Salute 22 Aprile 2021 13:02

Digital Green Pass, Sileri: «Il certificato durerà sei mesi per vaccinati. Ipotesi test anticorpi per prolungarne la durata»

In audizione in Commissione Sanità, il sottosegretario ha spiegato: «L’Italia è in anticipo rispetto agli altri paesi. A giorni arriverà il formato cartaceo». Poi spiega: «Se nel periodo di vigenza semestrale l’interessato diventa positivo il certificato decade»

Digital Green Pass, Sileri: «Il certificato durerà sei mesi per vaccinati. Ipotesi test anticorpi per prolungarne la durata»

Il Digital Green Pass si avvicina a passo spedito. E se per avere il formato digitale ci vorrà un po’, a stretto giro potrebbe arrivare quello cartaceo. Ad annunciarlo è il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri in audizione in Commissione Igiene e Sanità al Senato che ha confermato che per i vaccinati il certificato durerà sei mesi.

«Siamo in anticipo rispetto agli altri paesi Ue. Cosa succederà alla scadenza è tutto da vedere – spiega il senatore -. Se il vaccino dovesse coprire le varianti, un’ipotesi realistica sarebbe quella di fare un controllo degli anticorpi per prorogare il certificato. Sarebbe un’ipotesi realistica, ma parlo da medico».

Il Digital Green Pass sarà rilasciato a chi ha avuto il vaccino, a chi ha effettuato con esito negativo un test antigenico o molecolare e a chi ha un certificato di guarigione dal Covid. In questo modo il diritto alla libera circolazione sarà garantito tra i paesi europei sia a soggetti immunizzati naturalmente o tramite vaccinazione che ai soggetti non immuni che non abbiano potuto o voluto vaccinarsi.

«Il certificato – spiega Sileri – sarà rilasciato in formato digitale o cartaceo nella lingua ufficiale dello Stato membro di rilascio e in inglese, dovrà avere un QR code e una firma digitale per essere sicuri che il certificato sia autentico. Non è un documento identificativo e deve essere sempre accompagnato da un documento d’identità».

Al Ministero della Salute spetta il coordinamento di questo progetto che sarà realizzato attraverso l’anagrafe nazionale dei vaccini e il sistema tessera sanitaria.

Il sottosegretario ha annunciato che si è insediato un gruppo di lavoro interistituzionale e un team operativo. Ha poi informato che le regioni sono state coinvolte e hanno accolto favorevolmente la proposta di un sistema centrale per l’emissione del certificato.

Tra i punti da chiarire c’è quello su chi deve emettere il certificato di guarigione da Covid: medici specialisti, Asl, medici di famiglia, ecc.

«Se nel periodo di vigenza semestrale l’interessato diventa positivo decade il certificato. Per quanto riguarda i test, la validità è di 48 ore dal rilascio», ha aggiunto il sottosegretario.

Sileri assicura che saranno individuate le specifiche tecniche per assicurare l’interoperabilità tra tutte le piattaforme e saranno messe in campo misure per assicurare la protezione dei dati personali e del codice a barre che permette di verificare l’aggiornamento dei dati.

«Sarà fondamentale che vengano rispettate tutte le norme di distanziamento e l’uso delle mascherine perché i vaccini garantiscono una protezione quasi totale dalla forma grave della malattia ma non possiamo dire la stessa cosa sulla trasmissione della malattia», conclude Sileri.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.