiamo capire se uno scenario del genere sia desiderabile. Sicuramente noi robotici non vogliamo andare verso questa direzione e attualmente la tecnologia non lo permette. Il nostro obiettivo, sia come robotici che come bioingegneri che fanno robotica e biorobotica, è quello di generare parti di ricambio del corpo. È il caso dell’amputazione di organi esterni, come una mano o una gamba, e di organi interni, come fegato o pancreas. È importante riuscire a non essere costretti a sostituirli solo tramite i trapianti».

LEGGI ANCHE: OSPEDALI DEL FUTURO, PEDRINI (SIAIS): «INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ FONDAMENTALI, MA ETICA AL PRIMO POSTO»

Il robot riuscirà mai a sostituire il medico?

«Anche su questo aspetto dobbiamo riflettere e capire se è desiderabile. Noi crediamo che la tecnologia robotica e l’intelligenza artificiale possano portare ad un miglioramento della effettività della diagnostica, per dirne una. Quindi automatizzare alcune decisioni, alcune analisi, e magari riuscire a vedere alcune cose che l’occhio umano non riesce, per vari motivi, a vedere. Nel far questo ovviamente non vogliamo sostituire il medico. Anzi, c’è un bisogno enorme di medici specialisti anche in discipline diagnostiche. Per questo un avvento tecnologico che può portare ad automatizzare alcuni processi non deve essere inteso come una minaccia: il decisore ultimo rimarrà il medico e le sue qualità e capacità restano insostituibili».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
Sanità trasparente, parla il relatore Provenza (M5S): «Nessuna incombenza per i medici. Trasparenza affinché il cittadino torni a fidarsi degli operatori sanitari»
Il Provvedimento, approvato in Commissione Affari Sociali, deve ora ricevere il parere delle altre Commissioni competenti. Nel registro pubblico saranno rese note anche le motivazioni delle transazioni tra imprese e operatori del settore. Alzate le soglie minime: 50 euro per ogni singola donazione (500 euro all’anno). «Nessuna idea vessatoria o persecutoria della classe medica. Il nostro è un progetto culturale che mira sostanzialmente a sostenere il diritto alla conoscenza dei rapporti», sottolinea il deputato M5S
La nazionale italiana di medici sciatori è campione d’Europa | GUARDA IL VIDEO
A Moena, le gare di Super-G, Slalom Speciale e Slalom Gigante. Prossima tappa, i mondiali, previsti a Vipiteno per fine marzo. Luigi Bertinato, presidente della Squadra italiana medici sciatori: «Grandi professionisti nell'arte medica ma anche grandi atleti, che oltre a curare gli altri curano anche se stessi»
Intramoenia, medici che la esercitano in calo dal 48% al 43,3%. Record nelle Marche, Bolzano in coda
Secondo la Relazione annuale sull’esercizio dell’attività libero professionale intramuraria tocca i valori minimi in Sardegna, Sicilia, Calabria, Umbria. 17 le Regioni che hanno provveduto ad emanare/aggiornare le linee guida regionali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...