Salute 7 Maggio 2021 16:01

Medicina e chirurgia estetica, è boom di richieste in vista dell’estate

D’Andrea (SICPRE): «In forte aumento gli interventi al viso, in particolare le zone scoperte dalla mascherina. Ma non dimentichiamo i percorsi di chirurgia ricostruttiva, fondamentali nella presa in carico dei tumori al seno»

Nonostante il periodo di restrizioni legate al Covid e nella speranza che presto si torni alla normalità, con l’avvicinarsi dell’estate aumentano le richieste di trattamenti per il rimodellamento corporeo e il trattamento di inestetismi quali la cellulite.

Grande richiesta anche per i trattamenti viso a base di filler botulino e tecnologie, specie per difetti dovuti all’uso prolungato della mascherina, con un’attenzione maggiore alla cosiddetta ‘triade estetica’ cioè occhi, sopracciglia e fronte. Bisogna tuttavia attenersi ad alcune semplici regole, per non abusare di alcuni di questi interventi che potrebbero provocare l’effetto opposto.

Ancora una volta il messaggio degli specialisti rivolto ai pazienti è quello di indirizzarsi a strutture professionali, soprattutto per i giovani: «Il medico va scelto con attenzione tra gli specialisti di chirurgia plastica valutando il suo curriculum professionale e non consultando social ingannevoli che spesso non riportano risultati reali» afferma Francesco D’Andrea, presidente della SICPRE (Società Italiana Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica) e direttore del dipartimento di chirurgia plastica presso il Policlinico Federico II di Napoli. Proprio al prof. D’Andrea abbiamo chiesto un’opinione sulle motivazioni di questo boom e sugli interventi maggiormente richiesti.

Quali sono gli interventi di chirurgia estetica più richiesti in questo periodo?

«C’è sicuramente una grande voglia di prendersi cura del proprio corpo, complice il fatto che si torna a respirare aria di normalità dopo mesi e mesi di restrizioni. In particolare notiamo un grande aumento di richieste di trattamenti per il volto, soprattutto le zone che restano scoperte dalla mascherina, quindi tutto il cosiddetto terzo superiore: contorno occhi, arcata sopraccigliare, palpebre, fronte, su cui si agisce con filler e botulino, oppure chirurgicamente attraverso lifting e blefaroplastica. Per contro, non sono diminuite le richieste di altri interventi in altre zone del viso, i grandi classici della chirurgia estetica: naso, labbra e zigomi».

Perché questa rinnovata attenzione all’estetica del viso?

«Credo che in parte sia dovuto al largo uso, durante la pandemia, di strumenti di lavoro e relazionali quali videochiamate e videoconferenze. Improvvisamente le persone hanno visto sé stesse molto più di prima, notando difetti estetici di cui prima non si accorgevano, anche se l’aumentata percezione dell’estetica del proprio volto e, quindi, dei relativi difetti, risale già all’avvento dei “selfie”. Questo fattore, in aggiunta al fatto di aver risparmiato durante il lockdown su molte spese personali, come viaggi, cinema, teatri, ristoranti, ha consentito a molte persone di accumulare una sorta di “tesoretto” che ora viene, in molti casi, investito per migliorare il proprio aspetto».

E il resto del corpo?

«Non si fermano neanche gli interventi estetici che riguardano il corpo: anzi, mastoplastiche e interventi per la cellulite stanno avendo anch’essi un boom in vista delle riaperture estive. Il ritorno alla normalità passa anche per il desiderio di prendersi cura di sé stessi».

Spesso la chirurgia estetica nasce da esigenze più profonde. Qual è l’importanza della chirurgia ricostruttiva nelle Breast Unit, tra cui quella dell’ateneo federiciano, di cui è direttore?

«A subire una brusca battuta d’arresto durante la pandemia, come è noto, sono state purtroppo tutte le operazioni di screening per il tumore della mammella. Nella Breast Unit del Policlinico Federico II la chirurgia ricostruttiva post intervento demolitivo ha un’importanza fondamentale, per restituire alla donna la sua integrità fisica in un momento così delicato. La nostra Breast Unit si apre al territorio per raccogliere tutti i casi oncologici della mammella che necessitano di un percorso terapeutico avanzato che rispetti gli standard internazionali, anche dal punto di vista della chirurgia ricostruttiva».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
SICPRE, levata di scudi contro la chirurgia plastica low cost: «A rischio la vita dei pazienti»
D’Andrea (Sicpre) contro la chirurgia low cost: «Difendiamo la professionalità dello specialista e tuteliamo la salute del paziente». Smentita la credenza secondo cui i vaccini provocano effetti indesiderati su chi fa trattamenti di medicina plastica ed estetica
La casa delle donne operate al seno. Viaggio nella Breast Unit del S. Giovanni Addolorata
«Certificazione di qualità europea garanzia per tutti» spiega il Direttore sanitario Patrizia Magrini. «Approccio multidisciplinare aumenta sopravvivenza delle donne con cancro al seno del 18%» aggiunge il Direttore della Breast Unit Lucio Fortunato
Estate e mascherine, il vademecum per una convivenza meno complicata
I dermatologi della SIDeMaST hanno realizzato un vademecum per far “convivere” temperature alte e mascherine, per evitare irritazioni dovute a dermatite da contatto e il peggioramento di acne e rosacea
Interventi chirurgici nel post-Covid, studio internazionale rivela aumento di mortalità
Lo specialista nel team di ricerca: «Meglio aspettare sette settimane dopo la guarigione, quando possibile. Altrimenti, valutare attentamente rapporto rischio-beneficio, informando il paziente»
Ecdc: «Mascherina superflua tra vaccinati. Basso il rischio di infettare i non vaccinati»
Via libera anche da Ema. Fanno eccezione gli spazi pubblici e i posti affollati. Rimangono dubbi, però, sulla durata della copertura e sulla protezione dalle varianti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM