Salute 2 Maggio 2019

Morte improvvisa, si può prevenire? Risponde il cardiologo tedesco Axel Bauer

«Se si individuano i pazienti a rischio, si può intervenire con un defibrillatore cardiaco impiantabile. In futuro i dispositivi indossabili che monitorano il paziente 24 ore su 24 ci aiuteranno molto, ma per ora forniscono informazioni limitate»

La chiamano morte improvvisa perché basta una manciata di minuti per perdere la vita. La causa più frequente è la fibrillazione ventricolare, un’aritmia caratterizzata da un’attivazione rapida ed irregolare dei ventricoli che impedisce al cuore di generare una contrazione valida. Nel giro di pochi secondi si perdono i sensi, in due o tre minuti si riportano danni cerebrali e, se non si interviene subito con una defibrillazione del cuore, si muore.

Vista la rapida evoluzione che la caratterizza, è praticamente impossibile aiutare il paziente e prevenirne la morte improvvisa. Tuttavia, il dottor Axel Bauer, cardiologo dell’università di Monaco che abbiamo incontrato al congresso della European Heart Rhythm Association, ci ha spiegato che per quanto ancora imperfetta, la prevenzione della morte improvvisa in alcuni casi è possibile: «Il parametro più importante è sicuramente la frazione di eiezione. Se il livello è basso, il paziente è considerato ad alto rischio. E se il rischio viene individuato, si può intervenire con un ICD, un defibrillatore cardiaco impiantabile che, in caso di necessità, interviene con shock elettrici in grado di ripristinare la normale funzionalità del cuore».

Bauer parla però di «questione aperta» riferendosi alla possibilità di rintracciare prima gli elementi di rischio. Basti pensare ai calciatori professionisti, i cui parametri vengono costantemente monitorati ma che continuano ad essere colpiti da morte improvvisa: «In alcuni di questi atleti – aggiunge il cardiologo tedesco – viene identificata dopo il decesso la presenza di cardiomiopatie o alterazioni del ritmo cardiaco che erano sfuggite precedentemente».

Un aiuto concreto potrebbe allora arrivare dai nuovi dispositivi indossabili che monitorano il paziente 24 ore su 24. «Le informazioni fornite da quelli esistenti oggi sono ancora molto limitate – commenta Bauer -, ma in futuro questi strumenti saranno sicuramente molto importanti per controllare in modo continuativo determinati pazienti. Ci aiuteranno ad identificare alcuni elementi importanti prima che le condizioni del paziente si deteriorino e ci permetteranno quindi di intervenire prontamente».

LEGGI ANCHE: MORTE CARDIACA IMPROVVISA, IVO PULCINI (S.S. LAZIO): «TECNOLOGIA AVANZATA PUO’ PREVEDERE GRAVI PROBLEMI PER ATLETI SANI E FARE DIAGNOSI PRECOCE»

Articoli correlati
Malattie rare, il 96,5% dei neonati ha avuto lo screening metabolico: nel 2012 erano il 25%
In Italia vengono ricercate oltre 40 malattie: Regno Unito, Francia e Spagna non arrivano a 10. Tutte le Regioni sono state veloci nell’adeguarsi alla legge 167/2016, manca solo la Calabria
Una piattaforma per rivoluzionare la Medicina: nasce la Rete che analizza i dati raccolti da tutti gli IRCCS d’Italia
Il progetto, finanziato dal MEF per 55 milioni di euro, al via alla fine del 2019. La possibilità di avvalersi di modelli in grado di comprendere, elaborare e simulare con precisione ogni singola persona o paziente permetterà di aumentare l’efficacia delle terapie e di prevenire le malattie, riducendo i costi sanitari e aumentando la qualità di vita della popolazione
Tumori al seno, diagnosi precoce e innovazione per obiettivo mortalità zero. Il seminario alla Link Campus University
“Fornire informazioni corrette, in merito ai percorsi diagnostici e clinici verso i quali le donne che fanno prevenzione devono essere indirizzate. Anche perché la prevenzione diagnostica di qualità permette di individuare tumori di piccole dimensioni e si basa sul l’impiego di apparecchiature innovative di ultima generazione e nuove metodiche di I e II livello”. Rossella […]
Congresso AIPO, Poletti: «Prevenzione e cure personalizzate per combattere le malattie polmonari»
Per il Presidente dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri, Venerino Poletti, è fondamentale focalizzare i progressi della medicina e le nuove frontiere introdotte dalla globalizzazione
di Federica Bosco
Oncologia, Sileri: «Rinnovati fondi per farmaci innovativi e oncologici per il prossimo triennio»
Al Congresso Aiom il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri ha aperto ai farmaci biosimilari in oncologia: «Sì all’inizio del trattamento, da valutare con lo specialista per i pazienti più difficili. Hanno la stessa efficacia e sicurezza con un risparmio maggiore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano