Salute 2 Maggio 2019

Morte improvvisa, si può prevenire? Risponde il cardiologo tedesco Axel Bauer

«Se si individuano i pazienti a rischio, si può intervenire con un defibrillatore cardiaco impiantabile. In futuro i dispositivi indossabili che monitorano il paziente 24 ore su 24 ci aiuteranno molto, ma per ora forniscono informazioni limitate»

La chiamano morte improvvisa perché basta una manciata di minuti per perdere la vita. La causa più frequente è la fibrillazione ventricolare, un’aritmia caratterizzata da un’attivazione rapida ed irregolare dei ventricoli che impedisce al cuore di generare una contrazione valida. Nel giro di pochi secondi si perdono i sensi, in due o tre minuti si riportano danni cerebrali e, se non si interviene subito con una defibrillazione del cuore, si muore.

Vista la rapida evoluzione che la caratterizza, è praticamente impossibile aiutare il paziente e prevenirne la morte improvvisa. Tuttavia, il dottor Axel Bauer, cardiologo dell’università di Monaco che abbiamo incontrato al congresso della European Heart Rhythm Association, ci ha spiegato che per quanto ancora imperfetta, la prevenzione della morte improvvisa in alcuni casi è possibile: «Il parametro più importante è sicuramente la frazione di eiezione. Se il livello è basso, il paziente è considerato ad alto rischio. E se il rischio viene individuato, si può intervenire con un ICD, un defibrillatore cardiaco impiantabile che, in caso di necessità, interviene con shock elettrici in grado di ripristinare la normale funzionalità del cuore».

Bauer parla però di «questione aperta» riferendosi alla possibilità di rintracciare prima gli elementi di rischio. Basti pensare ai calciatori professionisti, i cui parametri vengono costantemente monitorati ma che continuano ad essere colpiti da morte improvvisa: «In alcuni di questi atleti – aggiunge il cardiologo tedesco – viene identificata dopo il decesso la presenza di cardiomiopatie o alterazioni del ritmo cardiaco che erano sfuggite precedentemente».

Un aiuto concreto potrebbe allora arrivare dai nuovi dispositivi indossabili che monitorano il paziente 24 ore su 24. «Le informazioni fornite da quelli esistenti oggi sono ancora molto limitate – commenta Bauer -, ma in futuro questi strumenti saranno sicuramente molto importanti per controllare in modo continuativo determinati pazienti. Ci aiuteranno ad identificare alcuni elementi importanti prima che le condizioni del paziente si deteriorino e ci permetteranno quindi di intervenire prontamente».

LEGGI ANCHE: MORTE CARDIACA IMPROVVISA, IVO PULCINI (S.S. LAZIO): «TECNOLOGIA AVANZATA PUO’ PREVEDERE GRAVI PROBLEMI PER ATLETI SANI E FARE DIAGNOSI PRECOCE»

Articoli correlati
Dislipidemie, Bilato (cardiologo): «Linee guida abbassano ancora i livelli di colesterolo LDL»
Il Direttore della Cardiologia degli Ospedali dell’ovest vicentino spiega chi sono i pazienti a rischio alto e molto alto
Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»
Alla Camera conferenza stampa per sensibilizzare sul tema. Europa Donna Italia presenta un manifesto in sette punti che prevede, tra le altre cose, la presa in carico da parte di un team di specialisti, lo psiconcologo e l’accesso ai farmaci innovativi
Giornata internazionale igienisti dentali: «Non rinunciate alla prevenzione per paura del covid-19»
«Il messaggio che mandiamo è forte e chiaro - spiega la presidente Antonella Abbinante - davanti al Covid-19 bisogna saper evolvere, non abbandonare i controlli per la salute»
Giornata Mondiale della vista, l’80% dei casi di cecità sono prevenibili
Questa mattina la conferenza stampa di presentazione dell’evento a cui seguirà una maratona in diretta streaming sulla pagina Facebook di IAPB Italia. Stirpe (Fondaz. Bietti): «L’organizzazione della sanità dovrà contenere il rischio contagio e trattare le urgenze delle quali l’epidemia ha ritardato la cura». Mariotti (OMS): «Senza una buona vista si rischia tre volte di più di ammalarsi di depressione e di avere incidenti stradali»
Scompenso cardiaco, Aisc: «Un milione di persone affette, ma numero in aumento»
Telemedicina e teleconsulti: nel 6° incontro nazionale annuale dal titolo “La gestione dello scompenso cardiaco nell’era post covid-19: parliamone con i pazienti” le associazioni di pazienti chiedono di rendere operativo il modello per patologie croniche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...