Salute 24 Ottobre 2018 15:39

Formazione MMG, Angelo Testa (SNAMI): «Chiediamo da tempo di recuperare precari MMG, proposta governo è un buon inizio»

Tra i temi del XXXVII Congresso del Sindacato Nazionale Autonomo dei Medici Italiani che si svolge a Sorrento anche quello della carenza dei medici. «Chiediamo che quando un medico si iscrive a Medicina abbia poi la certezza di potersi specializzare», sottolinea Testa

Formazione MMG, Angelo Testa (SNAMI): «Chiediamo da tempo di recuperare precari MMG, proposta governo è un buon inizio»

“Il medico di medicina generale nel XXI secolo”. Guarda al futuro il XXXVII Congresso nazionale dello SNAMI, il Sindacato Nazionale Autonomo dei Medici Italiani, che si svolge dal 25 al 28 ottobre a Sorrento. Una sfida che il presidente Angelo Testa, che si ricandiderà per un quarto mandato, ha voluto cogliere interpretando le esigenze e le aspirazioni dei medici, soprattutto quelli di Medicina generale. Senza dimenticare le tante problematiche sul tavolo: la carenza di camici bianchi destinata ad acuirsi nei prossimi anni, il blocco delle assunzioni, il numero chiuso alla Facoltà di Medicina e l’imbuto formativo, i tanti dottori  che scelgono l’estero o vanno nel privato. E poi la sfida delle tecnologie, con cui ormai i medici devono confrontarsi quotidianamente, e della riforma della formazione dei medici MMG allo studio del governo: «Noi chiediamo da tanto tempo – spiega Testa a Sanità Informazione – di recuperare quella parte di categoria che sta lavorando senza corso di formazione nella Medicina generale facendo sostituzioni, guardie mediche notturne e festive, facendogli fare il corso, magari togliendo l’incompatibilità e allungando gli anni e su questo sembra che il Ministero ci stia seguendo».

Quali saranno le tematiche principali che saranno affrontate in questo Congresso?

«Le tematiche principali verteranno soprattutto sulla professione. Andremo a parlare di quello che sarà il rinnovo contrattuale, l’accesso alla scuola di formazione, del numero chiuso alla Facoltà di Medicina».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE MMG, FRACCARO AL QUESTION TIME: «INCARICHI ANCHE A CHI FREQUENTA IL CORSO. SINDACATI SARANNO COINVOLTI IN SCELTE»

A proposito di formazione, si sta parlando molto della formazione dei Medici di famiglia. Lei come valuta la proposta che il Ministero si accinge ad attuare?

«È una proposta che in alcuni punti è già stata modificata, sono state anche accolte delle nostre posizioni. Sicuramente è un inizio. Bisogna cominciare a parlare di formazione: è inutile che continuiamo a dire che mancheranno medici di famiglia se poi non ci prepariamo a creare quelli nuovi. La cosa migliore sarebbe che le Regioni dessero tante borse quante ne servono: mancano 10 posti, diamo 10 borse. Questo non sta avvenendo e bisogna trovare una soluzione. Noi chiediamo da tanto tempo di recuperare quella parte di categoria che sta lavorando senza corso di formazione nella Medicina generale facendo sostituzioni, guardie mediche notturne e festive, facendogli fare il corso, magari togliendo l’incompatibilità e allungando gli anni e anche su questo sembra che il Ministero ci stia seguendo. Ci sono altre cose da limare. Siamo all’inizio della strada, anche perché questo corso di formazione ormai è in partenza, dunque si agirà su quello del prossimo anno. Ben venga che il Ministero finalmente abbia preso coscienza che c’è questo problema e che bisogna affrontarlo».

Quali sono le vostre richieste alla politica: c’è il problema della carenza dei medici che potrebbe acuirsi nei prossimi anni…

«Noi chiediamo di aumentare i posti all’università, non di liberalizzarli ma aumentarli in modo programmato, in modo da avere nuovi medici nei prossimi anni da specializzare. Chiediamo che quando un medico si iscrive all’università di Medicina abbia poi la certezza di potersi specializzare. Non possiamo permetterci di avere medici che si iscrivono, fanno sei anni, costano alle famiglie e allo Stato un bel po’ di soldi e poi non possono specializzarsi perché non ci sono le borse nelle specialità o nei corsi di formazione MMG. Quindi devono entrare tanti medici quanti ne servono. Quei tanti che entrano devono essere certi in una specialità in un corso di formazione per poter lavorare: è fondamentale ma questa è programmazione che non dobbiamo fare noi ma devono fare i Ministeri della Pubblica Istruzione e della Salute e vorremmo capire perché non l’hanno fatta. Viene da chiedersi: non hanno voluto o non hanno saputo? In entrambi i casi mi spaventa la risposta».

Voi siete favorevoli ad abolire il numero chiuso?

«Noi siamo favorevoli a far entrare quanti ne servono. Non si può pensare di far entrare un decimo dei medici che servono e nemmeno far entrare tutti quello che vogliono entrare. Bisogna dare più possibilità alle persone di entrare e pensare ad un sistema alla tedesca: quindi dove c’è più possibilità per tutti non solo con il test di ingresso ma anche con altre situazioni di poter entrare».

Il titolo del vostro congresso è “Il medico di famiglia del XXI secolo” ma quale caratteristica deve avere il medico di famiglia del XXI secolo?

«Dev’essere un medico di famiglia che non si dimentica da dove arriva per sapere dove va. Non dobbiamo perdere quello che è stato il medico di famiglia, il medico che è partito dalle condotte, è passato dalle mutue ed è arrivato al medico di base: è sempre stato un medico cui la famiglia si rivolge per consulti, per la quotidianità. Deve anche diventare un medico tecnologicamente avanzato perché logicamente deve affrontare il futuro. Non deve però diventare un piccolo specialista ma restare un medico di famiglia. Nelle città in un modo, nei paesi un altro: abbiamo due sanità completamente diverse tra quella rurale e quella metropolitana. Dev’essere un medico che guarda molto indietro per ricordarsi cos’era e per spingersi in avanti».

Articoli correlati
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»
Dopo il concorso per l'ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, le prime segnalazioni parlano di numeri decisamente troppo ridotti rispetto al fabbisogno del Ssn. L'avvocato Tortorella spiega cosa può fare chi vuol fare ricorso
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Tumori cutanei, il corso Fad per riconoscerli
Offerto dal provider di Consulcesi Club, è pensato per mmg, dermatologi e chirurghi. Il responsabile scientifico Bassetto: «Il medico di base oggi deve avere nozioni per poter distinguere un tumore maligno della cute rispetto a una manifestazione benigna»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 163.082.347 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.379.501 i decessi. Ad oggi, oltre 1,46 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...