Voci della Sanità 15 Marzo 2018 11:03

Morte cardiaca improvvisa, Ivo Pulcini (S.S. Lazio): “Tecnologia avanzata può prevedere gravi problemi per atleti sani e fare diagnosi precoce”

Da oggi la prevenzione della morte cardiaca improvvisa è possibile quando la ricerca scientifica e l’innovazione strumentale vanno di pari passo e pongono al centro la tutela della vita delle persone. Con questa premessa, e per rispondere ai frequenti e tristi avvenimenti di morti improvvise, la multinazionale produttrice di dispositivi medici d’avanguardia BTL Industries lancia SDS “Sudden Death Screening”. Si tratta di un sistema unico al mondo […]

Da oggi la prevenzione della morte cardiaca improvvisa è possibile quando la ricerca scientifica e l’innovazione strumentale vanno di pari passo e pongono al centro la tutela della vita delle persone. Con questa premessa, e per rispondere ai frequenti e tristi avvenimenti di morti improvvise, la multinazionale produttrice di dispositivi medici d’avanguardia BTL Industries lancia SDS “Sudden Death Screening”. Si tratta di un sistema unico al mondo in grado di “Prevenire la Morte Cardiaca Improvvisa” di giovani atleti, semplicemente effettuando uno screening ECG di base. Il sistema si basa al 100% sui criteri di Seattle (oggi denominati Criteri internazionali) ed ha un’accuratezza del 98%. A provarlo sono stati gli atleti della Lazio, con il coordinamento del Dr. Ivo PulciniDirettore sanitario della S.S. Lazio 1900, che ritiene lo strumento estremamente attendibile e importante nella prevenzione della morte cardiaca improvvisa. Il dispositivo è stato inoltre testato dai giocatori della U.S. Salernitana 1919.

Così, il Dr. Ivo Pulcini dichiara a riguardo: «La prevenzione è l’anima della medicina sportiva che tratta prevalentemente soggetti in buona salute e cioè gli sportivi. Purtroppo non sempre l’occhio umano può cogliere delle sfumature che possono aggravarsi nel tempo e creare problemi alla salute e alla vita. Grazie alla tecnologia avanzata – prosegue – e ai criteri scientifici di Seattle, è possibile prevedere con largo anticipo un eventuale problema grave per atleti ritenuti sani e idonei all’attività agonistica, e farne una diagnosi precoce. Questi mezzi strumentali, attraverso il sistema SDS (Sudden Death System), possono fare accendere degli alert durante un esame elettrocardiografico, che permettono di scoprire in anticipo un eventuale problema cardiaco».

Il Prof. Foad Aodi, da parte sua, in qualità di Presidente dell’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI) e Presidente Onorario del Comitato Scientifico B-Academy, (Centro Studi Accademico Scientifico Culturale), afferma: «Gli unici strumenti per combattere la morte improvvisa sono: la prevenzione, gli accertamenti mirati, l’anamnesi accurata, l’innovazione strumentale e l’aggiornamento professionale continuo per i professionisti della Sanità. A questi elementi si aggiunge la presa in carico dell’atleta in maniera interdisciplinare e interprofessionale, con un confronto che coinvolge tutti gli esperti delle diverse branche, inclusi i medici di famiglia degli atleti, o i pediatri, nel caso dei minori. In Italia – prosegue – c’è un alto grado di preparazione dei professionisti della Sanità e c’è anche un forte impulso alla ricerca e all’innovazione tecnologica. Proprio per questo ringraziamo il Dr. Fabio Gugliucci, Direttore di BTLItalia, e tutto il suo staff, per il loro contributo fondamentale nell’aggiornamento professionale e nell’innovazione tecnologica: un supporto alla tutela della vita degli atleti e delle persone».
Il Dr. Fabio Gugliucci conclude: «Continua l’impegno di BTL e di B-Academy per sostenere e promuovere l’aggiornamento professionale e la prevenzione in cardiologia e riabilitazione. Stando a fianco di professionisti della Sanità, ci auguriamo di contribuire a salvare tante vite, di sportivi e non solo, mettendo sempre al centro dell’attenzione la salute delle persone e la collaborazione interprofessionale con tutti gli attori della Sanità, della ricerca e della tecnologia. Invitiamo tutti gli atleti a prendere in considerazione l’opportunità di sottoporsi ad un esame con dispositivo BTL SDS».

Articoli correlati
A Bologna il primo ospedale parco per la riabilitazione intensiva neurologica e ortopedica
La nuova Villa Bellombra realizzata con una sinergia pubblico-privato permette ai pazienti di usufruire di attrezzatura concepite con le più moderne tecnologie robotiche. Orta (AD Consorzio ospedaliero Colibrì) «I cittadini avranno una struttura paragonabile a quelle di Boston o Tokyo, senza dover pagare nulla»
Attività sportiva panacea contro le “devianze”? Ecco perché non è così
La psicologa Morgilli (OdP Lazio): «Lo sport non è un medicinale che può essere prescritto. Attenzione alle attitudini individuali e al contesto, per intercettare fattori di rischio»
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Chiuso per ferie? Rossetto (FLI): «La riabilitazione non può andare in vacanza»
La presidente della Federazione Logopedisti Italiani: «In estate non solo difficoltà di accesso ai servizi sanitari nazionali, ma anche di continuità di erogazione delle prestazioni in corso, riabilitazione compresa. Negare la terapia riabilitativa significa aggravare la condizione di malati gravi e cronici»
Giffoni Innovation Hub, grande accoglienza per “Hai mai visto un unicorno?”, il cortometraggio che parla di vita e di SMA
Ragazzi dai 18 ai 30 anni hanno partecipato alla presentazione del film realizzato da Famiglie SMA, OMaR e GoGo Frames ponendo numerose domande per giungere a una riflessione: necessario parlare, raccontarsi ed essere ascoltati, soprattutto quando c’è di mezzo una disabilità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi