OMCeO, Enti e Territori 15 marzo 2018

Morte cardiaca improvvisa, Ivo Pulcini (S.S. Lazio): “Tecnologia avanzata può prevedere gravi problemi per atleti sani e fare diagnosi precoce”

Da oggi la prevenzione della morte cardiaca improvvisa è possibile quando la ricerca scientifica e l’innovazione strumentale vanno di pari passo e pongono al centro la tutela della vita delle persone. Con questa premessa, e per rispondere ai frequenti e tristi avvenimenti di morti improvvise, la multinazionale produttrice di dispositivi medici d’avanguardia BTL Industries lancia SDS “Sudden Death Screening”. Si tratta di un sistema unico al mondo […]

Da oggi la prevenzione della morte cardiaca improvvisa è possibile quando la ricerca scientifica e l’innovazione strumentale vanno di pari passo e pongono al centro la tutela della vita delle persone. Con questa premessa, e per rispondere ai frequenti e tristi avvenimenti di morti improvvise, la multinazionale produttrice di dispositivi medici d’avanguardia BTL Industries lancia SDS “Sudden Death Screening”. Si tratta di un sistema unico al mondo in grado di “Prevenire la Morte Cardiaca Improvvisa” di giovani atleti, semplicemente effettuando uno screening ECG di base. Il sistema si basa al 100% sui criteri di Seattle (oggi denominati Criteri internazionali) ed ha un’accuratezza del 98%. A provarlo sono stati gli atleti della Lazio, con il coordinamento del Dr. Ivo PulciniDirettore sanitario della S.S. Lazio 1900, che ritiene lo strumento estremamente attendibile e importante nella prevenzione della morte cardiaca improvvisa. Il dispositivo è stato inoltre testato dai giocatori della U.S. Salernitana 1919.

Così, il Dr. Ivo Pulcini dichiara a riguardo: «La prevenzione è l’anima della medicina sportiva che tratta prevalentemente soggetti in buona salute e cioè gli sportivi. Purtroppo non sempre l’occhio umano può cogliere delle sfumature che possono aggravarsi nel tempo e creare problemi alla salute e alla vita. Grazie alla tecnologia avanzata – prosegue – e ai criteri scientifici di Seattle, è possibile prevedere con largo anticipo un eventuale problema grave per atleti ritenuti sani e idonei all’attività agonistica, e farne una diagnosi precoce. Questi mezzi strumentali, attraverso il sistema SDS (Sudden Death System), possono fare accendere degli alert durante un esame elettrocardiografico, che permettono di scoprire in anticipo un eventuale problema cardiaco».

Il Prof. Foad Aodi, da parte sua, in qualità di Presidente dell’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI) e Presidente Onorario del Comitato Scientifico B-Academy, (Centro Studi Accademico Scientifico Culturale), afferma: «Gli unici strumenti per combattere la morte improvvisa sono: la prevenzione, gli accertamenti mirati, l’anamnesi accurata, l’innovazione strumentale e l’aggiornamento professionale continuo per i professionisti della Sanità. A questi elementi si aggiunge la presa in carico dell’atleta in maniera interdisciplinare e interprofessionale, con un confronto che coinvolge tutti gli esperti delle diverse branche, inclusi i medici di famiglia degli atleti, o i pediatri, nel caso dei minori. In Italia – prosegue – c’è un alto grado di preparazione dei professionisti della Sanità e c’è anche un forte impulso alla ricerca e all’innovazione tecnologica. Proprio per questo ringraziamo il Dr. Fabio Gugliucci, Direttore di BTLItalia, e tutto il suo staff, per il loro contributo fondamentale nell’aggiornamento professionale e nell’innovazione tecnologica: un supporto alla tutela della vita degli atleti e delle persone».
Il Dr. Fabio Gugliucci conclude: «Continua l’impegno di BTL e di B-Academy per sostenere e promuovere l’aggiornamento professionale e la prevenzione in cardiologia e riabilitazione. Stando a fianco di professionisti della Sanità, ci auguriamo di contribuire a salvare tante vite, di sportivi e non solo, mettendo sempre al centro dell’attenzione la salute delle persone e la collaborazione interprofessionale con tutti gli attori della Sanità, della ricerca e della tecnologia. Invitiamo tutti gli atleti a prendere in considerazione l’opportunità di sottoporsi ad un esame con dispositivo BTL SDS».

Articoli correlati
Gelo nemico del cuore, freddo e fatica aumentano il rischio di infarto
La Società Italiana di Cardiologia conferma: relazione pericolosa tra bassa temperatura e sforzo fisico, che fa salire al 34% il pericolo di infarto in pazienti ad alto rischio cardiovascolare. Indolfi (Sic): «questo vale per i soggetti che non sono in salute e che presentano fattori di rischio cardiovascolare»
di Lucia Oggianu
Change in Cardiology: a Torino cardiologi da tutto il mondo analizzano evoluzioni, cambiamenti e nuove terapie
L’incidenza delle malattie cardiovascolari a livello mondiale in termini di mortalità è del 36% nonostante una riduzione del 25% negli ultimi 20 anni. Numeri ancora allarmanti che richiedono innovazione nel modo di fare formazione, con un approccio a 360°, multidisciplinare e interattivo. Con questa premessa si apre la prima edizione di Change in Cardiology, il […]
I medici del San Raffaele lavorano in «bolle di futuro». L’intervista al direttore del centro tecnologia avanzata
L’IRCCS ospedale San Raffaele di Milano è da sempre attento all’evoluzione tecnologica. Sin dal 1997 ha capito le potenzialità di Internet e del Web e ha creato un’apposita area di ricerca per capirne le potenzialità per il sistema salute. Oggi, il Centro di ricerca tecnologie avanzate per la salute ed il benessere è diretto da […]
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
Ad ognuno il suo sport, ma decide la genetica. Il medico del Napoli: «Se sbagliata, l’attività fisica può far male»
Sulle morti improvvise dei calciatori, il dottor Alfonso De Nicola dichiara: «In rari casi può succedere, ma la tecnologia ci può aiutare a prevenirle»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano