Salute 23 Aprile 2021 15:23

Ecdc: «Mascherina superflua tra vaccinati. Basso il rischio di infettare i non vaccinati»

Via libera anche da Ema. Fanno eccezione gli spazi pubblici e i posti affollati. Rimangono dubbi, però, sulla durata della copertura e sulla protezione dalle varianti

Ecdc: «Mascherina superflua tra vaccinati. Basso il rischio di infettare i non vaccinati»

L’Europa legittima il contatto fisico senza mascherina tra vaccinati. L’Ecdc – l’agenzia Ue che fornisce le linee guida per la gestione della pandemia – ha infatti autorizzato l’allentamento delle restrizioni per che ha ricevuto le due dosi di vaccino.

«I vaccinati hanno meno probabilità di trasmettere il virus ai loro contatti non vaccinati»

Sarà compito dei singoli governi recepire le raccomandazioni dell’ultimo report realizzato con il contributo dell’Ema che si è dichiarata d’accordo, «soprattutto per quanto riguarda la popolazione più giovane».

Nel documento, l’Ecdc spiega che «le prove derivanti dall’uso dei vaccini nella vita reale hanno mostrato un’elevata efficacia contro l’infezione da Sars-CoV-2» e che le persone che hanno completato il ciclo, se infette, «possono avere meno probabilità di trasmettere il virus ai loro contatti non vaccinati». Rimangono dubbi, però, sulla durata della copertura e sulla protezione dalle varianti.

«Le persone vaccinate possono togliersi la mascherina e ridurre il distanziamento fisico»

Quindi, considerando la situazione attuale, secondo l’agenzia Ue le persone vaccinate che si incontrano possono togliersi la mascherina e ridurre il distanziamento fisico. E non solo. Il rischio di sviluppare una grave malattia per un individuo non vaccinato che è stato in contatto con un positivo vaccinato, è «basso-molto basso» per i giovani adulti e «moderato» per gli anziani e le persone a rischio.

«La mascherina va indossata negli spazi pubblici e nei posti affollati»

Il discorso vale per i soggetti che «non presentano fattori di rischio» per lo sviluppo di una grave malattia. A tutto questo fanno eccezione gli spazi pubblici e i posti affollati: in treno, anche chi è vaccinato deve continuare a portare la mascherina. L’Agenzia europea, inoltre, propone di cambiare le disposizioni attuali sui test, la quarantena in caso di viaggio e i tamponi sul luogo di lavoro. Solo «se la circolazione delle varianti è molto bassa».

Burioni: «Io e Zangrillo l’avevamo capito con un certo anticipo e ci hanno pure criticato»

«Anche l’Ecdc finalmente ci dice che tra vaccinati possiamo stare senza mascherina e abbracciarci – scrive su Twitter il virologo Roberto Burioni, commentando una foto in cui lui e Alberto Zangrillo si abbracciano senza mascherina. «L’avevamo capito con un certo anticipo e ci hanno pure criticato» precisa il virologo. Entrambi i medici, che lavorano al san Raffaele di Milano, sono vaccinati.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A scuola in sicurezza: distanziamento, mascherine e test salivari. Ma cosa fare se c’è un positivo?
Le indicazioni di ISS e Governo per il rientro a scuola e il corretto svolgimento della didattica in presenza
Secondo l’ECDC le terze dosi per gli immunodepressi dovrebbero già essere considerate
L'ECDC si è espressa sulle terze dosi. Dai primi report va fatta una differenza tra persone immunodepresse e non: nel primo caso un terzo richiamo è già da mettere in conto mentre nel secondo non c'è urgenza
Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva
Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva
In 8 paesi europei in quattro anni è diminuito l’uso degli antibiotici
Secondo un Rapporto dell'ECDC, tra il 2014 e il 2018 in otto paesi europei l'informazione e l'impegno contro l'antibiotico-resistenza hanno dato i primi frutti. I più usati restano gli antibiotici ACCESS, che secondo l'Oms devono arrivare al 60% del totale di consumo
Variante Delta, l’ECDC: «A fine agosto responsabile del 90% dei casi in Europa. Non protetto chi ha ricevuto solo una dose»
La Direttrice del Centro Europeo per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie Andrea Ammon: «Ridurre l’intervallo tra la prima e la seconda somministrazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco