Politica 18 Ottobre 2018 17:26

Formazione MMG, Fraccaro al Question time: «Incarichi anche a chi frequenta il corso. Sindacati saranno coinvolti in scelte»

Il Ministro per i Rapporti con Il Parlamento ha risposto a una interrogazione della deputata Rosa Menga, giovane medico. E riporta i dati del Ministero della Salute: «Due terzi dei medici di medicina generale presentano un’età uguale o superiore a 60 anni e 1 su 5 è sulla fascia di età 65-70»

Continua il dibattito politico sul tema della carenza dei medici di Medicina generale che affligge il nostro Paese e sulle soluzioni da adottare, una questione che per ora vede su fronti opposti il ministro Giulia Grillo e i sindacati. Ieri ha provato a fare chiarezza un’interrogazione parlamentare della deputata Cinque Stelle Rosa Menga, medico iscritta al corso di formazione in Medicina generale. Menga ha chiesto al Governo, rappresentato a Montecitorio dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro, chiarimenti circa la possibilità di aprire il corso di formazione in Medicina generale ai medici che stanno ricoprendo incarichi provvisori tra quelli previsti dal relativo accordo collettivo nazionale e che siano risultati idonei non vincitori nei passati concorsi per l’ammissione al corso. «Questo punto – sottolinea Menga – ha generato preoccupazione nei medici vincitori di concorso e attualmente in formazione che temono di vedersi precluso l’accesso alla convenzione superati per punteggio nelle graduatorie regionali dai colleghi attualmente precari».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE MMG, MENGA (M5S): «DISCUSSIONE POSITIVA, MA PROPOSTA FIMMG VA RIPENSATA». E ARRIVA IL PIANO DEL MINISTRO

Sul punto Fraccaro è stato chiaro: il tema della carenza degli MMG va affrontato con urgenza. Per questo «è allo studio del Ministero un intervento normativo temporaneo che possa in via d’urgenza assicurare a tutti i cittadini la continuità dei servizi rendendo con il tempo più attrattivo per i giovani il corso di formazione specifica così da favorire la riduzione del tasso di abbandono verso altri percorsi post laurea. Tale intervento temporaneo è volto ad ampliare la possibilità di accedere all’assegnazione di incarichi convenzionali agli iscritti al corso di Medicina generale rendendo maggiormente flessibile la sua frequentazione». Fraccaro ha però voluto tranquillizzare i vincitori della borsa di studio in Medicina generale: la loro posizione non sarà pregiudicata. E ha rassicurato anche i sindacati: «Ogni scelta relativa alla priorità per l’inserimento nelle graduatorie regionali per l’assegnazione degli incarichi convenzionali sarà comunque condivisa con le organizzazioni sindacali».

LEGGI ANCHE: SCOTTI (FIMMG): «FORMULA 1 + 2. ECCO COME CAMBIARE LA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE»

Interessanti anche i dati forniti dal Ministro: circa due terzi dei medici di medicina generale presentano una età uguale o superiore a 60 anni e 1 su 5 è sulla fascia di età 65-70. Molti di loro lasceranno il lavoro nei prossimi anni con un saldo negativo stimato per il decennio 18-28 di 14248 medici. «Il rischio – ha sottolineato – è che a situazione normativa immutata le autorità saranno costrette a ricorrere a forme di precariato per far fronte alla necessità di assicurare la funzionalità dei servizi da garantire al cittadino». Poi, ha ricordato le 2093 borse di studio in Medicina generale per il triennio 2018-2021, con un aumento di oltre 800 unità.

Dal Ministero della Salute fanno sapere che il confronto con i sindacati è ancora in corso. La Fimmg per il momento è sul piede di guerra: gira in rete una video protesta con i giovani medici della Federazione, guidati dal Segretario Fimmg Formazione Noemi Lopes, che si mostrano con cartelli per dire no alla proposta del Ministero di riforma dell’accesso alla Medicina generale: «Una battaglia che non è mirata ad andare contro i colleghi precari per cui è necessario trovare al più presto soluzioni per stabilizzarli, ma alla tutela dei giovani medici diplomati che vedono leso un loro diritto».

 

 

Articoli correlati
Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»
Dopo il concorso per l'ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, le prime segnalazioni parlano di numeri decisamente troppo ridotti rispetto al fabbisogno del Ssn. L'avvocato Tortorella spiega cosa può fare chi vuol fare ricorso
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Tumori cutanei, il corso Fad per riconoscerli
Offerto dal provider di Consulcesi Club, è pensato per mmg, dermatologi e chirurghi. Il responsabile scientifico Bassetto: «Il medico di base oggi deve avere nozioni per poter distinguere un tumore maligno della cute rispetto a una manifestazione benigna»
Concorso Medici di Medicina Generale, in Lombardia si presentano in 750 per 174 posti
Tra i candidati prevale la convinzione che la medicina territoriale vada cambiata
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...