Salute 8 Novembre 2018

Medicina generale, Michieli (SIMG): «Professionisti sempre più anziani, occorre ‘svecchiare’ e incrementare formazione»

«Anni fa non esistevano i farmaci biologici e non si sapeva che la gravidanza potesse coesistere con alcune terapie. Insomma i tempi sono cambiati ed è importante che anche i medici che si sono laureati 40 anni fa restino al passo», così Raffaella Michieli, Segretario nazionale della Società Italiana di Medicina Generale

Immagine articolo

Oberati di lavoro, sovraccarichi di pazienti, precari o bloccati da un turnover immobilizzato. È la fotografia dei medici di medicina generale a cui, inoltre, manca anche una buona formazione su alcune branche della medicina più recente. Almeno secondo il parere di Raffaella Michieli, Segretario nazionale della Società Italiana di Medicina Generale.

«Io vorrei fare un appello – ha dichiarato la Michieli dal palco del convegno “La salute della donna con malattie reumatiche”, organizzato da HPS-AboutPharma e Onda -: basta formare i medici di medicina generale sempre sulle stesse tematiche, cerchiamo di andare oltre e consentirgli di fare una formazione più accurata e attenta ad alcune patologie (per esempio quelle rare) a cui spesso non viene data la giusta importanza».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE MMG, ANGELO TESTA (SNAMI): «CHIEDIAMO DA TEMPO DI RECUPERARE PRECARI MMG, PROPOSTA GOVERNO È UN BUON INIZIO»

L’aggiornamento «è importantissimo perché l’età media dei medici di famiglia a questo punto è molto alta – sottolinea il segretario SIMG -. Parliamo, più o meno, di una buona prevalenza di medici che sono over 60 anni. Questo significa – prosegue -, che la laurea è lontana di circa 40 anni dal percorso di vita e professionale».

La medicina è una disciplina in continua evoluzione e seguirne gli sviluppi è condizione imprescindibile per rimanere al passo con il progresso. «Anni fa le informazioni erano diverse – sottolinea la Michieli -, per esempio non esistevano i farmaci biologici che vengono ampiamente utilizzati oggi per varie patologie come quelle reumatiche. A proposito di malattie reumatiche, io stessa, fino a pochi anni fa, non sapevo che una donna che soffre di queste patologie può comunque continuare la terapia farmacologica anche durante la gravidanza».

«Dunque un update costante su queste materie e non solo – conclude – è necessario per garantire una valida preparazione al professionista che si traduce in servizio efficiente».

Articoli correlati
ACN Medicina Generale, SMI interrompe trattativa. Il segretario Onotri: «No ad accordo a zero risorse»
Il Sindacato dei Medici Italiani (SMI) ha interrotto le trattative in SISAC sul rinnovo del contratto nazionale dei medici di medicina generale. Il sindacato, in una nota, annuncia che ritornerà al tavolo delle trattative «solo dopo la verifica dell’atto di indirizzo da parte del Governo». «Chiediamo chiarezza su quale sia l’entità dei fondi da destinare […]
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
Specializzazioni mediche, aumentano i contratti. Ecco il decreto del Miur con la distribuzione dei posti
Aumentati i contratti di formazione medica specialistica per il 2018/2019. Sono 8.776. «Dobbiamo superare l'imbuto formativo e dare ai giovani laureati la concreta opportunità di completare il proprio percorso ed esercitare la professione. L’Italia ha bisogno di medici» ha precisato il ministro Marco Bussetti che ha firmato il provvedimento
Marini (Acoi): «Rivoluzionare formazione o usciamo dalle scuole»
«Il ministro Grillo conosce i nodi della sanità’ e voglio ringraziarla per l’attenzione che ha posto sul tema specializzandi e sul nostro progetto degli Ospedale-Scuola. Il tema centrale è la formazione e non c’è dubbio che se alle buone intenzioni non seguiranno i fatti i chirurghi italiani valuteranno l’uscita dalle reti formative nazionali». Lo ha […]
Patto per la Salute, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Servono risorse certe con risultati misurati». Sulla formazione: «Coinvolgere i pazienti»
Il Segretario dell’associazione dei pazienti ha partecipato all’ultima riunione degli Stati generali della professione medica: «Ci saranno nei prossimi anni straordinari dilemmi etici ad esempio legati al costo delle cure, forse sempre più alti, la possibilità per il medico di affrontare questi dilemmi etici attrezzato è centrale e decisiva». Poi sottolinea: «Noi non ci rassegniamo ad avere cittadini di serie A e di serie B, professionisti di serie A e di serie B»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...