Salute 2 Maggio 2019

Morte improvvisa, si può prevenire? Risponde il cardiologo tedesco Axel Bauer

«Se si individuano i pazienti a rischio, si può intervenire con un defibrillatore cardiaco impiantabile. In futuro i dispositivi indossabili che monitorano il paziente 24 ore su 24 ci aiuteranno molto, ma per ora forniscono informazioni limitate»

La chiamano morte improvvisa perché basta una manciata di minuti per perdere la vita. La causa più frequente è la fibrillazione ventricolare, un’aritmia caratterizzata da un’attivazione rapida ed irregolare dei ventricoli che impedisce al cuore di generare una contrazione valida. Nel giro di pochi secondi si perdono i sensi, in due o tre minuti si riportano danni cerebrali e, se non si interviene subito con una defibrillazione del cuore, si muore.

Vista la rapida evoluzione che la caratterizza, è praticamente impossibile aiutare il paziente e prevenirne la morte improvvisa. Tuttavia, il dottor Axel Bauer, cardiologo dell’università di Monaco che abbiamo incontrato al congresso della European Heart Rhythm Association, ci ha spiegato che per quanto ancora imperfetta, la prevenzione della morte improvvisa in alcuni casi è possibile: «Il parametro più importante è sicuramente la frazione di eiezione. Se il livello è basso, il paziente è considerato ad alto rischio. E se il rischio viene individuato, si può intervenire con un ICD, un defibrillatore cardiaco impiantabile che, in caso di necessità, interviene con shock elettrici in grado di ripristinare la normale funzionalità del cuore».

Bauer parla però di «questione aperta» riferendosi alla possibilità di rintracciare prima gli elementi di rischio. Basti pensare ai calciatori professionisti, i cui parametri vengono costantemente monitorati ma che continuano ad essere colpiti da morte improvvisa: «In alcuni di questi atleti – aggiunge il cardiologo tedesco – viene identificata dopo il decesso la presenza di cardiomiopatie o alterazioni del ritmo cardiaco che erano sfuggite precedentemente».

Un aiuto concreto potrebbe allora arrivare dai nuovi dispositivi indossabili che monitorano il paziente 24 ore su 24. «Le informazioni fornite da quelli esistenti oggi sono ancora molto limitate – commenta Bauer -, ma in futuro questi strumenti saranno sicuramente molto importanti per controllare in modo continuativo determinati pazienti. Ci aiuteranno ad identificare alcuni elementi importanti prima che le condizioni del paziente si deteriorino e ci permetteranno quindi di intervenire prontamente».

LEGGI ANCHE: MORTE CARDIACA IMPROVVISA, IVO PULCINI (S.S. LAZIO): «TECNOLOGIA AVANZATA PUO’ PREVEDERE GRAVI PROBLEMI PER ATLETI SANI E FARE DIAGNOSI PRECOCE»

Articoli correlati
Dotto di Botallo, al Niguarda i primi interventi su neonati prematuri per chiuderlo con procedura mininvasiva
Il dottor Vignati, responsabile della Cardiologia Pediatrica dell'ospedale: «Introducendo un sondino nella vena della gamba chiudiamo il dotto di Botallo nei neonati prematuri, evitando problematiche importanti a livello cardiocircolatorio e respiratorio»
di Federica Bosco
«Ddl Antiviolenza senza fondi», la denuncia della senatrice Boldrini (PD). Ecco cosa non è stato fatto
Dalle modifiche al domicilio alla formazione professionale, la senatrice del Partito Democratico, Paola Boldrini spiega in un’intervista le ragioni che in XII Commissione Igiene e Sanità hanno portato l’opposizione ad astenersi dal votare il provvedimento
Prevenzione, il tir dello scompenso cardiaco nelle piazze italiane: sette tappe a settembre-ottobre
Secondo i dati più recenti, 14 milioni di persone in Europa e più di 1 milione in Italia convivono, oggi, con lo scompenso cardiaco (HF, Heart Failure), patologia che registra ogni anno l’insorgere di nuovi casi, indicativamente 20 ogni 1000 individui tra 65 e 69 anni e più di 80 casi ogni 1000 tra gli […]
Lotta al fumo, Zagà (SITAB): «Medici non sono preparati. Serve corso di tabaccologia all’Università»
«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile», ha spiegato Vincenzo Zagà, Presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB)
Integratori alimentari, Muscaritoli (Sinuc): «Non servono a tutti. Puntare su stile di vita corretto e dieta sana»
Il Presidente Sinuc affida il suo pensiero a Sanità Informazione a margine del convegno "Gli integratori alimentari nell'attuale quadro normativo" che si è svolto al Ministero della salute. «È importante identificare le fasce di popolazione, sia sana che malata, in cui è possibile che la somministrazione dell'integratore abbia un effetto positivo e misurabile sul mantenimento della salute o sulla prevenzione di alcune patologie degenerative»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone