Salute 22 Aprile 2021 13:02

Digital Green Pass, Sileri: «Il certificato durerà sei mesi per vaccinati. Ipotesi test anticorpi per prolungarne la durata»

In audizione in Commissione Sanità, il sottosegretario ha spiegato: «L’Italia è in anticipo rispetto agli altri paesi. A giorni arriverà il formato cartaceo». Poi spiega: «Se nel periodo di vigenza semestrale l’interessato diventa positivo il certificato decade»

Digital Green Pass, Sileri: «Il certificato durerà sei mesi per vaccinati. Ipotesi test anticorpi per prolungarne la durata»

Il Digital Green Pass si avvicina a passo spedito. E se per avere il formato digitale ci vorrà un po’, a stretto giro potrebbe arrivare quello cartaceo. Ad annunciarlo è il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri in audizione in Commissione Igiene e Sanità al Senato che ha confermato che per i vaccinati il certificato durerà sei mesi.

«Siamo in anticipo rispetto agli altri paesi Ue. Cosa succederà alla scadenza è tutto da vedere – spiega il senatore -. Se il vaccino dovesse coprire le varianti, un’ipotesi realistica sarebbe quella di fare un controllo degli anticorpi per prorogare il certificato. Sarebbe un’ipotesi realistica, ma parlo da medico».

Il Digital Green Pass sarà rilasciato a chi ha avuto il vaccino, a chi ha effettuato con esito negativo un test antigenico o molecolare e a chi ha un certificato di guarigione dal Covid. In questo modo il diritto alla libera circolazione sarà garantito tra i paesi europei sia a soggetti immunizzati naturalmente o tramite vaccinazione che ai soggetti non immuni che non abbiano potuto o voluto vaccinarsi.

«Il certificato – spiega Sileri – sarà rilasciato in formato digitale o cartaceo nella lingua ufficiale dello Stato membro di rilascio e in inglese, dovrà avere un QR code e una firma digitale per essere sicuri che il certificato sia autentico. Non è un documento identificativo e deve essere sempre accompagnato da un documento d’identità».

Al Ministero della Salute spetta il coordinamento di questo progetto che sarà realizzato attraverso l’anagrafe nazionale dei vaccini e il sistema tessera sanitaria.

Il sottosegretario ha annunciato che si è insediato un gruppo di lavoro interistituzionale e un team operativo. Ha poi informato che le regioni sono state coinvolte e hanno accolto favorevolmente la proposta di un sistema centrale per l’emissione del certificato.

Tra i punti da chiarire c’è quello su chi deve emettere il certificato di guarigione da Covid: medici specialisti, Asl, medici di famiglia, ecc.

«Se nel periodo di vigenza semestrale l’interessato diventa positivo decade il certificato. Per quanto riguarda i test, la validità è di 48 ore dal rilascio», ha aggiunto il sottosegretario.

Sileri assicura che saranno individuate le specifiche tecniche per assicurare l’interoperabilità tra tutte le piattaforme e saranno messe in campo misure per assicurare la protezione dei dati personali e del codice a barre che permette di verificare l’aggiornamento dei dati.

«Sarà fondamentale che vengano rispettate tutte le norme di distanziamento e l’uso delle mascherine perché i vaccini garantiscono una protezione quasi totale dalla forma grave della malattia ma non possiamo dire la stessa cosa sulla trasmissione della malattia», conclude Sileri.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccinati e guariti negli Stati Terzi, arriva la circolare su equipollenza con Green pass
Per i guariti e vaccinati in Paesi Terzi con uno dei prodotti autorizzati in Italia (Pfizer, AstraZeneca, J&J o Moderna) arriva la circolare del Ministero che equipara la validità delle certificazioni con Green pass. Ecco i requisiti necessari
Ogni anno i medici regalano all’azienda 10 milioni di ore di straordinario e 5 di ferie arretrate. Il report Anaao
Complice la pandemia e la cronica carenza di personale, i diritti dei medici e dirigenti sanitari vengono sempre meno rispettati e nel 64,2% dei casi le ore in eccedenza non vengono neppure pagate
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Boom di fake news in pandemia, 149mila contenuti sui vaccini in 7 mesi
Utenti no vax aumentati del +136%, secondo il report MESIT, 718mila iscritti a gruppi su Facebook. Sui vaccini le fake news viaggiano molto veloci: argomenti preferiti gli effetti avversi, la natura sperimentale e la composizione dei prodotti
Over 60 non vaccinati, l’idea del sindaco di Borgosesia Tiramani: «Palestra e piscina gratis per chi si immunizza»
Sono circa 200 gli over 60 ancora non vaccinati nella cittadina della Valsesia. Gli anziani che si vaccineranno non dovranno fare altro che dimostrare di aver ricevuto la prima dose dopo il primo agosto per ritirare presso gli uffici comunali l’abbonamento gratuito al centro sportivo Milanaccio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva