Salute 5 Giugno 2018

Medici sostituiti da robot? Ecco cosa ne pensano gli esperti

La robotica in campo sanitario ha migliorato la vita di professionisti e pazienti. Ma esiste un rischio occupazionale per i camici bianchi e i chirurghi? Lo abbiamo chiesto a Calogero Maria Oddo, Assistant Professor di Biorobotica nella Scuola superiore Sant’Anna di Pisa

Sale operatorie completamente automatizzate, gestite da macchine e robot super intelligenti e rapidissimi, capaci di prendere decisioni complesse in una frazione di secondo ed effettuare un trapianto in pochi minuti. È uno scenario degno di un libro di Philip K. Dick e che, per grandi linee, ricorda molto da vicino decine di film di fantascienza già visti, ma un giorno potrà diventare la normalità? I robot riusciranno a sostituire i medici? Lo abbiamo chiesto a Calogero Maria Oddo, Assistant Professor di Biorobotica, Scuola superiore Sant’Anna di Pisa.

Come è cambiato negli ultimi anni il mondo della robotica applicata alla sanità?

«È evidente come l’introduzione di tecnologie robotiche stia avendo un impatto notevole nella pratica clinica diagnostica e interventistica in sanità. Il primo caso di successo che mi viene in mente è quello del robot per chirurgia che ha avuto una diffusione enorme in sala operatoria ed è ormai diventato uno standard per alcune procedure interventistiche. I vantaggi sono notevoli: un robot può ad esempio aumentare la precisione dell’intervento, la pianificazione, permettere al chirurgo di evitare tremori e altro. Detto questo, però, la tecnologia deve fare ancora progressi. Un esempio in questo senso è quello di permettere al chirurgo di avere il ritorno tattile che gli permetta di rendersi conto di quel che sta toccando o cucendo. I robot non ci permettono ancora di fare una cosa del genere ma la ricerca è orientata verso questa direzione. Ma non basta. I robot che navigano nel contesto ospedaliero possono migliorare la qualità di tanti servizi: distribuzione dei farmaci e di ricette, cartelle cliniche e tanto altro. Naturalmente tutto questo porta a delle sfide nella coabitazione tra persone e robot anche in termini di sicurezza. Problemi che possono essere risolti, da un lato, prevedendo ambienti separati o, dall’altro, meccanismi atti a migliorare la coesistenza».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ROBOTICA, CON IL 100ESIMO ROBOT DA VINCI ITALIA AL TOP IN EUROPA. UTILIZZO SEMPRE PIÙ DIFFUSO IN UROLOGIA

Quali sono i possibili sviluppi e, lavorando anche un po’ di fantasia, quando è ipotizzabile l’avvento di un robot quasi indistinguibile da un essere umano?

«Chiaramente c’è molta “science fiction” in chi si aspetta robot che pensano, che sono in grado di decidere e addirittura guidare le masse. Prima di tutto, dobbiamo capire se uno scenario del genere sia desiderabile. Sicuramente noi robotici non vogliamo andare verso questa direzione e attualmente la tecnologia non lo permette. Il nostro obiettivo, sia come robotici che come bioingegneri che fanno robotica e biorobotica, è quello di generare parti di ricambio del corpo. È il caso dell’amputazione di organi esterni, come una mano o una gamba, e di organi interni, come fegato o pancreas. È importante riuscire a non essere costretti a sostituirli solo tramite i trapianti».

LEGGI ANCHE: OSPEDALI DEL FUTURO, PEDRINI (SIAIS): «INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ FONDAMENTALI, MA ETICA AL PRIMO POSTO»

Il robot riuscirà mai a sostituire il medico?

«Anche su questo aspetto dobbiamo riflettere e capire se è desiderabile. Noi crediamo che la tecnologia robotica e l’intelligenza artificiale possano portare ad un miglioramento della effettività della diagnostica, per dirne una. Quindi automatizzare alcune decisioni, alcune analisi, e magari riuscire a vedere alcune cose che l’occhio umano non riesce, per vari motivi, a vedere. Nel far questo ovviamente non vogliamo sostituire il medico. Anzi, c’è un bisogno enorme di medici specialisti anche in discipline diagnostiche. Per questo un avvento tecnologico che può portare ad automatizzare alcuni processi non deve essere inteso come una minaccia: il decisore ultimo rimarrà il medico e le sue qualità e capacità restano insostituibili».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Dalla carriera all’aumento economico, tutto quello che c’è da sapere sul contratto dei medici. E su cosa si dividono i sindacati
Un vademecum del sindacato Anaao-Assomed ha provato a riassumere i punti qualificanti del contratto della dirigenza medica. Ma su molti aspetti le interpretazioni dei sindacati firmatari e quelli contrari divergono. Ecco una mappa con le diverse posizioni
Roma, all’Umberto I arriva il robot Da Vinci. Gaudio (Rettore Sapienza): «Permette l’applicazione delle tecnologie più avanzate»
Presentato oggi al Policlinico Umberto I di Roma il robot Da Vinci, strumento avanzato nell'ambito della chirurgia mininvasiva, già attivo da qualche mese con 120 interventi di chirurgia urologica già eseguiti, finanziato dalla Fondazione Roma
di Lucia Oggianu
Chirurgia, troppi oneri e pochi onori: è “crisi di vocazione” tra boom di denunce e rischio aggressioni
Il vicepresidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani Vincenzo Bottino: «Nonostante l’aumento delle borse di specializzazione permangono lacune nella formazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone