Salute 21 Giugno 2018

Stampa 3D in sanità, Marconi (Università di Pavia): «Ecco come aiuta medici e pazienti»

Dalla formazione per il personale sanitario al consenso informato di chi deve subire un’operazione. Sono tante le possibili applicazioni di questo tipo di tecnologia all’ambito medico, ma le prospettive sono ancora migliori…

Immagine articolo

Siamo ancora lontani dalla creazione di organi funzionanti da trapiantare nel corpo umano, ma la stampa 3D applicata alla sanità è già arrivata ad un livello di qualità ed efficienza molto utile sia ai medici che ai pazienti. Per i primi, avere una riproduzione in tre dimensioni di un organo o di una tac può rendere più facili le operazioni; per i secondi, invece, vedere con i propri occhi quel che il chirurgo andrà a fare contribuirà in maniera determinante a renderlo ancora più cosciente e informato rispetto all’intervento. Insomma, formazione del personale medico e consenso informato sono gli ambiti in cui, secondo quanto ci ha raccontato la dottoressa Stefania Marconi del Protolab, Università di Pavia, la stampa 3D riscuote al momento i maggiori successi. Ma le prospettive non sono affatto da meno.

LEGGI ANCHE: DAL ROBOT-PAZIENTE ALLE PROTESI IN 3D, LE TECNOLOGIE DEL FUTURO A EXPOSANITA’ 

Dottoressa Marconi, lei si occupa di stampa 3D applicata alla sanità. Ci può dire qual è attualmente lo stato dell’arte e come può essere utile per la sanità e per il medico?

«Per quanto riguarda lo stato dell’arte della stampa 3D in Italia, le porto l’esempio che abbiamo noi a Pavia come Università e centro di ricerca che si occupa di queste tematiche dal 2011. La stampa 3D per noi consiste, al momento, principalmente nella conversione di un’immagine tac in un modello stampato, per l’appunto, in 3D, che aiuti il chirurgo nella pianificazione dell’intervento. Sostanzialmente dunque è un modo diverso di presentare l’immagine, ovvero un dato che il chirurgo già conosce, ma presentato in una maniera molto più efficace. In diverse ricerche che abbiamo fatto in Università abbiamo visto che il modello stampato in 3D permette di trarre molto più rapidamente l’informazione, permettendo così al chirurgo di pianificare meglio l’intervento e ridurre, potenzialmente, i rischi e i tempi dell’operazione stessa. Questo tipo di modello può, grazie proprio a questa facilità di comprensione anatomica, aiutare anche il chirurgo con poca esperienza. Parliamo chiaramente di interventi particolari, come ad esempio chirurgia addominale o anatomia vascolare, molto difficili da inquadrare mentalmente guardando solo una tac».

E per il paziente?

«Per quanto riguarda il paziente, siamo ancora troppo lontani dalla possibilità di stampare organi che possano essere impiantati. C’è da dire però che la conversione di un’immagine in un modello stampato e la sua presentazione al paziente prima dell’intervento gli permette di comprendere meglio a cosa andrà incontro e i rischi dell’operazione. Da una parte dunque può capire meglio, dall’altra può sentirsi davvero informato. Questo fattore è molto importante anche da un punto di vista legale, perché quando il paziente firma il consenso informato l’importante è che abbia davvero capito, e su interventi spesso molto complessi è difficile arrivare a questo obiettivo».

Pensando invece ai possibili sviluppi, a cosa si può arrivare a lungo termine?

«Senza dubbio si può arrivare ad un ampliamento dell’utilizzo attuale di queste metodiche per la formazione. Quindi avere dei phantom che possono essere arricchiti con il dettaglio dell’anatomia del paziente, cosa che consente di avvicinarsi il più possibile alle condizioni effettive dell’operazione e, di conseguenza, effettuarla più velocemente. Questo aspetto potrebbe migliorare la formazione. Guardando più al futuro, possiamo parlare del bioprinting: come dicevo, siamo ancora lontani dalla stampa di strutture funzionali, ma siamo molto più vicini alla produzione, ad esempio, di modelli per lo studio dei tumori. Quindi possiamo andare ad implementare qualcosa che, al momento, si può fare soltanto con il modello animale. Altro campo interessante è quello della stampa di piccole componenti, molto semplificate dal punto di vista della complessità cellulare, ma che possano risultare molto utili per gli studi in laboratorio».

Articoli correlati
Telemedicina, l’innovazione in cardiologia è sempre più digitale
Il Professore Fabrizio Ammirati spiega come la telemedicina e l’intelligenza artificiale affrontano la patologia dello scompenso cardiaco che ogni anno interessa un numero di italiani superiore a quelli affetti da COVID-19
L’innovazione nel sistema sanitario per una migliore sicurezza del paziente
Sham ha organizzato di recente una tavola rotonda europea virtuale sul tema dell’“Innovazione nel sistema sanitario per una migliore sicurezza del paziente”. La conferenza, trasmessa ai soci e agli stakeholder in Francia, Spagna, Italia e Germania nell’ambito dell’International Patient Safety Day, ha riunito esperti in assicurazioni e gestione del rischio, professionisti ospedalieri e tre partner […]
Premio Innovazione Digitale nella Sclerosi Multipla: in palio 2 premi da 40.000 € ciascuno
Anche quest’anno l’iniziativa è patrocinata dalla SIN (Società Italiana di Neurologia) per favorire l’adattamento e la convivenza con la Sclerosi Multipla attraverso la Digital Technology
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
Tecnici di laboratorio, Cabrini (ANTEL): «Con le innovazioni tecnologiche sempre più competenze. Lavoriamo per prevenzione del rischio»
Al 14° Forum Risk Management di Firenze sessione dedicata ai tecnici di laboratorio. L’Associazione nazionale tecnici di laboratorio biomedico punta sulla formazione: «Puntiamo alla collaborazione con le società scientifiche come Simedet e SIPMeL»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...