Salute 18 aprile 2018

Ospedali del futuro, Pedrini (SIAIS): «Innovazione e sostenibilità fondamentali, ma etica al primo posto»

«Funzionale, flessibile, innovativo ed elemento di soddisfazione per gli utenti: è la sanità che tutti vogliamo e per cui dobbiamo lavorare». L’intervista a Daniela Pedrini, ingegnere e Presidente della Società Italiana dell’Architettura e dell’Ingegneria per la Sanità

Immagine articolo

Innovazione tecnologica a misura di persona, componenti strutturali all’avanguardia facilmente sfruttabili dal medico e dal cittadino, tempi di attesa ridotti grazie a strumentazioni sofisticate e veloci. Questa è la sanità del futuro raccontata dalla Società Italiana dell’Architettura e dell’Ingegneria per la Sanità (SIAIS) che forte di esperienza decennale, ottime best practice e una squadra qualificata d’ingegneri e architetti, progetta il futuro assistenziale. «L’architettura influisce moltissimo sullo stato fisico ma anche emozionale del paziente e del professionista sanitario» lo dichiara Daniela Pedrini, ingegnere e Presidente SIAIS.

Come sarà l’ospedale del futuro? Quali le componenti strutturali che a suo parere dovrebbero essere integrate?

«L’ospedale del futuro sarà all’insegna dell’innovazione tecnologica, ma dovrà essere anche a dimensione delle persone che lo frequentano (cittadini, operatori, utenti, ecc.). La configurazione dell’ospedale del futuro sarà di elevata complessità tecnologica, in continua crescita e sviluppo, che attua cure mediche sofisticate e specialistiche e che, parallelamente, ricerca le sue condizioni “etiche”, ponendo la centralità dell’uomo e della sua salute. Le linee di indirizzo hanno, come riferimento principale, il nuovo ruolo assunto delle moderne strutture ospedaliere che è necessario prevedere in ulteriore rapida evoluzione per il futuro, ruolo principalmente finalizzato alla realizzazione di strutture altamente specializzate dall’alto contenuto tecnologico, in cui l’erogazione delle prestazioni deve avvenire necessariamente in ridotti archi di tempo. In questo contesto, le componenti strutturali devono essere comunque confortevoli e adeguate, in altre parole appropriate alle funzioni che si devono svolgere».

  • Children's Hospital (Pittsburgh, Pennsylvania). È stato eletto l'ospedale più ecologico del mondo: eliminazione carta, utilizzo materiali riciclati, efficienza energetica.

L’architettura e l’aspetto ingegneristico delle strutture assistenziali influiscono sul clima sociale-comportamentale?

«È chiaro che gli aspetti strutturali, impiantistici e tecnologici sono fondamentali e costituiscono la cornice, ove si inseriscono gli aspetti organizzativi e comportamentali. Ciò è fondamentale nel concorrere anche alla determinazione del livello di sicurezza per gli operatori e gli utenti (cittadini). Inoltre, altrettanto importante è il mantenimento delle condizioni nel tempo, per garantire la continuità di quanto realizzato».

LEGGI ANCHE: COME SARA’ L’OSPEDALE DEL FUTURO? ANDREA SILENZI (SIMM): «MEDICI E INTELLIGENZA ARTIFICIALE LAVORERANNO INSIEME»

L’ospedale del futuro (ma anche del presente) dovrebbe essere una struttura valida tecnicamente ma anche un luogo di cura: come conciliare nel migliore dei modi questi due aspetti?

«L’ospedale sempre di più viene considerato come un luogo che cura sia l’aspetto fisico sia quello emozionale, che molto influenza gli stessi parametri psico-fisici. Anche l’architettura può aiutare a migliorare il proprio stato di salute e/o benessere, anche in ospedale. Quando si progetta un ospedale, l’attenzione non deve essere orientata solo agli aspetti “funzionali”, energetici ed economico-gestionali propri delle strutture sanitarie, ma anche a tutti gli aspetti conseguenti alle scelte architettoniche (capacità di spazi, forme, materiali, segnaletica, colori, ecc.) che influiscono sul “benessere” delle persone. Le connessioni tra la progettazione degli spazi di cura (ospedali, strutture sanitarie, residenze assistenziali per anziani, ecc.) e il benessere della persona sono molteplici».

Si parla tanto di eco-sostenibilità: su questo fronte gli ospedali come si stanno muovendo?

«È necessario continuare con l’ammodernamento del patrimonio ospedaliero perché sia sempre più conforme alle esigenze del servizio offerto: funzionale, flessibile, sostenibile ed elemento di soddisfazione per gli utenti. Diversi paesi europei hanno avviato programmi per la gestione del patrimonio immobiliare dedicato all’assistenza sanitaria nell’ottica dello sviluppo sostenibile, che significa affrontare questioni quali i vettori energetici, l’acqua, i trasporti, i rifiuti, l’adeguamento delle infrastrutture e degli edifici, con ovvie ripercussioni sui costi operativi gestionali».

Gli attuali fondi sanitari italiani sono sufficienti per garantire un progresso architettonico e tecnologico dell’ospedale?

«C’è urgente necessità di provvedere a rapidi cambiamenti culturali per promuovere innovazione nelle istituzioni, nelle strutture e anche nelle professioni. Disporre di un fondo straordinario per l’innovazione potrebbe portare a quella “integrazione” concreta accelerando i tempi. È necessario analizzare i driver di cambiamento e valutare in chiave innovativa tutti gli strumenti di programmazione e controllo: l’ospedale deve essere costruito e gestito pensando al cittadino-utente al centro (accoglienza, requisiti, sicurezza, tecnologie, ecc.) e integrato nel territorio».

Da questo punto di vista ci sono attualmente paesi più virtuosi dell’Italia da cui prendere esempio?

«In ogni Paese, così come in Italia, vi sono modelli virtuosi da cui prendere esempio, spesso sono casi isolati e l’ulteriore passo in avanti sarà proprio quello di far sì che non restino casi isolati ma diventino “consuetudine”. Per raggiungere questo obiettivo è necessario provvedere a rapidi cambiamenti culturali per promuovere innovazione nelle istituzioni, nelle strutture e anche nelle professioni tecniche. L’evoluzione architettonica e tecnologica richiede competenze specialistiche e trasversali e si rendono necessarie competenze pluridisciplinari. Le prestazioni dell’organismo edilizio, l’efficienza energetica, la modellazione informativa (BIM) per la progettazione e la gestione degli edifici sono solo alcuni dei temi che richiedono competenze specialistiche e altamente qualificate. Le strutture ospedaliere e sanitarie, con il loro altissimo contenuto tecnologico, oltre ad essere progettate e realizzate devono essere gestite quotidianamente da team di professionisti competenti e formati. Strumenti di project management devono entrare nella gestione quotidiana dei progetti in ambito sanitario, così come prevede chiaramente anche la normativa vigente. Le professionalità coinvolte devono garantire la continuità produttiva della struttura sanitaria mantenendo la funzionalità e la sicurezza di strutture, impianti, tecnologie dispositivi medici in un’ottica di riduzione del rischio clinico, governando nel contempo i costi, contribuendo a rendere il sistema “salute” complessivamente sostenibile e rispettando criteri di etica, trasparenza e legalità».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...