Salute 22 Aprile 2021 13:02

Digital Green Pass, Sileri: «Il certificato durerà sei mesi per vaccinati. Ipotesi test anticorpi per prolungarne la durata»

In audizione in Commissione Sanità, il sottosegretario ha spiegato: «L’Italia è in anticipo rispetto agli altri paesi. A giorni arriverà il formato cartaceo». Poi spiega: «Se nel periodo di vigenza semestrale l’interessato diventa positivo il certificato decade»

Digital Green Pass, Sileri: «Il certificato durerà sei mesi per vaccinati. Ipotesi test anticorpi per prolungarne la durata»

Il Digital Green Pass si avvicina a passo spedito. E se per avere il formato digitale ci vorrà un po’, a stretto giro potrebbe arrivare quello cartaceo. Ad annunciarlo è il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri in audizione in Commissione Igiene e Sanità al Senato che ha confermato che per i vaccinati il certificato durerà sei mesi.

«Siamo in anticipo rispetto agli altri paesi Ue. Cosa succederà alla scadenza è tutto da vedere – spiega il senatore -. Se il vaccino dovesse coprire le varianti, un’ipotesi realistica sarebbe quella di fare un controllo degli anticorpi per prorogare il certificato. Sarebbe un’ipotesi realistica, ma parlo da medico».

Il Digital Green Pass sarà rilasciato a chi ha avuto il vaccino, a chi ha effettuato con esito negativo un test antigenico o molecolare e a chi ha un certificato di guarigione dal Covid. In questo modo il diritto alla libera circolazione sarà garantito tra i paesi europei sia a soggetti immunizzati naturalmente o tramite vaccinazione che ai soggetti non immuni che non abbiano potuto o voluto vaccinarsi.

«Il certificato – spiega Sileri – sarà rilasciato in formato digitale o cartaceo nella lingua ufficiale dello Stato membro di rilascio e in inglese, dovrà avere un QR code e una firma digitale per essere sicuri che il certificato sia autentico. Non è un documento identificativo e deve essere sempre accompagnato da un documento d’identità».

Al Ministero della Salute spetta il coordinamento di questo progetto che sarà realizzato attraverso l’anagrafe nazionale dei vaccini e il sistema tessera sanitaria.

Il sottosegretario ha annunciato che si è insediato un gruppo di lavoro interistituzionale e un team operativo. Ha poi informato che le regioni sono state coinvolte e hanno accolto favorevolmente la proposta di un sistema centrale per l’emissione del certificato.

Tra i punti da chiarire c’è quello su chi deve emettere il certificato di guarigione da Covid: medici specialisti, Asl, medici di famiglia, ecc.

«Se nel periodo di vigenza semestrale l’interessato diventa positivo decade il certificato. Per quanto riguarda i test, la validità è di 48 ore dal rilascio», ha aggiunto il sottosegretario.

Sileri assicura che saranno individuate le specifiche tecniche per assicurare l’interoperabilità tra tutte le piattaforme e saranno messe in campo misure per assicurare la protezione dei dati personali e del codice a barre che permette di verificare l’aggiornamento dei dati.

«Sarà fondamentale che vengano rispettate tutte le norme di distanziamento e l’uso delle mascherine perché i vaccini garantiscono una protezione quasi totale dalla forma grave della malattia ma non possiamo dire la stessa cosa sulla trasmissione della malattia», conclude Sileri.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
David Donatello 2021, premiati i sanitari del Lazio. Marongiu: «Una grande e inaspettata emozione»
Consegnate le targhe d’onore a tre professionisti sanitari laziali: Silvia Angeletti, Ivanna Legkar e Stefano Marongiu. Quest'ultimo, nell'intervista a Sanità Informazione, dichiara: «Abbiamo bisogno di sognare e riflettere e il cinema, in questo, è maestro»
Il vaccino con birra in omaggio. Ecco come nel mondo si convincono i più scettici
Alcolici ma anche ciambelle, buoni sconto, premi. Dopo il boom iniziale che ha portato alcuni Paesi a vaccinare a tappeto si pensano modi alternativi per attirare più persone possibile
In Italia numero infermieri sotto media Ue: «Carenza aumenta mortalità pazienti»
In occasione della Giornata dell’infermiere, la FNOPI ha raccolto in un documento tutti i dati principali, i numeri e le problematiche della professione infermieristica in Italia
Anelli (Fnomceo): «Apriamo la questione medica. Disagio intollerabile in tutte le componenti della Professione»
La durata semestrale del green pass impedirebbe ai medici, vaccinati a gennaio, di spostarsi e accedere ai servizi. Anelli: «Chiediamo confronto aperto, permanente, diretto al ministro Speranza»
Estate e mascherine, il vademecum per una convivenza meno complicata
I dermatologi della SIDeMaST hanno realizzato un vademecum per far “convivere” temperature alte e mascherine, per evitare irritazioni dovute a dermatite da contatto e il peggioramento di acne e rosacea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...